Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Iniziative

Defend Kurdistan fa appello alla partecipazione alla manifestazione a Losanna del 22 luglio

100 anni fa, il 24 luglio 1923, si tenne a Losanna una conferenza internazionale degli stati imperialisti a seguito di guerre precedentemente combattute in Medio Oriente. In questa conferenza, il Kurdistan è stato diviso tra quattro stati-nazione.

L’iniziativa Defend Kurdistan ha invitato tutti a partecipare alla manifestazione che si terrà a Losanna il 22 luglio. In una dichiarazione, Defend Kurdistan ha scritto: “100 anni fa, il 24 luglio 1923, si tenne a Losanna una conferenza internazionale degli stati imperialisti a seguito di guerre di spartizione precedentemente combattute in Medio Oriente. In questa conferenza, il Kurdistan è stato diviso tra quattro stati-nazione attraverso il cosiddetto Trattato di Losanna.

Con ciò è stata avviata la sistematica politica di negazione, assimilazione e genocidio culturale contro il popolo curdo e il Kurdistan è stato trasformato in una colonia internazionale”.

La dichiarazione prosegue: “Dopo la firma del Trattato di Losanna, in Kurdistan è iniziato un periodo oscuro. Dal 1925 al 1938, centinaia di migliaia di curdi furono massacrati ed espulsi nel Kurdistan settentrionale, e una politica di fame, tortura, negazione e l’assimilazione è stata stabilita in Kurdistan.

Nel Kurdistan meridionale, il Trattato di Losanna è stato seguito negli anni ’80 dal genocidio di Anfal, con oltre centomila morti. Ad Halabja, l’equivalente curdo di Guernica, l’aviazione irachena ha perpetrato un attacco con gas asfissianti tedeschi, che ha causato almeno 5000 morti.

Almeno 7.000 persone sono rimaste ferite, alcune delle quali fino ad oggi hanno subito danni permanenti di salute. Nel Kurdistan orientale, il regime brutale e sostenuto dall’Occidente dello Scià di Persia e, negli anni ’80, i nuovi governanti islamisti hanno perpetrato numerosi massacri di figure di spicco della lotta di liberazione curda e dei rivoluzionari di Şîno, Mahabad e Sine.

Il regime nazionalista Ba’ath in Siria ha tentato anche di sradicare la presenza curda nel nord del paese, ha espatriato centinaia di migliaia di curdi nel Kurdistan occidentale e ha perseguito una politica sistematica di arabizzazione delle aree di insediamento curdo”.

La dichiarazione aggiunge: “Le conseguenze del Trattato di Losanna oggi sono ancora dolorosamente sentite dal popolo del Kurdistan . Il filo spinato e i campi minati che ancora separano le quattro parti del Kurdistan 100 anni dopo e le camere di tortura dopo la firma del trattato sono solo il più ovvio da menzionare.

Il Trattato di Losanna è un pugnale nel cuore del Kurdistan e costituisce la base per la politica centenaria di negazione e genocidio che trova oggi la sua continuazione negli attacchi omicidi del fascismo turco contro le aree liberate del Rojava, Şengal, Mexmûr e il libere montagne del Kurdistan.

Il fatto che, fino ad oggi, il popolo curdo non abbia uno status politico riconosciuto, che la lotta per i diritti più elementari sia tacciata di terrorismo con affermazioni in parte folli, che i combattenti curdi possano essere massacrati con armi chimiche senza che nessuno alzi la voce, e che il rappresentante politico di un intero popolo, Abdullah Öcalan, continui ad essere imprigionato in totale isolamento contro ogni legge: tutto questo non sarebbe possibile senza il Trattato di Losanna”.

La dichiarazione afferma: “Tuttavia, nei 100 anni trascorsi dal giorno in cui è stata firmato, il popolo curdo ha difeso la propria esistenza attraverso una resistenza instancabile contro decine di regimi dittatoriali. Con la sua lotta ininterrotta dal 1978, il Movimento per la liberazione del Kurdistan ha sollevato la resistenza della regione multietnica del Kurdistan ai massimi livelli, ha creato una cultura di resistenza invincibile e oggi le idee di questo movimento e della sua mente, Abdullah Öcalan, mostrano non solo i popoli del Kurdistan e del Medio Oriente, ma anche i popoli di tutto il mondo che un altro mondo è possibile In Kurdistan, cuore della rivoluzione del XXI secolo, una nuova ondata di internazionalismo si sta diffondendo nel mondo.

Dopo 100 anni di sfruttamento, massacri e resistenza, quest’anno i curdi gingono a Losanna in Svizzera per chiarire una volta per tutte: “Anche dopo 100 anni, il trattato di Losanna non è accettato dai curdi!” Dopo 100 anni, è tempo di tracciare un’ultima linea e porre fine all’era del dominio e dell’occupazione straniera. Il trattato di Losanna è un trattato che è stato imposto sulle teste dei popoli della regione e non ha legittimità”.

L’Iniziativa DefendKurdistan ha affermato che “come amici dei curdi, staremo accanto a loro per le strade di Losanna. Le nostre lotte sono simili. Pertanto, noi, come Defend Kurdistan, chiediamo la partecipazione internazionalista alla storica manifestazione di Losanna il 22 luglio 2023. Invitiamo tutte le nostre strutture di solidarietà e gli amici internazionalisti a unirsi al grande blocco internazionalista”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Iniziative

La presenza permanente della questione curda in un mondo diviso e ingiusto. Il Kurdistan e i curdi oggi. Partecipano: Antonio Olivieri (Associazione Verso il...

Iniziative

Cammini da percorrere in cerca di nuove strade. Un racconto collettivo, Mercoledì 7 febbraio 2024- Roma    

Iniziative

il 10 febbraio 2024, nell’aula magna della facoltà di Giurisprudenza dell’Università Roma Tre, avrà luogo la conferenza JIN JIYAN AZADÎ – Una filosofia di trasformazione...

Iniziative

Al via la Campagna delle Uova di Pasqua Prenotazioni necessaria entro il 20 febbraio Da oggi si avvia la Campagna delle Uova di Pasqua...