Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Adalet Kaya: I candidati del partito DEM scelti con le elezioni primarie

Negli ultimi anni sono stati arrestati oltre un centinaio di sindaci eletti di municipalità curde, ma molte persone si sono presentate come candidate per il partito DEM alle elezioni amministrative. Sabato e domenica le persone hanno scelto i loro candidati finali. Il 31 marzo si terranno le elezioni amministrative in Turchia. Il Partito per l’uguaglianza e la democrazia dei popoli (DEM) è subentrato ad HDP, minacciato di illegalizzazione, e sostiene la decentralizzazione del sistema di governo politico e la considerazione delle peculiarità regionali.

Dopo le ultime due elezioni amministrative, quasi tutte le municipalità ottenute dal DBP e da HDP sono stati poste sotto l’amministrazione statale. Nel 2016 sono stati arrestati 93 sindaci e nel 2019 altri 43. Ciononostante, molte persone si sono presentate al partito DEM per candidarsi a una carica di sindaco o per un posto nei consigli municipali. Sabato e domenica sono stati selezionati i candidati finali con le elezioni primarie previste in decine di città.

Il sistema della copresidenza è stato criminalizzato

Il fatto che tra i richiedenti ci siano molte donne è uno sviluppo positivo, ha affermato la deputata DEM Amed Adalet Kaya. La politica curda, eletta membro del parlamento turco nel maggio dello scorso anno, è stato in precedenza presidente dell’Associazione delle donne Rosa.

Ha scontato una pena in prigione a causa del suo impegno nella politica delle donne. Ha descritto la nomina di amministratori statali nelle comunità curde invece di co-sindaci eletti come una pratica antidemocratica che viola il diritto nazionale e internazionale e ignora la resistenza della gente alle politiche di assimilazione.

“Soprattutto – ha detto Kaya – sono state attaccate le conquiste delle donne e il lavoro che svolgono. Il più importante di questi risultati è stato il sistema di co-rappresentanza, l’altro sono stati i meccanismi messi in atto per rafforzare la rete di solidarietà femminile, le cooperative, i centri di consulenza e solidarietà e i centri di accoglienza per le donne.”

I fiduciari, una storia di furti, estorsioni e corruzione

Adalet Kaya ha sottolineato la natura monistica, razzista e sessista dello Stato turco e ha affermato: “Non vogliono che le donne abbiano potere in nessun ambito e siano rappresentate equamente nelle comunità. Il buon funzionamento delle comunità nelle province curde e la risposta positiva che c’è stata anche all’estero hanno messo in luce il cattivo funzionamento delle comunità da loro gestite, e questo era un aspetto che non potevano sopportare. Non sono riusciti a conquistare le nostre comunità e hanno imposto loro dei fiduciari, usurpando così ciò che non veniva loro dato gratuitamente. Erano coinvolti in furti, estorsioni e corruzione.”

La lotta delle donne minaccia il governo

Adalet ha sottolineato che il sistema della doppia leadership è stato sostenuto dal movimento delle donne curde e ora è diventato ufficiale: “Ora ogni partito può utilizzare il sistema della co-presidenza. Questo modello è stato introdotto anche a livello locale. Ciò garantisce che le donne possano essere coinvolte nell’amministrazione locale e decentrata in tutti gli ambiti della vita e non solo in ambiti specifici. Abbiamo implementato questo modello nelle municipalità nelle ultime tre legislature. Non ha ancora acquisito personalità giuridica nei confronti dei comuni. Continueremo la nostra lotta su questo tema. Questa è, ovviamente, una questione molto critica per il governo. Lo vede come una minaccia e proprio per questo criminalizza il modello del co-sindaco come struttura terroristica. Molti dei nostri sindaci sono ancora in carcere. Alcuni sono stati rilasciati dopo lunghe pene detentive, ma i loro processi continuano. Gültan Kışanak è una figura politica molto importante in questo contesto. È ancora tenuta in ostaggio politico ed è vista come una minaccia. Ha dato un contributo molto importante alla lotta delle donne curde e al sistema della doppia leadership. Decine di sindaci e attiviste del TJA sono in prigione e il motivo principale è che i risultati ottenuti dalle nostre donne sono notevoli. Il governo vede la lotta delle donne, la loro leadership e la pari rappresentanza come una seria minaccia per se stesso e sta cercando di limitarci in tutti i settori”.

Mantenere vivo il nostro sistema ecologico, democratico e favorevole alle donne

Dopo le elezioni parlamentari dello scorso maggio, sono state espresse molte critiche sulla strategia del partito e queste critiche della base sono state prese in considerazione, ha affermato Adalet Kaya: “Il nostro comitato esecutivo del partito ha valutato queste critiche e stiamo andando alle elezioni ammiistrative tenendo conto di questa critica. A questo scopo si sono tenuti incontri pubblici per rafforzare e sviluppare il partito. Questi incontri sono stati molto produttivi e innovativi. Abbiamo avviato un periodo di partecipazione democratica e pubblica sia nella selezione dei candidati che in seguito. I candidati vengono scelti attraverso elezioni primarie alla base; anche nei piccoli distretti, tutti, dalle organizzazioni della società civile agli imprenditori. Il risultato è determinato dal consenso e riteniamo che questo sia molto importante. Le persone vogliono sbarazzarsi degli amministratori fiduciari, vogliono indietro le proprie comunità. Vogliamo governare noi stessi le nostre città e comunità e mantenere vivo il nostro sistema ecologico, democratico e favorevole alle donne. Stabiliamo meccanismi che diano potere alle donne e le proteggano dalla violenza. Ecco perché vogliamo che tutti siano coinvolti in questo processo.”

 

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...