Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Il microfono della deputata spento quando ha parlato in curdo durante la Giornata della lingua madre

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale della lingua madre, è stato spento due volte e il presidente del Parlamento Celal Adan ha sottolineato “una sola lingua”. La deputata del Partito per l’uguaglianza e la democrazia dei popoli (Partito DEM) Merdîn Beritan Güneş Altın è intervenuta all’Assemblea Generale del Parlamento nell’ambito della Giornata mondiale della lingua madre del 21 febbraio. Beritan che ha iniziato il suo discorso in curdo, ha avuto spento il microfono due volte.

Il vicepresidente del parlamento dell’MHP Celal Adan, che ha spento il microfono di Güneş, ha spiegato così il motivo dell’interruzione: “Secondo l’articolo 3 della nostra Costituzione, lo Stato turco è un tutto indivisibile con il suo Paese e la sua nazione. La lingua è il turco”.

Reazioni della politica ipocrita

Beritan, il cui microfono è stato spento due volte di seguito perché parlava curdo, ha reagito al blocco e ha affermato: “Considerate la celebrazione della Giornata mondiale della lingua madre come propaganda? Poi andate a dirlo ai vostri candidati sindaci dell’AKP; Non dovrebbero venire a Mardin, Diyarbakır, Urfa e fare propaganda in curdo. Non rivelate la vostra ipocrisia in questo modo.” Poi, Güneş ha provato a parlare ancora una volta e ha chiesto di non essere interrotta. In risposta a questa richiesta di Adan Güneş, ha risposto: “Ma apprezzerei se mi parlassi in turco. “

Non è possibile comprendere questa intolleranza

Il vicepresidente del gruppo DEM Sezai Temelli, che ha preso la parola, ha dichiarato: “Oggi è la Giornata internazionale della lingua madre e naturalmente ognuno la celebra nella propria lingua . È impossibile comprendere questa intolleranza. Del resto, tale celebrazione non è contraria ad alcun articolo, tanto meno all’articolo 3 della Costituzione; Si tratta, al contrario, di difendere l’articolo 10 della Costituzione.

Pertanto, ovviamente, festeggeremo qui nelle nostre lingue materne. Continueremo a festeggiare in questo modo. Sappiamo anche che la lingua ufficiale in Turchia è il turco e che il Parlamento dovrebbe svolgere i propri lavori in turco. Sì questo è un obbligo derivante dalla legge, ma ciò non significa che non useremo la nostra lingua madre e non esprimeremo questa lingua in tali celebrazioni. Vi preghiamo di rispettare questo e conduciamo questo rapporto con rispetto, entro i necessari limiti di tolleranza.”

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...