Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Iraq

Kamuran Berwarî KNK: L’obiettivo della Turchia è l’invasione

ll dottor Kamuran Berwarî ha affermato che la Turchia sta prendendo di mira l’invasione con attacchi nella regione federata del Kurdistan e ha affermato: “Questo è il problema dell’intero Kurdistan”.

Continuano gli attacchi della Turchia contro la Regione Federata del Kurdistan. Alla fine centinaia di veicoli corazzati militari turchi sono stati spediti nella regione attraverso la città di Amediye, e poi i soldati turchi hanno istituito un posto di blocco. Il dottor Kamuran Berwarî, vicepresidente dell’Accademia di democrazia e politica, ha valutato tutti questi sviluppi all’agenzia di stampa Hawar News.

Affermando che la Turchia ha cambiato la sua gestione degli attacchi contro la regione federata del Kurdistan, il dottor Kamuran Berwari ha affermato: “Lo Stato turco non ha raggiunto finora ciò che si era prefissato. Gli attacchi, che continuano dal 1983, sono durati alcuni giorni e poi i turchi si erano ritirati. Oppure hanno bombardato alcuni luoghi con decine di aerei da guerra. Adesso però vogliono occupare direttamente le terre del Kurdistan meridionale.

Il piano e contro anche allo Status del Bashur

“L’Iraq si considera debole nei confronti dello Stato turco”, ha dichiarato Berwari, aggiungendo che finora il governo di Baghdad non ha assunto un atteggiamento volto a difendere l’integrità territoriale dell’Iraq. Affermando che esiste un accordo segreto, Kamuran ha affermato: “Secondo me esiste un accordo segreto per occupare la regione del Kurdistan meridionale. Secondo l’accordo, dopo l’occupazione, lo Stato turco si ritirerà da alcune regioni e alcune regioni rimarranno sotto occupazione. Questo piano è stato fatto per la regione del Kurdistan meridionale e il suo status.”

Il dottor Kamuran Berwari ha richiamato l’attenzione sui possibili scenari e ha detto: “Se l’Iraq si espande oltre il confine della regione, adducendo la Turchia come scusa; se controlla il confine con la Turchia, il potere militare e il governo di Bashur non avranno alcun significato. La Federazione punta a sottoporre a referendum la costituzione per l’Iraq, che cerca di eliminare la regione del Kurdistan. “Dopo le visite della Turchia a Hewler e Baghdad hanno pianificato di progettare il Kurdistan meridionale tra Turchia e Iraq. Se la Turchia entrerà nelle terre dell’Iraq e del Kurdistan meridionale non si ritirerà di nuovo. Nella prima fase, lo Stato turco può occupare Mosul, Duhok, Sîlemanî, Hewlêr, Kirkuk, Diyala e Selehedîn adducendo come scusa il PKK. Se verrà fatto un passo del genere, nella seconda fase si muoverà verso l’invasione dell’intero Iraq. Questo è un piano strategico dello Stato turco.

C’è alleanza e compromesso

Sottolineando che la Turchia non può effettuare alcun attacco senza il permesso e la conoscenza delle forze internazionali, del KDP e dell’Iraq, Kamuan dice: “Le forze internazionali, l’Iraq, l’Iran e il governo del Bashur Kurdistan sono consapevoli degli attacchi alla regione.

Il silenzio dell’Iraq e del Kurdistan meridionale contro l’invasione turca è un segno di collaborazione. Il facile ingresso dei soldati statali turchi nel territorio del Kurdistan meridionale rivela che esiste un’alleanza e un compromesso tra i soldati turchi, iracheni e del KDP.”

La resistenza della gente

Richiamando l’attenzione sull’atteggiamento della popolazione della regione nei confronti degli attacchi dell’occupazione, il dottor Kamuran Berwari ha sottolineato che 46 milioni di persone, divise in diverse componenti, che vivono in Iraq, non cederanno facilmente le loro terre allo Stato turco e ai suoi gruppi paramilitari.

Sottolineando che il KDP è arrivato al punto di consegnare la regione federata del Kurdistan e il suo popolo allo Stato turco, Kamuran ha sostenuto: “Il nostro popolo patriottico del Kurdistan meridionale non dovrebbe dimenticare che ha resistito per giorni al regime Baath di Saddam. La gente del Bashur non dovrebbe rimanere in silenzio contro queste pratiche, dovrebbe in queste zone. L’atteggiamento di tutto il nostro popolo del Kurdistan dovrebbe rientrare in questo quadro. Perché questa situazione non è solo un problema di un’organizzazione o istituzione, è un problema dell’intero Kurdistan”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...

Libertà per Öcalan

In una conferenza stampa tenutasi presso la sede del partito ad Ankara, la portavoce Ayşegül Doğan ha sottolineato le violazioni dei diritti umani nella...