Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

La sconfitta dell’AKP offrirà l’opportunità per una soluzione alla questione curda

“Un parlamento forte, un forte gruppo del Partito della sinistra verde in parlamento significa che avremo il potere di fare leggi. Significa aprire le porte tra Europa e Turchia. Sarà il nostro contributo alla libertà della Turchia”, lo ha affermato il presidente onorario di HDP Ertuğrul Kürkçü.

Mancano meno di due settimane alle elezioni presidenziali e parlamentari turche del 14 maggio. Il principale partito dell’opposizione democratica è il Partito della sinistra verde. Il Partito democratico dei popoli (HDP) è minacciato di messa al bando e quindi sostiene il Partito della sinistra verde nelle elezioni parlamentari. Ogni voto è cruciale nelle prossime elezioni. Editore, giornalista, autore, presidente onorario di HDP e membro onorario dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, Ertuğrul Kürkçü, ha parlato con l’agenzia stampa ANF delle prossime elezioni.

Ertuğrul ha sottolineato l’importanza strategica delle elezioni che, ha detto, sono cruciali “perché o si fermerà il tentativo di instaurare una dittatura fascista, o si continuerà in quella direzione”. Ha dichiarato: “Non dobbiamo permettere una sconfitta. Dobbiamo vincere questa lotta perché dopo il 2015-2016, cioè dopo il grande successo di HDP, non solo abbiamo fermato la sistematica repressione del popolo curdo, della democrazia e delle forze democratiche in Turchia, ma l’abbiamo anche invertita. Queste elezioni rappresentano per noi l’occasione decisiva per estromettere Tayyip Erdoğan e i suoi complici, l’alleanza di AKP, MHP ed Ergenekon”.

Un tempo nuovo per una soluzione della questione curda

Il politico ha sottolineato che la sconfitta dell’AKP offrirà l’opportunità per una soluzione alla questione curda e ha continuato: “Al momento, l’equilibrio si è spostato a favore dell’opposizione e contro il governo. Siamo alla vigilia delle elezioni. Vorrei sottolineare che non ci saranno cambiamenti sociali ed economici in Turchia subito dopo le elezioni. Ma il regime di un uomo solo perderà la sua legittimità. Ciò darà al popolo curdo, alle forze democratiche, ai poveri, ai lavoratori e a tutti i gruppi sociali che lottano per i propri diritti l’opportunità di alzare la voce più liberamente, in modo più organizzato e solidale. Il regime ha i suoi limiti. La cosa più importante che ci aspettiamo da queste elezioni è l’apertura di una nuova era di lotta. Si tratta di trovare nuovi interlocutori per una soluzione alla questione curda, avviare un nuovo processo, avere una voce più forte in parlamento ed essere un attore decisivo nel processo legislativo e nelle nuove iniziative costituzionali. Lottiamo per condizioni nuove e più favorevoli alla lotta. La liberazione dipende dai risultati di questa lotta. Ora dobbiamo fare la svolta”.

I tentativi di disturbare il processo elettorale falliranno

Il presidente onorario di HDP ha avvertito che l’AKP vuole disturbare la campagna e il processo elettorale.“Tuttavia, questi tentativi falliranno di fronte alla volontà popolare. Quando si tratta di tirannia, può sembrare più vantaggioso a breve termine affidarsi allo Stato, all’esercito, alla polizia, ai servizi segreti, alla gendarmeria, ai paramilitari, ai guardiani notturni e alle bande di strada. Alla fine, tuttavia, il regime si preoccuperà di interrompere il processo elettorale attraverso tali circoli. La gente se lo aspetta e lo teme. Il nostro più grande vantaggio è che la determinazione per un cambio di egemonia è dalla nostra parte. Ma non è nemmeno facile per un regime indebolito, che è in via di disintegrazione, raccogliere la volontà di dirigere la sua struttura frammentata verso attività distruttive. Se il nostro popolo dimostra di non aver paura, se mostra un atteggiamento forte, se protegge le urne, se si alza con coraggio nei seggi elettorali, se non rimane in silenzio, se non si piega, allora i sogni del regime di mettere a tacere il popolo con la violenza andranno in frantumi.Il regime è in disintegrazione, il suo coraggio è spezzato, la sua forza non è sufficiente per resistere alla marea del popolo. Abbiamo visto la stessa storia in Brasile qualche mese fa. In Brasile si diceva che Bolsonaro non avrebbe ceduto il potere nemmeno di fronte al rafforzamento del Partito dei Lavoratori di Lula, che avrebbe fatto qualcosa l’ultimo giorno, che l’esercito avrebbe preso il potere. Ma la gente è rimasta ferma.

Il popolo difenderà la propria dignità contro il tiranno

Penso che il silenzio di Tayyip Erdoğan di fronte alla situazione non sia dovuto alla sua forza o perché ha il potere di fare una cosa del genere, ma al contrario, tace per evitare che le forze dell’opposizione stiano vicine ed essere forti e uniti e ridurre la forza della lotta. Perché se il ritmo aumenta, è inevitabile che l’opposizione si unisca e la determinazione del popolo aumenti. Se guardiamo alla situazione attuale, possiamo vedere che anche l’apertura dei seggi elettorali è un’espressione di volontà molto più forte dei comizi organizzati nelle grandi città dal governo con tutte le sue risorse. Da questo punto di vista, penso che dovremmo avere dieci punti di vantaggio alle elezioni. Nessuna forza può reggere contro un vantaggio di dieci punti. Ecco perché continua ad essere costruita la pressione. È sufficiente che partecipiamo alle elezioni del 14 maggio con grande forza, monitoriamo i seggi elettorali, non perdiamo di vista per un attimo i seggi elettorali e proteggiamo così i voti. Il popolo turco difenderà la propria dignità contro il tiranno. Confido che la nostra gente proteggerà il proprio orgoglio, la propria dignità e la propria voce. La voce del popolo ha la massima importanza in Turchia. Il popolo non lo affiderà a nessuno”.

Il fascismo verrà rovesciato

Facendo appello agli elettori aventi diritto in Europa, Kürkçü ha dichiarato: “Ogni voto per il Partito della Sinistra Verde in Europa porterà al rovesciamento del fascismo e all’apertura delle porte della Turchia. HDP ha conquistato altri due seggi parlamentari grazie ai voti dall’Europa. Gli aventi diritto al voto in Europa sono quasi tre milioni. La maggior parte di loro non sostiene il partito al governo. Ma la compiacenza o l’indifferenza dell’opposizione al voto individuale mobilita il potere del popolo all’estero per la dittatura. Dobbiamo invertire tutto questo. Con ogni voto poniamo un’altra pietra sulla strada per il rovesciamento del fascismo. Come può un antifascista, un democratico, un curdo non continuare a costruire questo percorso? I nostri popoli devono recarsi alle urne con la determinazione di battersi per la libertà. Vorrei fare un esempio: tutti i nostri elettori in Europa sono tanti quanti quelli della terza circoscrizione di Istanbul. Prima avevamo sei parlamentari, ora puntiamo a sette o otto. Con il sostegno dell’Europa, possiamo raddoppiare quel numero. Un parlamento forte, un forte gruppo di sinistra verde in parlamento significa che avremo il potere di fare leggi. Significa aprire le porte tra Europa e Turchia. Sarà il nostro contributo alla libertà della Turchia. Con amore, rispetto e stima, invito tutti a votare per porre fine alla dittatura”.

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...