Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Proteste contro gli attacchi nel nord della Siria: molti arresti

“L’embargo deve essere revocato e il massacro dei curdi deve finire”, lo ha dichiarato la deputata di Tunceli (Dersim) Ayten Kordu, circondata dalla polizia durante la protesta a Dersim. 15 giovani provenienti da paesi europei sono stati arrestati durante la protesta a Urfa.

Gli attacchi aerei della Turchia lanciati il 5 ottobre contro le zone controllate dalle Forze democratiche siriane (SDF) nella Siria settentrionale e orientale sono stati oggetto di proteste in molte città (12 ottobre). Tuttavia la polizia ha impedito alla popolazione di tenere manifestazioni di protesta in ogni città.

Gli attacchi aerei in corso dal 5 ottobre hanno causato danni permanenti alle strutture pubbliche, inclusi insediamenti civili, dighe, centrali elettriche e reti di irrigazione, e almeno 45 persone hanno perso la vita secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani (SOHR).

Diyarbakır: Ostacoli ai giornalisti

L’agenzia Mesopotamia ha riferito che si è tenuta una manifestazione nel parco Rojava, nel distretto di Kayapınar di Diyarbakır. Alla manifestazione hanno partecipato la deputata di Diyarbakır del Partito dei Verdi (YSP), Halide Türkoğlu, insieme a numerosi rappresentanti di partiti politici e organizzazioni della società civile. Mentre la polizia circondava il parco e cercava di impedire il comunicato stampa, la folla ha protestato sedendosi. La polizia ha anche impedito ai giornalisti di registrare gli eventi.

Dersim

A Dersim (Tunceli), la polizia è intervenuta contro i membri della Piattaforma per il lavoro e la democrazia che intendevano rilasciare una dichiarazione in piazza Seyid Rıza.

Nell’intervento i co-presidenti provinciali di HDP, Nazlı Çelik e Ferhat Yıldız, il co-sindaco della municipalità di Peri Orhan Çelebi (sostituito da un fiduciario nominato), Ergün Tekin, presidente provinciale del Partito laburista (EMEP), e altri quattro sono stati arrestati. I detenuti sono stati portati al dipartimento di polizia provinciale di Dersim. Anche il deputato Ayten Kordu è stato circondato dalla polizia. In reazione alla situazione, Kordu ha dichiarato: “Continueremo ad alzare la voce finché non si troverà una soluzione in Medio Oriente. Siamo contrari alla perdita di vite civili nella guerra. L’embargo deve essere revocato e il massacro curdo deve finire.”

Urfa

A Urfa sono state arrestate anche 15 persone provenienti da diversi paesi europei per partecipare il 15 ottobre al congresso del Partito della Sinistra Verde, quando la polizia ha impedito un comunicato stampa previsto. La polizia ha impedito ai giovani provenienti dai paesi europei di entrare nell’edificio del partito, sostenendo che agli stranieri non era permesso partecipare a un comunicato stampa, e li ha trattenuti e trascinati in un veicolo di detenzione. La folla di cui faceva parte la deputata di Urfa per il YSP ,Dilan Kunt Ayan, era circondata dalla polizia con scudi all’ingresso del palazzo del partito. La polizia ha attaccato la folla con manganelli e gas lacrimogeni, mentre la folla ha reagito con lo slogan “Bijî berxwedana Rojava”. I detenuti sono stati portati al dipartimento di polizia provinciale di Şanlıurfa.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...