Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Libertà per Öcalan

Appello urgente ad Amnesty International affinché agisca riguardo all’isolamento del leader curdo Abdullah Öcalan

Esortiamo Amnesty International a indagare sulle terribili condizioni di detenzione di Abdallah Öcalan. Il regime turco ha violato tutti gli standard legali sui prigionieri politici, comprese le Regole Mandela delle Nazioni Unite sul trattamento dei prigionieri politici, e ha ignorato le proprie leggi sul trattamento dei prigionieri. Dal 25 marzo 2021, Öcalan è detenuto in incommunicado. Questo è un trattamento crudele, degradante e disumano. Chiediamo ad Amnesty International di considerare urgentemente le condizioni di detenzione del signor Öcalan.

Per favore firmate la nostra petizione qui sotto:

Apprezziamo il ruolo attivo svolto da Amnesty International nel 1999 contro la pena di morte a seguito del rapimento del leader del popolo curdo Abdullah Öcalan.

Sapendo che Amnesty International, in quanto organizzazione per i diritti umani più importante al mondo, è a conoscenza della situazione di Öcalan e in passato si è espressa a favore dei suoi diritti attraverso dichiarazioni e lettere alle autorità turche, vi invitiamo ancora una volta ad affrontare le sue condizioni carcerarie disumane e illegali.

Mentre la pena di morte è stata ufficialmente abolita in Turchia, lo Stato turco ha insistito affinché l’incarcerazione a vita di Öcalan fosse un trattamento lungo, doloroso e tortuoso.

Questo processo venne citato per la prima volta tre anni dopo il suo rapimento, durante le discussioni sull’abolizione della pena di morte. Durante quei dibattiti si disse che Öcalan non sarebbe stato ucciso “solo una volta, ma ogni giorno”, e un anno dopo, il segretario generale del Consiglio di sicurezza nazionale turco Tuncer Kılınç dichiarò che lo avrebbero “ucciso poco a poco”.
Di conseguenza, nell’ultimo quarto di secolo sull’isola di Imrali dove Öcalan è tenuto in isolamento dal 1999, è stato attuato uno “stato di illegalità” caratterizzato da una sospensione permanente di tutte le leggi e convenzioni sui diritti umani.

Il Consiglio d’Europa (CoE), di cui la Turchia è uno Stato membro, e il Comitato europeo per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti inumani o degradanti (CPT) sono responsabili del monitoraggio delle condizioni di detenzione del signor Öcalan.

Queste istituzioni hanno l’obbligo legale di garantire che gli Stati membri rispettino gli standard giuridici internazionali. Sfortunatamente, in questo caso il CPT e il Consiglio d’Europa non hanno effettivamente adempiuto ai loro compiti solenni e sembrano essere frenati da considerazioni geopolitiche.

Dal 25 marzo 2021 il signor Öcalan viene nascosto al mondo, senza che siano state fornite informazioni sulla sua salute o sicurezza. È detenuto in uno stato di detenzione in incommunicado, una politica perseguita dalla Turchia per causare traumi psicologici al popolo curdo e punirlo collettivamente per aver seguito la sua filosofia politica di liberazione.

La questione della libertà di Öcalan non è solo una questione individuale di diritti umani, poiché sciogliere questo nodo gordiano può anche trasformare il quarantennale conflitto armato turco-curdo in un promettente processo di pace.

Il 21 marzo 2013, quando Öcalan avviò questo processo annunciando un cessate il fuoco unilaterale, Amnesty International accolse con favore questo sviluppo e affermò che “il rispetto dei diritti deve essere al centro dei negoziati”.

Le persistenti violazioni dei diritti fondamentali di Öcalan rappresentano un attacco al popolo curdo e un passo decisivo per eliminare la possibilità di raggiungere la pace e non devono essere tollerate dalla comunità internazionale.

Al leader curdo Abdullah Öcalan deve essere consentito di incontrare i suoi avvocati e la sua famiglia in conformità con il diritto turco e internazionale. Chiediamo quindi ad Amnesty di esercitare pressione pubblica e politica sulla Turchia avviando una campagna internazionale di azione urgente

.

Grazie per la vostra continua attenzione a questo argomento e considerazione.

Cordiali saluti

Per firmare la petizione:

https://khrag.org/urgent-call-2024

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Libertà per Öcalan

La campagna “Libertà per Öcalan: Una soluzione politica alla questione curda” chiede al Comitato europeo per la prevenzione della tortura o dei trattamenti degradanti...

Interviste

Besê Hozat ha parlato della lotta per la libertà fisica del leader del popolo curdo Abdullah Öcalan. Besê Hozat, co-presidente del Consiglio esecutivo della...

Libertà per Öcalan

Richiamando l’attenzione sull’isolamento a İmralı, lo studio legale Asrin ha dichiarato: “Non possiamo avere notizie di Abdullah Öcalan, c’è un velo di segretezza a...

Libertà per Öcalan

Nel febbraio del 1999, 25 anni fa, Ocalan veniva espulso da Roma e consegnato, di fatto, ai suoi carcerieri turchi. Fu un atto vergognoso...