Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Messaggio dei politici incarcerati al congresso: Nessuna guerra e isolamento

ANKARA – I politici detenuti hanno inviato un messaggio al congresso del Partito della sinistra verde affermando: “Diciamo “no” alle guerre, all’occupazione, allo sfruttamento e all’isolamento imposti al nostro popolo”.

Il Partito verde della sinistra del futuro (Partito della sinistra verde) sta svolgendo il suo 4° congresso ordinario presso il palazzetto dello sport Atatürk di Ankara. Il congresso, che si è svolto all’insegna del motto “Per la libertà/Ji bo Azadiyê” e ha visto la partecipazione di migliaia di persone, ha letto i messaggi inviati dai politici incarcerati. I politici detenuti, che hanno detto “no” al concetto di un allargamento della guerra dalla Siria settentrionale e orientale alla Palestina, hanno salutato la resistenza del popolo e hanno lanciato il messaggio “Abbiamo il potere di cambiare”.

I cospiratori saranno sconfitti

Figen Yüksekdağ, ex co-presidente del Partito democratico dei popoli (HDP), detenuta nel carcere di alta sicurezza di tipo F di Kandıra, ha salutato il congresso e ha affermato: “Ciao alle nostre care persone, donne, giovani, compagni! Salutiamo rispettosamente il consiglio del congresso, i miei amici del partito, tutti i delegati e i partecipanti e i nostri stimati ospiti. È la continuità della lotta che ci rinnova. Significa non arrendersi alla situazione. Coloro che sferrano pesanti attacchi alla nostra linea democratica e libertaria delle donne, e coloro che cercano di indebolirci con mille cospirazioni e trucchi, saranno ancora una volta sconfitti di fronte alla nostra energia di rinnovamento.

Saremo sempre con voi come ostaggi politici e prigionieri rivoluzionari in carcere. Difenderemo la lotta per l’esistenza dei popoli oppressi dalla Palestina al Rojava, la lotta dei lavoratori per il pane, la lotta delle donne per la vita e la causa della libertà e della giustizia per tutti noi, in ogni circostanza. Ci auguriamo che il nostro congresso dia potere alla grande umanità, al popolo del Kurdistan turco e a coloro che chiedono diritti e libertà, e vi salutiamo con rispetto, amore e desiderio.”

L’ex deputata di Amed (Diyarbakir) per HDP Semra Güzel, nel suo messaggio inviato dalla prigione di Kandıra dove è stata arrestata, ha dichiarato: “La nostra lotta per la democrazia e i diritti, che conduciamo da anni continuano dentro e fuori. Anche se oggi siamo imprigionati tra quattro mura come la volontà del nostro popolo, i nostri cuori oggi sono nelle piazze e in questa sala congressi con voi. Auguro successo a tutti i miei compagni e al nostro popolo con l’energia e la motivazione della nuova era. Congratulazioni a tutti noi e a tutti gli amanti della democrazia e della libertà che hanno speranza e fiducia nel nostro partito.”

Le donne: combatteremo contro la violenza

Sebahat Tuncel, Ayla Akat Ata, Zeynep Karaman e la portavoce del Movimento delle donne libere (TJA) Ayşe Gökhan, detenute nel carcere femminile chiuso di Sincan, hanno inviato un messaggio a nome delle donne detenute processate nell’ambito del caso Kobanê.

Nel messaggio di saluto al congresso: “Salutiamo il nostro popolo, le donne, i compagni, la delegazione del congresso e gli amici che hanno partecipato al nostro congresso in solidarietà, che hanno resistito per un futuro luminoso rompendo l’oscurità con l’entusiasmo e la resistenza della nostra lotta per la libertà.

Come coloro che si sono proposti di sviluppare una pace onorevole in Kurdistan, Turchia e Medio Oriente; diciamo “no” alle guerre, all’occupazione, allo sfruttamento e all’isolamento imposti al nostro popolo e vorremmo sottolineare ancora una volta che siamo solidali con i popoli oppressi.

Abbiamo il potere di cambiare e la determinazione per lottare contro la crisi economica, la disoccupazione, la povertà, l’ingiustizia e l’implacabile violenza statale. Un saluto a coloro che percorrono questo cammino difficile e onorevole. Auguriamo successo ai nostri co-presidenti e ai membri del consiglio del partito che saranno eletti al nostro congresso ed esprimiamo la nostra gratitudine a tutti i nostri compagni che finora hanno contribuito alla nostra lotta.

Salutiamo il congresso con la resistenza che abbiamo ricevuto dalla lotta per la libertà delle donne del Kurdistan e della Turchia, così come delle donne di tutto il mondo. È stato detto “Jin jiyan Azadi”.

L’ex copresidente di HDP Selahattin Demirtaş, arrestato nel carcere di alta sicurezza di tipo F di Edirne, e il co-sindaco della municipalità metropolitana di Amed Selçuk Mızraklı, che è stato sostituito da un amministratore fiduciario, hanno inviato il seguente messaggio: “Sperando che il nostro congresso abbia successo, auguriamo con sincero desiderio a tutti i partecipanti, delegati, amici e al nostro popolo che non ha potuto venire al congresso. Vi salutiamo e speriamo di vedervi domani.”

Vinceremo con la resistenza

Le seguenti dichiarazioni sono state incluse nel messaggio inviato dagli ex membri del Comitato esecutivo centrale (MYK) dell’HDP Alp Altınörs, Günay Kubilay, İsmail Şengül, Nazmi Gür, Ali Ürküt e Bülent Parmaksız, arrestati nel carcere di alta sicurezza di tipo F di Sincan nell’ambito del caso Kobanê: “Salutiamo il Congresso con l’entusiasmo rivoluzionario dei nostri compagni che hanno mostrato una magnifica resistenza contro l’oppressione e il fascismo.

Le donne che hanno lottato nelle strade contro l’oppressione e i lavoratori che hanno lottato per la propria vita con il sudore della fronte contro ogni tipo di politica di oppressione e sfruttamento. I popoli, dalla Palestina al Rojava, che hanno dimostrato una delle più grandi resistenze nella storia umana contro governi crudeli e il colonialismo, sono diventati oggi la speranza degli oppressi in tutto il mondo. Abbiamo piena fiducia che supereremo la difficile strada che ci attende con resistenza, speranza e coraggio. Auguriamo successo ai nostri co-presidenti e ai membri del consiglio del partito che saranno eletti al nostro congresso, ed esprimiamo la nostra gratitudine a tutti i nostri compagni che finora hanno contribuito alla nostra lotta.”

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...