Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Cengiz Çandar: Il governo verrà estromesso, non c’è altra scelta

DİYARBAKIR – Affermando che c’è speranza di cambiamento nelle elezioni del 14 maggio, Cengiz Çandar, candidato a deputato del Partito della sinistra verde di Diyarbakır, ha dichiarato: “Il governo sta cadendo a pezzi. Sarà estromesso, non c’è altra scelta”. I curdi, che oggi vengono definiti un “problema” con le politiche di annientamento e negazione della Repubblica, attribuiscono grande importanza alle elezioni del 14 maggio per cambiare il governo dell’AKP, che è la continuazione di questa politica. Il giornalista Cengiz Çandar, candidato dalla lista Partito della sinistra verde, si prepara alle elezioni con l’obiettivo di entrare in parlamento con 100 deputati per la soluzione democratica del problema curdo giunto al secondo secolo , per la costruzione della repubblica democratica, descrive il suo rapporto con i curdi, iniziato a livello di leader, ed oggi del come “Sono un membro del  movimento del popolo curdo”.

Il rapporto di Cengiz Çandar con i curdi dura da anni

Affermando che il suo rapporto con i curdi risale a molti anni fa Cengiz ha detto: “Jalal Talabani era uno dei leader del movimento armato curdo in Iraq. L’ho portato e ho sviluppato il suo rapporto con il presidente della Repubblica di Turchia, Turgut Özal. In seguito, sono state stabilite relazioni con altri leader curdi in Iraq, e io ho preso parte a tutto questo. Sapevo anche che tutto questo avrebbe avuto un impatto sul movimento curdo in Turchia e che avrebbe aperto una nuova pagina; quindi, l’instaurarsi del rapporto tra Talabani e Özal ha portato alla distruzione di uno dei più grandi tabù dall’inizio della Repubblica. L’accettazione di un leader curdo a livello presidenziale ha reso possibile un incontro con i curdi e, in secondo luogo, ha spianato la strada affinché la parola “curdo” e il concetto di Kurdistan diventassero familiari nel tempo. Ecco perché, dal mio punto di vista, fino ad oggi non sono riuscito a tirarmi fuori dai guai con lo Stato”.

Dopo i leader il contatto con il popolo curdo

Affermando che il suo rapporto con i curdi, iniziato a livello di leader, si è spostato a un punto in cui ha avuto un contatto diretto con il popolo curdo, Çandar ha affermato: “Ho avuto rapporti faccia a faccia non solo con il leader curdi in Iraq, ma anche con tutte le figure di spicco del movimento curdo in Turchia, persino con lo stesso Öcalan. Sebbene il ruolo che ho svolto sia iniziato con il rapporto tra i curdi del sud ed il presidente, io appartenevo ai curdi del nord. Perché sono in Turchia e più della metà del numero totale di curdi nel mondo sono in questo paese, la mia gente, la nostra gente, una parte di noi; quindi, quando si tratta della lotta curda, dei diritti curdi e della causa curda, mi riferisco ai curdi del nord. io appartengo a loro. Adesso mi candido ad essere il loro rappresentante di Amed (Diarbakir), che sarà considerata il loro centro, anche il centro delle 4 parti del Kurdistan, e probabilmente saremo con il loro sostegno”.

Sono un membro del movimento del popolo curdo

Definendo la lotta in Kurdistan come un “movimento popolare”, Çandar ha affermato: “C’è una grande sovrapposizione tra le richieste del popolo e le richieste della leadership. Penso che ci sia una grande sovrapposizione tra la leadership curda e il popolo curdo. Lo vedo come un grande movimento popolare e ne sono consapevole. Ora mi sento un membro del movimento del popolo curdo. Da questo punto di vista, non c’è differenza tra la leadership politica di questo movimento e il popolo, c’è una grande sovrapposizione. È un movimento di persone. Sono anche i quadri dirigenti di questo movimento popolare. Ora sono un membro di questo movimento popolare. Gli studi che abbiamo svolto in quasi ogni parte di Amed (Diyarbakır), di cui facevo parte, hanno rafforzato questa osservazione. Questo è un movimento popolare e non c’è nessun altro movimento popolare in Turchia. Tutti i partiti politici rappresentano vari segmenti della società e varie tendenze ideologiche. Ma qui, dove siamo ad Amed, c’è un movimento popolare del popolo curdo.C’è un partito che questo movimento popolare ha portato in parlamento. Questo partito è uno dei partner di un movimento popolare molto più ampio. Non tutto, parte di esso. Ho sentito questa intuizione ancora più forte che nei miei contatti individuali con la gente durante la campagna elettorale. Sono estremamente felice e onorato di appartenere a questa gente”.

Il Partito della sinistra verde è il soggetto chiave in Turchia

Esprimendo che la continua lotta del popolo curdo contro ogni oppressione, repressione e arresto è dovuta alla natura di “essere un movimento popolare”, ha affermato: “Ora siamo in una situazione tale che i suoi 10mila membri sono imprigionati, i suoi co-presidenti sono in arresto, i suoi parlamentari sono in arresto, il suo nome iconico è a İmralı (Öcalan) ed anche in isolamento. È stata la chiave per la Turchia in un’ampia gamma di sviluppi, dagli emendamenti costituzionali all’elezione del presidente, all’emanazione di una nuova legge. Cosa significa tutto questo, significa che è un movimento popolare. Ovviamente subisce gravi danni. Se Selahattin Demirtaş fosse attualmente fuori, non dentro, se Selçuk Mızraklı continuasse come sindaco di Diyarbakır, se Bekir Kaya continuasse come sindaco di Van, da Ayla Akat a Gültan Kışanak, da Osman Baydemir all’estero a Fırat Anlı, tutti sarebbero una situazione completamente diversa se fossero qui, se quei 10mila membri di HDP che sono attualmente in carcere fossero fuori, se fuori ci fossero anche i redattori dell’Agenzia Mesopotamia, i membri del Partito delle Regioni Democratiche, avvocati e altri amici giornalisti arrestati una settimana fa. Nonostante ciò, c’è un partito in Turchia che sta per diventare un attore chiave. Questi sono esempi che dimostrano che tutte le carenze possono essere colmate”.

L’istituzione della democrazia in Turchia

Determinando che i curdi sono in una posizione chiave nelle elezioni, Çandar ha proseguito con le sue parole come segue: “La perdita della presidenza di Erdogan e l’elezione di Kemal Kılıçdaroğlu saranno possibili solo con il grande sostegno del popolo. Non è solo il Partito della Sinistra Verde a svolgere il ruolo chiave, ma lo stesso popolo curdo. Finora, i dati e gli indicatori mostrano che 2 alleanze diverse dal Partito della Sinistra Verde, l’Alleanza del Popolo, che rappresenta il regime, e l’Alleanza della Nazione, avranno all’incirca lo stesso numero di parlamentari. Anche se L’Alleanza nazionale guadagnerà più parlamentari, non sarà sufficiente per apportare le modifiche costituzionali necessarie per uscire dal sistema presidenziale, dal sistema della dittatura individuale al sistema parlamentare e per approvare leggi molto importanti; quindi il numero di seggi che il Partito della sinistra verde avrà con i suoi voti lo renderà automaticamente la chiave per ricostruire la democrazia in Turchia”.

Il governo sarà estromesso

Riferendosi alla retorica minacciosa del governo, pochi giorni prima delle elezioni, Çandar ha affermato: “Al momento, il governo sta crollando. Il governo sarà estromesso. Imbrogliano sulla sicurezza dei seggi? Sono sicuro al 100% che lo faranno. Ma questo non basterà a impedire loro di andarsene. Come sarà con il controllo delle urne?”

Non c’è altra scelta

Ricordando quanto accaduto nell’elezione del sindaco di Istanbul in merito ai dibattiti sui brogli elettorali, Çandar ha affermato che la differenza di voti, che era di 13mila, ed è aumentata con la ripetizione delle elezioni a oltre 800mila.

Dice: “Questo non è possibile se le urne vengono poste controllo da tutti i gruppi di opposizione, e che il Consiglio elettorale supremo (YSK) non potrà “muoversi” per possibili frodi se la sicurezza delle urne sarà messa controllo e la burocrazia , che vedra che Erdoğan andarsene, prenderà una posizione di conseguenza. Penso che sarà così, il governo sarà estromesso, non c’è altra scelta”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...