Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 19 ottobre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Il KNK condanna l’aggressione della Turchia al Kurdistan del sud

Il KNK condanna l’aggressione della Turchia al Kurdistan del sud

2 luglio 2019


Il KNK ha fatto appello alla Comunità Internazionale e ai difensori dei diritti umani in tutto il modo perché chiedano una fine dell’aggressione turca in Kurdistan del sud, Iraq del nord.Il Consiglio Esecutivo del Congresso Nazionale del Kurdistan (KNK) ha rilasciato una dichiarazione sull’aggressione contro il Kurdistan del sud da parte dello Stato turco.

La dichiarazione afferma che “lo Stato turco di recente ha intensificato la sua aggressione e occupazione del Kurdistan del sud (Kurdistan iracheno) in palese violazione del diritto internazionale, delle norme sui diritti umani e dei principi fondamentali della sovranità.”

La dichiarazione aggiunge che “nel corso dell’ultimo anno l’esercito turco ha significativamente aumentato la sua presenza militare all’interno dei confini iracheni in Kurdistan del sud e un mese fa, le forze armate turche hanno iniziato la loro più recente operazione militare oltre-confine invadendo ancora una volta territorio iracheno. Come in passato, l’esercito turco sta indiscriminatamente usando forza mortale in Kurdistan del sud. Giovedì, 27 giugno, aerei da guerra turchi hanno bombardato il monte Kortek in Kurdistan del sud, uccidendo 3 civili e ferendone altri 5.”

La recente campagna di aumentata aggressione militare contro il Kurdistan del sud, ha detto il KNK, “rappresenta una prosecuzione delle politiche di lungo corso dello Sato turco contro il popolo curdo. L’obiettivo finale è di occupare territori curdi, modificarne la demografia e ridurre al silenzio espressioni dell’identità curda.

Questo è lo stesso obiettivo che lo Stato turco persegue in Kurdistan del nord, all’interno dei confini della Turchia, attraverso arresti di massa e intimidazione di politici e attivisti democraticamente eletti, che chiedono diritti fondamentali per cittadini curdi, ed è l’obiettivo dell’intervento militare dello Stato turco in Rojava e in Siria del nord e dell’est, dove le forze armate turche lavorano a braccetto con gruppi jihadisti per combattere le Forze Democratiche Siriane (FDS) che di recente hanno sconfitto Stato Islamico (ISIS) con il sostegno della coalizione globale a guida USA e ora si impegnano per proteggere le regioni liberate della Siria e permettono all’Amministrazione Autonoma della Siria del Nord e dell’Est di servire i popoli della regione.”

Il KNK ha concluso la sua dichiarazione condannando “la brutale campagna di guerra e occupazione dello Stato turco in Kurdistan del sud”, e ha chiesto “alla Comunità Internazionale e ai difensori dei diritti umani in tutto il mondo di chiedere la fine di questa aggressione e che alla popolazione del Kurdistan del sud, che negli ultimi decenni è stata oggetto di innumerevoli atrocità, sia permesso di vivere in pace, libera dagli attacchi e dall’occupazione militare turca.”

Fonte: ANF


Inserisci un commento