Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Proposta di legge del Partito della Sinistra Verde: il massacro degli Yazidi deve essere riconosciuto come “genocidio”

ANKARA – Il Partito della Sinistra Verde ha presentato al Parlamento un disegno di legge per il riconoscimento del 74/mo massacro contro gli ezidi come “genocidio”.

Trascorso il 9° anno della strage dello Stato Islamico contro gli Ezidi, nota come 74° Strage, è stato presentato al Parlamento un disegno di legge per il riconoscimento della Strage come “genocidio”.

Nel disegno di legge presentato dal deputato Gülcan Kaçmaz Sayyiğit del Partito della sinistra vedre, viene chiesto che la situazione disumana perpetrata dall’ISIS sia riconosciuta come “genocidio”.

È un dovere di coscienza

Allo stesso modo, nel disegno di legge, che afferma che gli attacchi, che sono considerati “crimini contro l’umanità”, sono stati accettati come “genocidio Êzidî” dal Regno Unito, sono state fornite le seguenti giustificazioni:

Il potere politico non ha adottato provvedimenti riguardo ai massacri. Al contrario è stata adottata una politica estera che ha sollevato le preoccupazioni per la sicurezza degli Ezidi, e l’atteggiamento aggressivo, nonostante tutti gli appelli, non è stato abbandonato.

Di conseguenza, gli Ezidi che vivono nelle quattro parti della geografia curda, principalmente nelle città di Shengal e Sheikhan della regione del Kurdistan iracheno e nei villaggi di Mosul, così come in Georgia e Armenia, vogliono vivere liberamente con la loro cultura e credenze. Soprattutto al nono anno del genocidio, i governi della Repubblica di Turchia devono cambiare le loro attuali politiche nei confronti dei curdi Ezidi, che sono etnicamente imparentati con milioni di loro concittadini.

In questo senso, sarebbe significativo che la Grande Assemblea Nazionale della Turchia (TBMM), dove è rappresentata la volontà dei popoli, assuma l’iniziativa e intervenga per avvicinare i popoli perché i suddetti massacri siano riconosciuti come il ‘ genocidio degli Êzidî’ dalla Grande Assemblea Nazionale della Turchia, che porterà allo sviluppo della tolleranza tra i popoli e le credenze. Questa è anche una sfida importante che i politici devono affrontare come un dovere umanitario e coscienzioso”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...