Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Appello del Coordinamento generale del monitoraggio degli scioperi della fame: agire

Il Coordinamento generale per il monitoraggio degli scioperi della fame ha affermato che le richieste dei prigionieri in sciopero della fame dovrebbero essere prese in considerazione e ha invitato le organizzazioni nazionali e internazionali ad “agire”. Il Coordinamento generale del monitoraggio degli scioperi della fame ha tenuto una conferenza stampa presso la sede dell’Associazione per i diritti umani (IHD) sullo sciopero della fame a rotazione iniziato dai prigionieri dal 27 novembre nell’ambito della campagna “Libertà per Abdullah Öcalan, soluzione alla questione curda”.

All’incontro hanno partecipato i membri dell’İHD, dell’Associazione degli avvocati per la libertà (ÖHD), dell’Associazione degli avvocati contemporanei (ÇHD) e della Federazione delle associazioni legali e di solidarietà dei detenuti e delle famiglie dei detenuti (MED TUHAD-FED).

Il diritto alla salute dei detenuti è di competenza dello Stato

Intervenendo all’incontro, l’avvocato Çiğdem Kozan, membro dell’ÖHD, ha invitato le istituzioni a tutelare il diritto alla salute dei prigionieri in sciopero della fame e ha affermato: “Tutti i diritti dei prigionieri, in particolare la loro dignità, il diritto alla vita e il diritto alla salute, sono responsabilità dello Stato. Se queste sostanze, che dovrebbero essere consumate a livelli minimi, vengono limitate, ciò causerà danni permanenti alle funzioni cerebrali dei prigionieri e persino la morte, come negli scioperi della fame degli anni precedenti.”

Appello alle organizzazioni internazionali

Affermando che le organizzazioni internazionali, così come le istituzioni in Turchia, dovrebbero adempiere alle proprie responsabilità, Çiğdem Kozan ha affermato: “Come organizzazioni legali e per i diritti umani, monitoriamo da vicino le carceri a causa degli scioperi della fame in corso, effettuiamo visite tramite avvocati, trasmettiamo richieste al potere politico e cerchiamo che l’opinione pubblica democratica diventi più attiva.

Vorremmo condividere con l’opinione pubblica che stiamo adottando iniziative per garantire che la comunità internazionale e le organizzazioni internazionali adempiano alle proprie responsabilità, e che stiamo facendo del nostro meglio per garantire che coloro che sono in sciopero della fame non vengano danneggiati e che l’isolamento venga revocato.”

Lo Stato ed il governo devono assumere un’iniziativa

Richiamare l’attenzione dello Stato e del potere politico che dovrebbe adottare le misure necessarie con mezzi pacifici e attivarsi per valutare le richieste per non aggiungerne di nuove al dolore sociale ed evitare la rottura sociale, come è stato dolorosamente sperimentato negli scioperi della fame in il passato. Kozan ha affermato: “Invitiamo tutte le autorità, in particolare il Ministero della Giustizia, così come le istituzioni nazionali e internazionali legate al diritto e ai diritti umani, ad essere sensibili il più presto possibile per affrontare il problema sulla base dei diritti e delle libertà fondamentali e per valutare e risolvere le richieste di conseguenza.”

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...