Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Eren Keskin: Nei rapporti statali figurano anche i crimini commessi dalle forze armate turche

ISTANBUL – La presidente dell’IHD, Eren Keskin, ha affermato che, in qualità di difensore dei diritti umani, è stata testimone di molti crimini commessi dalle forze armate turche e li ha denunciati, aggiungendo che i crimini commessi sono stati inclusi anche nei rapporti preparati dallo Stato.

Dopo le dichiarazioni del deputato Sezgin Tanrıkulu del Partito popolare repubblicano (CHP) di Amed (Diyarbakır) contro le forze armate turche (TSK) in un programma televisivo, sono tornate alla ribalta le discussioni sui crimini commessi dalle forze armate turche in Kurdistan negli anni ’90.

Sezgin Tanrıkulu lo ha affermato nel programma a cui ha partecipato e ha chiesto: “Non sono queste le forze armate turche che hanno effettuato il colpo di stato fascista il 12 settembre? Non è forse questo l’esercito che ha tentato un colpo di stato il 15 luglio, ha bruciato villaggi… Decine di omicidi irrisolti. Ci sono casi che seguo. Non sono state le forze armate turche a lanciare 15 abitanti del villaggio da un elicottero?”Lo ha stabilito la decisione della CEDU…”. È stata avviata un’indagine contro Tanrıkulu, per il quale dopo il programma è stata lanciata una campagna di linciaggio, con l’accusa di “incitamento del pubblico all’odio e all’ostilità o all’umiliazione”.

Eren Keskin, presidente dell’Associazione per i diritti umani (IHD), che dagli anni ’90 si batte nel campo dei diritti umani e una delle fondatrici dell’Ufficio di assistenza legale contro le molestie sessuali e lo stupro in detenzione, ha parlato delle discussioni avviate contro le Forze Armate turche e le sue testimonianze riguardo ai fatti citati.

Approvato dalla Cedu

Affermando che tutto ciò che Tanrikulu ha affermato sulle forze armate turche nel programma a cui era collegato era vero, Eren Keskin ha affermato: “Ci sono stati molti eventi simili nella storia della Turchia. Le accuse di Tanrıkulu sono state approvate dalla Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU). Tanrikulu è stato minacciato dalle massime autorità dello Stato, soprattutto dal suo stesso partito.

Tuttavia, gli accordi internazionali firmati dalla Turchia danno a una persona il diritto di parlare liberamente su questo tema. Inoltre, il caso menzionato da Tanrıkulu è stato approvato dalla CEDU e la Turchia è stata condannata.”

I reati nei rapporti dello Stato

Sottolineando che i crimini commessi dallo Stato sono stati inclusi anche nei rapporti preparati dallo Stato stesso, Eren Keskin ha affermato: “Coloro che hanno linciato Tanrıkulu a causa dei fatti da lui rivelati oggi devono guardare indietro ai rapporti dello Stato. Ad esempio, il rapporto su Susurluk* .

Questo Stato ha fatto preparare il rapporto Susurluk dal proprio ispettore e in questo rapporto sono stati rivelati fatti che erano contro lo stesso e che oggi saremmo stati linciati per averlo detto.

Ancora una volta, durante il periodo dell’AKP, il presidente Erdoğan, all’epoca primo ministro, promise a Berfo Kırbayır e alla Commissione parlamentare per i diritti umani di avviare un’importante indagine sulla scomparsa di Cemil Kırbayır. E infine, lo Stato ha annunciato il seguente rapporto: ‘Cemil Kırbayır è stato posto in detenzione, torturato e ucciso dalle forze statali in custodia, e si è concluso che il suo corpo era stato nascosto.’

Sono testimone di molti crimini

Eren Keskin, che ha affermato di essere stata testimone, in qualità di difensore dei diritti umani, dei crimini commessi dalle forze armate turche e di aver denunciato tali crimini, ha spiegato la sua testimonianza con le seguenti parole: “Ho visto una guerrigliera trascinata nuda a terra davanti ai miei occhi e il corpo della guerrigliera Ekin Wan mostrato nudo. Noi come difensori dei diritti umani, siamo i testimoni più vicini di come lo Stato abbia cercato di nascondere questo crimine dopo l’omicidio di Vedat Aydın *.

Sappiamo benissimo come condotto alla morte Musa Anter e come si svolse quel processo. Chi ha commesso tutti questi crimini? Ad esempio, le perdite di Dargeçit. Le loro famiglie li hanno cercati per anni e si è scoperto che queste persone erano state bruciate nei pozzi di acido dopo essere state uccise mentre erano in custodia.

Tutto questo cominciò a raccontare un sergente specializzato di nome Bilal Batırır, che era l’assistente del comandante dell’epoca, Mehmet Tire. Dopo anni di sforzi, abbiamo fatto aprire le fosse comuni nel luogo indicato dalle famiglie, e le ossa delle persone scomparse di Dargeçit sono state effettivamente ritrovate in quelle fosse comuni. Allora, cos’è successo? Mehmet Tire, che si dice li abbia bruciati nei pozzi di acido, andò e divenne sindaco di Bodrum Gümüşlük. Oggi lo Stato si aspetta da che noi chiariamo i crimini commessi dallo JITEM.”

 

* Lo scandalo di Susurluk (turco: Susurluk skandalı, Susurluk kazası) è stato uno scandalo che ha coinvolto lo stretto rapporto tra lo Stato profondo in Turchia, i Lupi grigi e la mafia turca. Ha avuto luogo durante il culmine del conflitto curdo-turco a metà degli anni ’90. Il rapporto è nato dopo che il Consiglio di Sicurezza Nazionale (NSC) ha reso la necessità di mobilitare le risorse statali per combattere il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK).

Lo scandalo è scoppiato con uno scontro tra un’auto e un camion il 3 novembre 1996, vicino a Susurluk, nella provincia di Balıkesir. Tra le vittime figurano il vice capo del dipartimento di polizia di Istanbul, un membro del Parlamento, e Abdullah Çatlı, leader dei Lupi Grigi e killer a contratto dell’Organizzazione nazionale di intelligence (Turchia) (MİT), che era sulla lista rossa dell’Interpol al momento della della sua morte.

* Cemil Kırbayır, detenuto dopo il colpo di stato del 12 settembre 1980 è morto a causa delle torture. La madre di Kırbayır , Berfo Kırbayır morì all’età di 105 anni senza riuscire a trovare le ossa di suo figlio .

* Vedat Aydın (1953-7 luglio 1991) politico rapito dallo JİTEM il 5 luglio 1991 mentre era presidente provinciale di Diyarbakır del Partito laburista del popolo (HEP) e il cui corpo è stato ritrovato il 7 luglio 1991.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...

Libertà per Öcalan

In una conferenza stampa tenutasi presso la sede del partito ad Ankara, la portavoce Ayşegül Doğan ha sottolineato le violazioni dei diritti umani nella...