Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Dilan Kunt: Ogni anno più di 4 milioni di curdi vanno a lavorare nell’ovest del paese

Ogni anno, più di 4 milioni di persone provenienti dalle regioni curde si recano nelle province turche occidentali come lavoratori stagionali, impiegati principalmente nell’agricoltura per circa sei mesi l’anno.

La deputata del Partito della Sinistra Verde, Dilan Kunt, ha denunciato il razzismo e le indegne condizioni di vita subite da questi lavoratori stagionali e ha chiesto al parlamento di adottare regolamenti per risolvere i problemi che i lavoratori hanno incontrato.

Dilan ha fatto riferimento alla morte di Esmanur Solmaz, una bambina di 4 anni, la cui famiglia era andata da Urfa a Bursa per lavorare nei campi, che è stata investita da un trattore mentre dormivano vicino. Ha affermato che non è stato un incidente e che la ragazza è morta perché i lavoratori stagionali non hanno alcuna protezione sociale. Dilan ha anche affermato che il colpevole di queste morti è il parlamento perché non ha fatto regolamenti o leggi a favore dei lavoratori.

Almeno 4 milioni di lavoratori stagionali

Sottolineando che almeno quattro milioni di lavoratori del Kurdistan si recano nelle città occidentali per lavoro e affrontano vari problemi, Dilan ha affermato che i lavoratori non hanno diritti e garanzie legali, ha proseguito: “Il governo dell’AKP non mette mai all’ordine del giorno questo problema vissuto dagli abitanti della regione, e i funzionari eletti rimangono sordi ai problemi dei lavoratori stagionali, come fanno per tutti gli altri problemi. Non per niente è affermato che questo governo è il governo dei ricchi”.

Discriminazione e attacchi razzisti

Sottolineando che ci sono almeno un milione di bambini lavoratori in Kurdistan e in Turchia, e che la metà di loro è impiegata nell’agricoltura, Dilan ha richiamato l’attenzione sugli attacchi e le pratiche discriminatorie e razziste contro i lavoratori stagionali. Ha proseguito: “Oltre alle loro condizioni di lavoro e di vita, ogni anno si verificano attacchi fascisti e razzisti contro i lavoratori stagionali e che sono aumentati negli ultimi anni con l’ascesa del nazionalismo e del discorso discriminatorio anti-curdo. I lavoratori stagionali di Afyon, Sakarya, Ankara e Bartın sono stati vittime di attacchi razzisti perché parlavano curdo ed erano curdi. Sono rimasti gravemente feriti e non è stata condotta alcuna indagine efficace contro gli autori. La base di questi attacchi è che il governo e i politici stanno diffondendo discorsi di odio contro i curdi e che questi lavoratori non sono considerati cittadini alla pari di questo Paese”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...