Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

HDP: l’assassinio mirato di civili da parte della Turchia nel nord e nell’est della Siria

I portavoce di HDP per gli affari esteri Feleknas Uca e Hişyar Özsoy hanno affermato in una dichiarazione che “la Turchia ha compiuto omicidi mirati nel nord e nell’est della Siria (così come nelle città del nord dell’Iraq) dal giugno 2020, quando hanno ucciso tre membri dell’organizzazione delle donne con un attacco di droni alla casa dove si stavano incontrando”.

Il comunicato aggiunge: “Martedì 20 giugno un drone turco ha colpito un’auto sulla strada Tirbespiyê-Qamishlo nell’Amministrazione autonoma della Siria settentrionale e orientale (AANES). L’auto apparteneva al consiglio del cantone di Qamishlo e trasportava i leader del l’amministrazione cantonale in visita alle municipalità.

Questo assassinio mirato ha ucciso la co-presidente del consiglio cantonale di Qamishlo, Yusra Darwish, la vicepresidente, Liman Şiwêş, e il loro autista, Firat Tuma.

L’altro co-presidente del cantone, Gabî Şemûn, è rimasto ferito ma è stato dimesso dall’ospedale. Le due donne sono entrambe curde, mentre gli uomini sono cristiani siriaci, a simboleggiare la natura multietnica delle strutture dell’Amministrazione Autonoma.

Yusra Darwish si è laureata in francese prima di diventare insegnante. Con la creazione dell’amministrazione autonoma del Rojava nel 2012 si è trasferita per insegnare curdo e aiutare a realizzare il nuovo sistema educativo. È stata eletta copresidente del cantone di Qamishlo nel 2022. Liman Şiwêş è stata attiva nel movimento per la libertà curda in diversi luoghi per oltre tre decenni.

Nel 2015 è tornata nella sua natìa Kobanê per aiutare a realizzare una nuova società autonoma, andando ad aiutare altre aree appena liberate dall’ISIS”.

La dichiarazione continua: “La Turchia ha compiuto omicidi mirati nel nord e nell’est della Siria (così come nelle città del nord dell’Iraq) dal giugno 2020, quando ha ucciso tre membri dell’organizzazione delle donne con un attacco di droni contro la casa in cui si trovavano per un incontro.

Quasi esattamente un anno prima dell’attacco di martedì, il co-presidente del consiglio esecutivo dell’AANES è stato ucciso da un attacco di droni nella sua auto, e i co-presidenti dell’Ufficio Giustizia e riforma sono stati uccisi a settembre in un attacco simile. Solo dall’inizio di quest’anno, i droni turchi hanno ucciso 48 persone nel nord e nell’est della Siria e ne hanno ferite altre 38.

I civili rappresentavano 13 delle vittime e 12 dei feriti. Gli altri erano esponenti delle forze di sicurezza locali che avevano svolto un ruolo importante nella lotta contro l’ISIS. Nessuna di queste persone rappresentava una minaccia per la Turchia”.

I due portavoce hanno affermato che “l’argomento secondo cui la Turchia effettua questi attacchi come parte della sua lotta al terrorismo e per proteggere i suoi confini è di fatto sbagliato. Si prega di leggere attentamente il paragrafo seguente:

Sebbene i funzionari turchi affermino che il loro intervento e l’occupazione del territorio siriano siano stati in risposta agli attacchi transfrontalieri delle forze democratiche siriane (SDF), i dati non confermano queste affermazioni. Il conflitto è profondamente asimmetrico. Ciò risulta chiaro da un’analisi di oltre tre anni e mezzo di conflitto lungo il confine turco-siriano, a partire dal 1° gennaio 2017 fino al 1° agosto 2020, utilizzando i dati raccolti dall’Armed Conflict Location and Event Data Project (ACLED). I numeri sono sbalorditivi: i dati ACLED hanno registrato 3.319 attacchi da parte di militari turchi o proxy turchi contro le SDF/YPG o civili in Siria, rispetto ai 22 attacchi delle SDF/YPG in Turchia. Di questi 22 incidenti, 10 non possono essere verificati in modo indipendente. In altre parole, il numero effettivo di attacchi transfrontalieri attribuiti alle YPG/SDF non può essere superiore a 12. Inoltre questi 12 incidenti si sono tutti verificati dopo che la Turchia ha lanciato l’operazione Fonti di Pace il 9 ottobre 2019. Questi dodici episodi di attacchi transfrontalieri sono stati una risposta all’incursione turca nel territorio sovrano siriano. [Amy Austin Holmes. Maggio 2021]

Molte delle vittime di tali attacchi sono donne. Ciò è in parte dovuto all’elevato numero di donne in posizioni di rilievo – tutte le organizzazioni hanno co-presidenti uomini e donne – ma può anche essere una scelta deliberata, poiché la promozione dell’uguaglianza di genere da parte dell’amministrazione in tutte le sfere della vita pubblica è un anatema ideologico a qualsiasi forza patriarcale, sia l’esercito turco in Siria, i suoi delegati islamisti, o l’ISIS e altri gruppi legati ad Al-Qaeda”.

I due portavoce hanno proseguito: “Questi omicidi – e in particolare il prendere di mira i funzionari dell’AANES – mirano a distruggere la stabilità della regione e il morale della sua gente; a impedire alla regione di riprendersi da anni di guerra e di costruire le sue strutture sociali, a scoraggiare le persone dal partecipare attivamente e generare insoddisfazione nei confronti dell’amministrazione.

Hanno anche un forte impatto sulla lotta contro l’ISIS, che ha ancora molti membri attivi nella regione. L’amministrazione non è in grado di concentrare le proprie risorse su quella lotta e l’instabilità fornisce un terreno fertile per il reclutamento dell’ISIS.

Oltre agli omicidi con i droni, la Turchia e le sue forze per procura non hanno mai interrotto i bombardamenti dei villaggi e delle infrastrutture dell’AANES, anche se gli Stati Uniti e la Russia hanno impedito un’altra grande invasione. Questi bombardamenti sono aumentati nelle ultime due settimane”.

La dichiarazione aggiunge: “La Turchia ha firmato accordi di cessate il fuoco in seguito all’invasione della Siria nel 2019, garantiti da Stati Uniti e Russia. Nonostante le continue violazioni, nessuno dei garanti ha fatto nulla di efficace per fermare i continui attacchi della Turchia.

La Turchia è membro della NATO e del Consiglio d’Europa, l’organismo istituito per tutelare i diritti umani. Altri membri di quelle organizzazioni – insieme a tutta la comunità internazionale – sono rimasti in silenzio mentre la Turchia uccide i curdi e i loro amici nella massima impunità.

Chiediamo a tutti di assicurarsi che questi attacchi non vengano dimenticati e lasciati svanire, inosservati nella storia, e chiediamo ai leader nazionali e alle organizzazioni internazionali di garantire che la Turchia fermi tali attacchi che violano sia il diritto internazionale che quello umanitario”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...