Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Appello alla disobbedienza civile per sostenere la libertà di espressione durante l’arresto del giornalista in Turchia

Dopo il recente arresto del giornalista Merdan Yanardağ per aver espresso le sue opinioni in un programma televisivo, crescono gli appelli alla disobbedienza civile, volti a sfidare la soppressione della libertà di espressione. Yanardağ è stato arrestato per aver criticato le politiche del governo nei confronti di Abdullah Öcalan durante una trasmissione in diretta, scatenando un dibattito nazionale sull’isolamento di Öcalan e sui presunti negoziati del governo.

L’arresto del giornalista Merdan Yanardağ per aver criticato il governo turco ha suscitato appelli alla disobbedienza civile, con alcuni che hanno fatto eco alle sue esatte parole sui social media.

Il giornalista Merdan Yanardağ, caporedattore del canale televisivo TELE1, è stato arrestato il 26 giugno in seguito alle sue critiche alle politiche segrete del governo nei confronti di Abdullah Öcalan, il leader imprigionato del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), durante una trasmissione in diretta. È stato arrestato il giorno successivo con l’accusa di “lodare l’attività criminale”.

Le osservazioni di Yanardağ hanno acceso un dibattito nazionale facendo luce sulla mancanza di giustificazione legale per l’isolamento di Öcalan e sui presunti negoziati che coinvolgono il governo. Ha anche espresso preoccupazione per la trasparenza e la negazione dei diritti di Öcalan, sottolineando la non applicazione delle leggi regolari.

Koray Türkay, un membro del Partito democratico dei popoli (HDP), ha parlato venerdì sera dell’arresto di Yanardağ attraverso i social media, affermando che si trattava di un tentativo deliberato di mettere a tacere il pubblico e scoraggiarlo dall’esprimere opinioni simili, favorendo così un’atmosfera di paura e autocensura. In un atto di sfida, Türkay ha ribadito le parole di Yanardağ e ha invitato tutti a partecipare alla disobbedienza civile pronunciando quelle stesse parole.

Lo scrittore curdo Mahmut Alınak si è unito all’ondata in un post sui social media, sottolineando l’importanza del processo di Yanardağ e dell’imminente processo di Kobanê come opportunità cruciali per difendere i diritti e le libertà. Mamut Alınak ha sollecitato una forte presenza nei tribunali, incoraggiando le persone a costituirsi affermando: “Se le osservazioni di Merdan Yanardağ su Abdullah Öcalan e l’isolamento sono un crimine, allora anch’io sto commettendo questo crimine”. Secondo Alınak, tale azione collettiva non solo attirerebbe l’attenzione sull’isolamento arbitrario di Öcalan, ma eserciterebbe anche pressioni nazionali e internazionali per garantire il rilascio di Yanardağ, promuovendo in definitiva la libertà di pensiero.

Le condizioni di totale isolamento e di incommunicado subite da Abdullah Öcalan, che è stato imprigionato per 25 anni, sono ormai giunte al 27° mese. La prolungata detenzione e il lungo periodo di isolamento hanno suscitato notevoli preoccupazioni, poiché i gruppi per i diritti mettono in dubbio l’impegno della Turchia a rispettare le proprie leggi nazionali. L’arresto di Yanardağ è visto come un chiaro monito da parte del governo turco per scoraggiare altri dall’esprimere critiche simili. I sostenitori stanno ora facendo eco a questo appello in solidarietà con Merdan Yanardağ e contro la soppressione della libertà di espressione in Turchia. Il pubblico è invitato a unirsi a questo movimento ea pronunciarsi contro il soffocamento del dissenso.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...