Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça chiede che vengano avviate indagini sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il quartiere storico della città curda di Diyarbakir (Amed), Sur, ha subito uno sfollamento su larga scala in seguito al conflitto armato del 2015-2016. La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico, iscritto nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Ceylan Akça Cupolo, deputata in rappresentanza di Diyarbakır, ha presentato un’inchiesta parlamentare per indagare sui danni significativi causati dalla decisione di esproprio del 2016 nel quartiere Sur della città. Dopo la fine dell’assedio e dei bombardamenti, il governo ha lanciato una campagna di trasformazione urbana su larga scala per ricostruire Sur, ma i critici sostengono che la campagna ha minato i diritti dei residenti locali.

Nella sua mozione, Ceylan ha evidenziato diverse questioni chiave:

Espropri su larga scala. La decisione iniziale di esproprio urgente a Diyarbakır comprendeva tutti i quartieri e le strutture registrate nel distretto di Sur. Questa decisione, approvata dall’allora Ministero dell’Ambiente e dell’Urbanistica il 21 marzo 2016, ha colpito circa 50.000 residenti e numerosi monumenti storici e culturali.

Mancanza di consultazione: la decisione di esproprio è stata presa senza consultare i proprietari terrieri, i residenti locali, le organizzazioni della società civile, le associazioni professionali, le amministrazioni locali o la gestione del sito UNESCO nonostante la designazione dell’area come patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 2015. Ospita 448 civili e 147 strutture monumentali all’interno del paesaggio culturale della Fortezza di Diyarbakır e dei Giardini Hevsel.

Giustificazione discutibile: La giustificazione dell’esproprio si basava sul fatto che l’area era descritta come “a rischio”, giustificazione che Ceylan considera fraudolenta. Sostiene che questa etichetta è stata utilizzata per evitare responsabilità e controllo.

Immobili sottovalutati: Gli immobili nel quartiere storico di Suriçi, valutati intorno ai 15 milioni di lire, sono stati sottovalutati tra le 100.000 e le 200.000 lire. I residenti che hannorifiutato queste offerte sono stati costretti ad contrarre pesanti debiti per acquistare nuove abitazioni in quartieri periferici o complessi residenziali di nuova costruzione. Le case e le attività commerciali completate sono state vendute all’asta pubblica agli investitori da “Emlak “Servizi di gestione della proprietà e commercio Inc.” Sfollamento forzato: decine di migliaia di residenti sono stati improvvisamente informati che le loro case strutturalmente sane erano state espropriate, costringendoli a trasferirsi. Molte di queste famiglie erano già state sfollate durante gli incendi dei villaggi negli anni ’90 e si erano reinsediate nei quartieri di Sur, solo per essere nuovamente sfrattate con la forza.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....