Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

La giornalista Emanuela Irace arrestata a Istanbul ed espulsa

Azione di intolleranza del regime di Erdogan che non vuole voci ed occhi sulle sue giornate di elezioni – La giornalista Emanuela Irace è stata arrestata in areoporto di Istanbul mentre era diretta a Mardin dalle Autorità turche. Irace fa parte di una delegazione partita con sindacalisti italiani e giuristi arrivati in Turchia nella missione degli osservatori internazionali per le prossime elezioni di domenica. Non si conoscono le ragioni del provvedimento per cui verrebbe negato il permesso alla giornalista di entrare in Turchia. Alla giornalista sarebbero state prese le impronte digitali e fatto foto segnaletiche. Espulsa e rimessa in partenza per Roma. Arriverà stasera alle 23,30.

“Mi hanno preso le impronte digitali e fatto foto segnaletiche. Per alcune ore non ho potuto prendere i farmaci di cui ho bisogno, rubati anche oggetti personali”. Ha dichiarato la giornalista.

Emanuela Irace, giornalista e analista politica, esperta del mondo arabo e questioni femminili collabora a molte testate e a programmi della Rai. Autrice di saggi e articoli sulle principali testate nazionali, socia e consulente dell’ISIAO. Ha una rubrica fissa nel mensile ‘NOI DONNE’.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...