Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 19 marzo 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Un appello urgente agli accademici, agli intellettuali e ai filosofi internazionali

Un appello urgente agli accademici, agli intellettuali e ai filosofi internazionali

23 febbraio 2019


Cari amici e colleghi,Cari accademici, intellettuali e filosofi, Scrivo dallo sciopero della fame curdo a Strasburgo per chiedere il ​​vostro sostegno nella nostra richiesta che il leader curdo, Abdullah Ocalan, detenuto in isolamento negli ultimi vent’anni, abbia i suoi diritti umani fondamentali.

Sono un cittadino irlandese, e con altri 13 attivisti politici, tra cui un avvocato, un ex parlamentare, un politico, un intellettuale e un giornalista, sono a Strasburgo per uno sciopero della fame a tempo indeterminato iniziato il 17 dicembre. Abbiamo deciso di essere qui perché questa è la sede del Consiglio d’Europa. Ora ci sono oltre 300 curdi in sciopero della fame a tempo indeterminato in diversi luoghi, molti dei quali prigionieri politici in Turchia. Questa forma di dissenso ha avuto inizio con il deputato in carcere, Leyla Guven, il 7 novembre. Lo scopo della nostra azione è porre fine all’isolamento inumano che lo Stato turco ha imposto ad Ocalan. Chiediamo che gli venga concesso il diritto a visite regolari da parte dei suoi familiari e avvocati, come richiesto dalla legge internazionale sui diritti umani e dalla costituzione della Turchia.

Ocalan non è un normale prigioniero politico. Innanzitutto, è una figura politica venerata da milioni di curdi come loro legittimo leader; ha dedicato la sua vita all’emancipazione curda dal brutale colonialismo interno praticato da Turchia, Iran, Iraq e Siria. Secondo, è un teorico politico la cui filosofia ha dato forma a ciò che vediamo ora nella Siria settentrionale (Rojava); una società democratica, multiculturale e femminista che è stata ammirata dalle forze progressiste di tutto il mondo. In terzo luogo, è stato il politico più vocale in Turchia a sollecitare la pace e una soluzione democratica al conflitto kurdo. Silenziare una figura politica come Ocalan significa mettere a tacere la voce più vitale per la pace in Turchia.

Mi potresti giustamente chiedere “perché metteresti la tua vita in pericolo per lui”? La risposta è semplice: l’indifferenza dell’Europa nei confronti della questione curda in generale e del caso di Ocalan in particolare, non ci ha lasciato alternative. I continui fallimenti delle istituzioni europee, come il Comitato per la Prevenzione della Tortura e il Consiglio d’Europa, di adempiere ai propri doveri ci costringono, in quanto cittadini europei, a intraprendere questo corso fatale. La loro incapacità di agire indica una crisi di democrazia e la perdita di valori umani e saranno responsabili di ogni fatalità. In definitiva, le istituzioni europee devono fare molto di più che sostenere la nostra semplice domanda, ma ciò che chiediamo dovrebbe essere un primo passo pratico e raggiungibile.

Finché la nostra richiesta non verrà soddisfatta, non porremo fine al nostro sciopero. La prospettiva della morte non ci spaventa, continueremo con la nostra protesta. Comprendiamo che noi, come esseri umani, siamo responsabili per il mondo in cui viviamo. Noi, insieme, abbiamo il potere di decidere a cosa assomigli quel mondo. Scegliamo di non accettare il ritiro globale dalla democrazia. Scegliamo di respingere il silenzio assordante e l’indifferenza verso la disumanità.

Come giovane filosofo politico istruito al University College di Dublino (UCD), e in nome di oltre 300 scioperanti della fame, vi invito a sollecitare le istituzioni europee a sentire la chiamata dei loro cittadini – che potrebbero perire in qualsiasi momento a Strasburgo – e adempiere alle proprie responsabilità, stabilite nella Convenzione Europea sui diritti umani, per contribuire a rimuovere l’isolamento imposto ad Ocalan prima che sia troppo tardi.

 

Kardo Bokanî

Strasburgo

18 febbraio 2019

Kardo Bokanî ha conseguito il dottorato di ricerca in filosofia politica presso l’University College di Dublino (UCD), dove ha insegnato per tre anni. Le sue pubblicazioni principali includono:

  • [Il caso curdo, un caso eccezionale] دۆزی دهگمهن, دۆزی كورد, 2016
  • Comunicazione sociale e mobilitazione politica curda in Turchia, 2017

Inserisci un commento