Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Tülay Hatimoğulları: Adottare provvedimenti prima che la situazione nelle carceri peggiori

La co-presidente del partito DEM, Tülay Hatimoğulları, che ha fatto visita ai politici in sciopero della fame, ha dichiarato: “La nostra richiesta è che vengano adottate misure per una soluzione prima che la situazione nelle carceri peggiori”.

Lo sciopero della fame lanciato dall’organizzazione provinciale di Ankara del Partito per l’uguaglianza e la democrazia dei popoli (Partito DEM) con lo slogan “Libertà per Abdullah Ocalan e una soluzione democratica alla questione curda” prosegue al suo terzo giorno. I responsabili dell’organizzazione distrettuale di Mamak e Etimesgut hanno proseguito con l’iniziativa di oggi. Hanno partecipato le Madri per la Pace, la co-presidente del partito DEM Tülay Hatimoğulları e i membri dell’Iniziativa studentesca democratica (DEM-Uni).

Tülay ha salutato le azioni dello sciopero della fame e ha affermato: “L’isolamento del signor Öcalan deve essere abolito immediatamente, e la richiesta di tutti noi è quella di adottare provvedimenti per una soluzione prima che la situazione nelle carceri peggiori”.

Richiamando l’attenzione sullo sciopero della fame iniziato nelle carceri, Tülay Hatimoğulları ha affermato: “Non sappiamo come proseguiranno questi scioperi della fame, che continueranno alternativamente fino al 15 febbraio. Tuttavia, crediamo che le conseguenze politiche di questa importante e storica resistenza iniziata dai detenuti politici prima che lo sciopero della fame all’interno si trasformasse in una situazione più aggravata saranno benefiche per l’intera società”.

Il più grande ostacolo alla democrazie

Affermando che in Turchia ci sono guerre e conflitti da 40 anni e che quindi non è stato fatto alcun progresso nella soluzione della questione curda, Tülay ha detto: “Oggi, non solo i curdi, ma tutto il popolo turco sta pagando un caro prezzo per la mancata risuluzione della questione curda attraverso metodi pacifici e democratici.

Vediamo tutti che una delle ragioni della grave povertà che sperimentiamo oggi è l’insistenza sulla guerra come prodotto di questa politica oscura e malvagia portata avanti dagli stati per proteggere il proprio potere, in particolare la questione curda”.

Fate un passo prima che la sistuazione peggiori

Tülay Hatimoğulları ha concluso le sue parole così: “Crediamo che tutti insieme ce la faremo. La resistenza mostrata oggi dalle madri, la loro sofferenza, la loro insistenza sulla pace e le loro richieste a riguardodel signor Öcalan sono molto significative e importanti.

Come partito DEM, queste richieste sono state le nostre richieste fin dall’inizio e crediamo che riusciremo a raggiungere questo obiettivo lavorando insieme. Ti auguriamo successo, vinceremo insieme. È stato scritto uno slogan chiamato “Imrali è l’indirizzo della soluzione”, è uno slogan molto significativo. L’isolamento imposto al signor Öcalan deve essere abolito immediatamente, e noi chiediamo che si adottino misure per trovare una soluzione prima che la situazione nelle carceri peggiori”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...