Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Partito DEM: Il bombardamento degli insediamenti civili è un crimine di guerra

ANKARA – Il partito DEM ha rilasciato una dichiarazione sugli attacchi della Turchia in Siria settentrionale e orientale: “Il bombardamento degli insediamenti civili è un crimine di guerra, fermate gli attacchi al Rojava”. Il Comitato esecutivo centrale (MYK) del Partito per l’uguaglianza e la democrazia dei popoli (Partito DEM) ha rilasciato una dichiarazione scritta in merito agli attacchi aerei della Turchia sulle città della Siria settentrionale e orientale. La dichiarazione rileva che gli insediamenti civili sono stati presi di mira negli attacchi e sottolinea che questa situazione costituisce un crimine di guerra.

Molte persone hanno perso la loro vita

Il comunicato prosegue con le seguenti dichiarazioni: “La notte del 23 dicembre è stato effettuato un pesante bombardamento contro le infrastrutture vitali della regione, in particolare le raffinerie di petrolio e i magazzini di grano nelle città di Dêrik, Qamişlo e Tirbespiyê.

Negli attacchi sono stati presi di mira anche gli impianti di elettricità, petrolio e gas di Hesekê, che forniscono servizi alla popolazione della regione.

Il 25 dicembre, depositi di carburante e centri di stampa sono stati bombardati nelle campagne di Afrin, nelle città di Qamishlo e Kobani.

Anche cementifici, pozzi petroliferi, magazzini di grano e luoghi di lavoro sono stati presi di mira dagli attacchi aerei. È noto che molte persone hanno perso la vita e molti civili, compresi gli operai edili, sono rimasti feriti a seguito degli attacchi. Commemoriamo coloro che hanno perso la vita negli attentati e auguriamo una pronta guarigione ai feriti.

Il principale obiettivo degli attacchi sono i curdi

Solo quest’anno sono stati effettuati 117 attacchi aerei da parte di aerei da guerra turchi contro la Siria settentrionale e orientale e sono state uccise 86 persone. È chiaro che l’obiettivo principale degli attacchi sono i curdi, e il fatto di prendere di mira insediamenti civili e persone innocenti ne è un’indicazione. Il governo AKP-MHP distorce l’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite e presenta questi attacchi senza confini contro i curdi come legittimi alla comunità internazionale.

Come risultato di questi attacchi, sta attuando una politica di cambiamento demografico che equivale a un crimine di guerra nelle regioni in cui vivono i curdi, come è avvenuto ad Afrin.

Tutti questi attacchi distruggono le basi per una soluzione politica e la stabilità in Siria e fanno sì che la guerra diventi permanente e continui a livello regionale.

La gente in Turchia chiede la pace

Questi attacchi a tutto campo contro la popolazione curda e della regione, immediatamente successivi ai recenti scontri e alle perdite di vite umane, non fanno altro che aggravare la sofferenza. ll popolo turco non chiede più che la questione curda venga spinta in un vicolo cieco con parole eroiche e politiche di guerra, ma chiede una soluzione onorevole, democratica e di pace. Come abbiamo dolorosamente sperimentato per 40 anni, la guerra e i conflitti non vanno a beneficio della società turca; al contrario, non solo provocano la perdita di vite umane, ma aggravano anche le crisi sociali in ogni campo. Il governo AKP-MHP, che cerca di mantenere il proprio potere attraverso la guerra, non potrà sfuggire al destino dei suoi predecessori, che hanno insistito su una situazione di stallo.

Gli attacchi devono finire immediatamente

Diciamo basta a questa follia bellica portata avanti in ogni campo. Questi attacchi sconsiderati contro la Siria settentrionale e orientale devono essere fermati il prima possibile. Per questo motivo invitiamo l’opinione pubblica democratica nazionale e internazionale e tutti gli oppositori della guerra ad agire. Insieme possiamo fermare questa guerra, sofferenza e morte”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...