Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Libertà per Öcalan

Lo studio legale Asrın: l’isola di İmralı è tenuta dietro un velo di segretezza

Richiamando l’attenzione sull’isolamento a İmralı, lo studio legale Asrin ha dichiarato: “Non possiamo avere notizie di Abdullah Öcalan, c’è un velo di segretezza a İmralı”. L’ufficio ha sottolineato che a İmralı viene applicato un modello di tortura pesante. Lo studio legale Asrın con sede a Istanbul ha rilasciato una dichiarazione scritta sullo stato di incommunicado dei suoi assistiti, il leader del popolo curdo Abdullah Öcalan, Ömer Hayri Konar, Hamili Yıldırım e Veysi Aktaş, che sono detenuti nel carcere di massima sicurezza di tipo F di İmralı e di cui non si hanno notizie dal 25 marzo 2021.

Lo studio legale Asrın ha sottolineato che, nonostante tutte le richieste giudiziarie e amministrative, è stato loro impedito qualsiasi contatto con i propri assistitit dei quali non avevano notizie da 3 anni. Lo studio legale Asrın ha sottolineato che l’isola di İmralı, dove viene mantenuto lo stato di assoluta non comunicazione attraverso pratiche illecite, è tenuta dietro un “velo di segretezza”.

La dichiarazione rilasciata dallo studio legale Asrın recita quanto segue:

“Non abbiamo ricevuto una sola notizia dal signor Abdullah Öcalan, dal signor Ömer Hayri Konar, dal signor Hamili Yıldırım e dal signor Veysi Aktaş, che sono detenuti nella prigione dell’isola di İmralı, esattamente da 3 anni dal 25 marzo 2021.

Dopo che la telefonata del signor Öcalan con suo fratello è stata interrotta per una ragione sconosciuta il 25 marzo 2021. Nessun contatto è stato consentito nonostante tutte le richieste giudiziarie e amministrative da noi ininterrottamente presenate.

L’attuale stato di assoluta non comunicazione è mantenuto attraverso pratiche de facto e arbitrarie, nonché “decisioni giudiziarie” che non hanno alcun fondamento nella legislazione turca. Le sanzioni disciplinari citate come motivo del divieto delle visite dei familiari e le decisioni che impediscono le visite degli avvocati sono contrarie alla legislazione e costituiscono un reato penale per le autorità.

Inoltre non è riconosciuto il diritto alla corrispondenza e alle comunicazioni telefoniche. Tuttavia secondo le regole Mandela, non è possibile interrompere completamente i contatti con il mondo esterno.

In ogni circostanza deve essere assicurata una comunicazione minima dei detenuti con il mondo esterno. Non solo i criteri minimi non sono soddisfatti, ma anche i fascicoli e le decisioni su cui si basano queste pratiche sono nascosti agli avvocati. Con queste pratiche, l’isola di İmralı è mantenuta dietro un velo di segretezza. L’accesso alle più piccole informazioni sulla situazione attuale dei nostri clienti detenuti in un carcere dell’isola è stato impedito ininterrottamente per 3 anni, soprattutto dalle loro famiglie e dai nostri avvocati. Non disponiamo di alcuna informazione sul diritto alla salute dei nostri clienti e su altri diritti vitali fondamentali garantiti dal diritto nazionale e internazionale.

La mancanza di comunicazione assoluta, che non ha altri esempi nel processo storico, è un modello di grave tortura. A seguito della nostra richiesta al Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite di porre fine immediatamente alla mancanza di comunicazione assoluta, che viene applicata come una dimensione di questo regime di tortura e non ha equivalenti nell’ordinamento giuridico, il Comitato ha emesso una decisione cautelativa .

Nel settembre 2022, il Comitato ha invitato il governo turco a “porre fine alla detenzione in incommunicado a cui sono sottoposti i ricorrenti e a fornire loro accesso immediato e illimitato a un avvocato di loro scelta”. Nel gennaio 2023 il Comitato ha nuovamente esortato il Governo a rispettare questa misura, poiché non era stata rispettata. Tuttavia, il Governo, ignorando ancora una volta il diritto nazionale e internazionale, non ha attuato l’ingiunzione e ha persistito nella sua politica di assoluta non comunicazione.

Il CPT ha visitato la prigione di İmralı nel settembre 2022, quando lo stato di assoluta non comunicazione continuava ad aggravarsi. Tuttavia non ha ancora rilasciato il suo rapporto su questa visita, né ha rilasciato una minima dichiarazione pubblica sulla salute e sulle condizioni di detenzione dei nostri clienti. Ancora una volta, la Corte europea dei diritti dell’uomo si è astenuta dal pronunciarsi sulla questione critica riguardante le pratiche di isolamento nel carcere di İmralı, nonostante si trovasse davanti ad essa da 13 anni. Indubbiamente, questo atteggiamento degli organi del Consiglio insieme al governo conferma la verità che le pratiche a İmralı non si basano su decisioni legali ma su decisioni politiche prese a livello internazionale.

È anche chiaro che il regime di isolamento assoluto prende di mira la proposta sociale democratica, ecologica e liberazionista delle donne sviluppata da Öcalan. I forti progetti di soluzione da lui portati avanti, la lotta che porta avanti a favore dei popoli e la forza intellettuale e ideologica che ha prodotto nonostante il rigido regime di isolamento sono diventati il modello di vita più alternativo contro le politiche di polarizzazione e di guerra non solo in Turchia ma anche in tutto il Medio Oriente. Pertanto la fine del regime di isolamento imposto a Öcalan sarà il passo più grande verso la ricostruzione della democrazia in Turchia e in Medio Oriente.

Si è visto chiaramente che le politiche di assoluta non comunicazione applicate a Öcalan si riflettono in ogni aspetto della vita. Con l’aggravarsi delle politiche di isolamento attuate a İmralı, crescono le molteplici crisi in cui sono trascinati i popoli della Turchia, in particolare la questione curda.

L’unica via d’uscita da questa crisi multipla e l’unico modo per costruire una società democratica e pacifica è garantire la connessione di Öcalan con il mondo esterno. Per superare i problemi storici e sociali della nostra geografia, è di vitale importanza porre fine all’isolamento, che è uno stato di assoluta cattiva comunicazione.

Per superare i problemi storici e sociali della nostra geografia, è di vitale importanza porre fine all’isolamento, che è uno stato di assoluta cattiva comunicazione. Mentre le masse, consapevoli di questa realtà, reagiscono in ogni campo, l’atteggiamento di “chiudere un occhio” manifestato dalla politica, dal diritto, dalla società civile e da tutti gli intellettuali che hanno il compito di aprire la strada alla società è inaccettabile. In questa occasione invitiamo gli interlocutori competenti a dire la verità e a rivendicare le proprie responsabilità primarie.

A questo proposito, vorremmo ribadirlo; tutti i diritti dei nostri assistiti, in particolare il diritto di vedere un avvocato, devono essere garantiti immediatamente e senza alcuna restrizione secondo la responsabilità e l’obbligo richiesti dai principi del diritto nazionale e internazionale. Lo stato di incommunicado durato 3 anni, che ha causato grandi preoccupazioni tra noi come loro avvocati e la maggioranza della società, deve finire e l’ingiunzione del Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite deve essere rispettata.”

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Libertà per Öcalan

Nel febbraio del 1999, 25 anni fa, Ocalan veniva espulso da Roma e consegnato, di fatto, ai suoi carcerieri turchi. Fu un atto vergognoso...

Libertà per Öcalan

In un messaggio inviato tramite i suoi avvocati, Sebahat Tuncel ha dichiarato che inizierà lo sciopero della fame a partire da domani e che...

Libertà per Öcalan

Il gruppo parlamentare del partito DEM ha convocato una riunione d’emergenza della sottocommissione d’inchiesta sui diritti dei condannati e dei prigionieri della Commissione parlamentare...

Libertà per Öcalan

Affermando che le loro preoccupazioni nei confronti del leader del PKK Abdullah Öcalan sono aumentate dopo il terremoto di Gemlik, il deputato dell’HEDEP Ömer...