Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

HDP: Non ci sottometteremo al colpo di stato elettorale

HDP ha definito gli arresti di massa in Turchia come un futile tentativo di intimidire il regime AKP/MHP, che sta affrontando la sconfitta, e ha avvertito dei problemi di sicurezza nelle elezioni del 14 maggio.

Il Partito democratico dei popoli (HDP) ha reagito agli arresti di massa nel periodo precedente alle elezioni parlamentari e presidenziali in Turchia e ha chiesto una resistenza congiunta contro la repressione del regime di Erdogan.

La dichiarazione del Comitato esecutivo centrale di HDP afferma:

“Il governo AKP/MHP ha perso il sostegno popolare e la legittimità sociale e ha accelerato le sue operazioni politiche pochi giorni prima delle elezioni”.

Nel corso della prima operazione di martedì contro l’opposizione curda e la società civile, 144 delle 216 persone ricercate a livello nazionale sono state arrestate e finora sono stati emessi 48 mandati di cattura per avvocati, giornalisti, politici, attivisti e artisti.

Sabato, in un’indagine condotta dall’ufficio del procuratore capo di Ankara, il co-presidente dell’Associazione dei giornalisti Dicle-Firat (DFG), Dicle Müftüoğlu, nonché il giornalista Sedat Yilmaz, corrispondente dell’agenzia di stampa Mesopotamia, e molti altre persone sono state poste in detenzione ad Amed e in altre città.

Un’operazione lanciata oggi a Istanbul ha preso di mira l’opposizione socialista. Tra gli arrestati ci sono il presidente dell’ESP Şahin Tümüklü, l’editore dell’agenzia ETHA Nadiye Gürbüz, candidati del Partito della sinistra verde (Yeşil Sol Parti), membri della Federazione delle associazioni giovanili socialiste (SGDF) e dei Consigli delle donne socialiste (SKM).

HDP ha dichiarato: “Lo abbiamo già detto, diciamolo di nuovo. Queste ondate di arresti sono un colpo di stato politico contro la volontà dell’elettorato in Turchia”. Gli arresti di massa fanno parte dei preparativi del governo per frodi elettorali organizzate, colpendo anche i giornalisti dell’opposizione che potrebbero denunciare tali tentativi. Il governo ha coinvolto la polizia e la magistratura nella campagna elettorale e la sicurezza delle elezioni è seriamente in pericolo.

La magistratura e le forze dell’ordine commettono un crimine quando interferiscono nelle elezioni. Il nostro partito e le forze che lottano per la democrazia in Turchia si opporranno fino alla fine a questo colpo di stato. Non ci siamo sottomessi al golpe fiduciario, né ci sottometteremo al golpe elettorale di oggi.

Abbiamo la forza e la determinazione per fermare queste operazioni immorali del governo e del Ministro degli Affari Penali [Ministro dell’Interno Süleyman Soylu]. Il governo non potrà sfuggire all’incombente sconfitta storica attraverso un colpo di stato alle urne”.

Facendo appello a tutti i partiti politici, all’opposizione e all’opinione pubblica democratica, HDP ha dichiarato: “Resistete a questa cospirazione elettorale! Riguarda tutti noi. Finché ci sarà silenzio contro i tentativi di intimidazione, questa spirale fascista si allargherà e colpirà tutti Dopo le elezioni amministrative del 31 marzo 2019, il golpe elettorale non resterà dov’è iniziato, così come il golpe fiduciario non si è limitato ai nostri comuni ma è diventato un metodo e una forma di governo. Stiamo insieme contro questo regime di oppressione e repressione”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...