Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Migliaia di persone intrappolate nelle case mentre l’esercito turco continua le operazioni militari

Dieci villaggi a Bitlis sono sottoposti a coprifuoco mentre l’esercito turco conduce operazioni nella zona rurale. Migliaia di persone sono intrappolate nelle loro case, praticamente incapaci di uscire o occuparsi dei loro bisogni più urgenti, compreso il ricovero in ospedale per i malati.

Dal 2 luglio, dieci villaggi nella provincia sud-orientale di Bitlis (Bedlîs) sono stati sottoposti a coprifuoco, intrappolando migliaia di cittadini nelle loro case e rendendoli impossibilitati a prendersi cura dei propri campi o degli animali.

Gli abitanti dei villaggi riferiscono di non aver ricevuto il permesso di portare i loro malati negli ospedali mentre continuano i bombardamenti dell’area rurale, lo ha riferito l’agenzia Mesopotamia.

Agli abitanti del villaggio mercoledì è stato permesso per la prima volta di uscire dalle loro case. “Possiamo uscire solo di un paio di metri”, ha dichiarato un abitante del villaggio. “I nostri figli sono traumatizzati a causa delle bombe. Queste operazioni e l’oppressione mirano a costringere le persone a unirsi alla guardia del villaggio”.

La popolazione della zona è diminuita nel corso degli anni, “perché la gente ha venduto i propri animali e se n’è andata, poiché questa regione subisce divieti ogni anno”, ha affermato l’abitante del villaggio.

Attualmente, a causa delle condizioni meteorologiche estive, gli abitanti dei villaggi che non sono in grado di prendersi cura dei raccolti secchi nei campi rappresentano un rischio di incendio e mettono a rischio il bestiame.

“Le persone sono imprigionate”, ha detto ai giornalisti Hüseyin Olan, deputato del Partito della sinistra verde (YSP). Gli alberi da frutto e le colture nei campi vengono calpestati con macchine da costruzione su larga scala che l’esercito utilizza nelle operazioni.

Una commissione parlamentare si riunirà per visitare l’area, lo ha annunciato la deputata YSP Semra Çağlar Gökalp. “Questi coprifuoco devono essere revocati immediatamente. Il loro unico scopo è creare un’aura di paura”.

I coprifuochi del passato, durati mesi e mesi, hanno provocato lo sfollamento di almeno 500.000 persone dal sud-est della Turchia, a maggioranza curda, dichiara Olan in una conferenza stampa in parlamento all’inizio della settimana. “Le immagini satellitari mostrano interi quartieri cancellati dalla mappa”, ha detto il deputato. “Il governo deve ritirarsi immediatamente da questo atteggiamento”.

Olan ha citato un rapporto dell’ufficio dell’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani che ha documentato torture, sparizioni forzate, incitamento all’odio, violenza contro le donne, prevenzione di cure mediche urgenti e altri bisogni vitali e privazione di cibo e acqua.

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...

Libertà per Öcalan

In una conferenza stampa tenutasi presso la sede del partito ad Ankara, la portavoce Ayşegül Doğan ha sottolineato le violazioni dei diritti umani nella...