Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

La famosa avvocata turca Feyza Altun è stata rilasciata sotto controllo giudiziario per le proprie osservazioni sulla sharia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo che era stata presa di mira da islamisti e soggetti filogovernativi. L’ufficio del procuratore capo di Beykoz si era opposto al rilascio di Feyza Altun, chiedendone l’incarcerazione con l’accusa di “incitamento all’odio e all’ostilità”.

Il 20 febbraio un tribunale di Istanbul ha rilasciato sotto misure di controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun, un giorno dopo la sua detenzione per le sue osservazioni sulla “sharia”. Tuttavia, l’ufficio del procuratore capo di Beykoz si è opposto al rilascio di Feyza.

Come parte delle misure, la corte ha anche imposto un divieto di viaggio internazionale ad Altun, che deve presentarsi presso una stazione di polizia due giorni alla settimana.

Il 19 febbraio, Feyza è stata arrestata nell’ambito di un’indagine avviata dall’ufficio del procuratore capo di Istanbul con l’accusa di “incitamento delle persone all’odio e all’ostilità” per aver detto “F**k la sharia”.

Alcuni utenti dei social media hanno preso di mira Feyza per aver “insultato la sharia” in un post condiviso su X il 18 febbraio, in cui ha detto: “F**k la sharia”, in risposta a un altro utente. Altun ha cancellato il post dopo aver subito la reazione negativa degli islamisti e di soggetti filogovernativi.

In risposta Feyza ha affermato di non aver preso di mira alcuna convinzione e ha aggiunto: “Per me, ciò che chiamate Sharia è la mentalità talebana che lapida le donne per strada. In questo contesto, resto fedele alle mie parole. Questo regime non sarà implementato neanche in questo paese. In questo paese si applica la moderna legge secolare. Richiedere la sharia è una minaccia all’ordine costituzionale e un crimine”.

Anche la Direzione statale per gli affari religiosi (Diyanet) ha presentato una denuncia penale contro Altun, chiedendo che fosse processata con l’accusa di “insulto ai valori religiosi e sacri” e di “incitamento alle persone all’odio e all’ostilità”.

La sua detenzione ha anche suscitato una reazione tra l’opposizione poiché alcuni utenti hanno affermato che la difesa della sharia è contraria alla costituzione.

L’avvocato di Feyza Altun, Emrah Karatay, ha dichiarato il 19 febbraio in un post sui social media che “le discussioni sul regime in Turchia si sono concluse il 29 ottobre 1923”, quando è stata fondata la Repubblica.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...