Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Giovani provenienti da paesi europei arrestati durante la protesta a Urfa e inviati al Centro per il Rimpatrio

I 15 giovani europei detenuti a Urfa sono stati trattenuti nei veicoli della polizia con le mani ammanettate dietro la schiena per un lungo periodo prima di essere portati al Centro di rimpatrio.

I continui raid aerei lanciati dalla Turchia il 5 ottobre sulle aree controllate dalle Forze Democratiche Siriane (SDF) nella Siria settentrionale e orientale sono stati oggetto di proteste in molte città (12 ottobre).

Alle proteste di Urfa hanno partecipato anche quindici giovani venuti in Turchia da diversi paesi europei per partecipare al congresso che il Partito dei Verdi e della Sinistra Futura (YSP) terrà ad Ankara il 15 ottobre. I quindici sono stati arrestati insieme a cinque membri del partito YSP con l’accusa di “violazione della legge n. 2911”.

L’agenzia Mesopotamia ha riferito che i 15 europei detenuti sono stati inviati al Centro per i rimpatri.

I nomi delle 15 persone trattenute e inviate al Centro per i rimpatri sono i seguenti: Ariel Castagnieri, Federico Pastoris, Francesca Fabozzi, Luigi Botta, Lucia Troiani, Caroline Förster, Marin Nathan Gutierrez, Friederike Gilhaus, Kim Aileen Utsch, Thao My Nguyen, Fridolin Wagner, Laura Schölzel, Sarah Marisa Baecker, Marvin Brinkmann e Taraneh Sanaei Parvar.

Prima di essere inviati al Centro di rimpatrio, il gruppo è stato inizialmente portato alla stazione di polizia di Emin Çavuş nel distretto di Haliliye. Sono stati trattenuti nei veicoli della polizia con le mani ammanettate dietro la schiena per tre ore.I 15 giovani europei hanno presentato denuncia contro gli agenti di polizia che avrebbero usato violenza contro di loro durante le loro dichiarazioni alla stazione di polizia. Ariel Castagnieri ha affermato che un agente di polizia gli ha rubato la collana d’oro durante l’alterco.

Caroline Förster ha dichiarato che gli agenti di polizia che l’hanno aggredita le hanno causato lesioni rimuovendole il dispositivo per il monitoraggio del glucosio dal braccio.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...