Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Altri tre candidati parlamentari in detenzione nell’ultima operazione della polizia turca

Tre candidati parlamentari del Partito della Sinistra Verde sono stati arrestati domenica mattina dalla polizia turca in un’operazione condotta in diverse città.

L’operazione di polizia ha preso di mira il Partito socialista degli oppressi (ESP), che fa parte dell’Alleanza del lavoro e della libertà che comprende anche il Partito democratico dei popoli (HDP).

Il quotidiano filogovernativo Hürriyet ha riferito che l’ultima operazione è stata effettuata in relazione a un’indagine avviata nella provincia anatolica centrale di Eskişehir contro membri del Partito Comunista Marxista Leninista (MLKP). Il giornale ha affermato che 10 sospetti, sei donne e quattro uomini, dalla mattina sono stati posti in detenzione.

Secondo l’Ufficio legale degli oppressi, affiliato all’ESP, sono state arrestate finora 19 persone, tra cui il co-presidente del partito Şahin Tümüklü.

Tra i detenuti ci sono anche i candidati parlamentari del Partito della sinistra verde Burcu Ayyıldız, Meryem Yıldırım e Müslüm Koyun.

Come è avvenuto in altre operazioni di polizia avviate questa settimana, è stato imposto un ordine di riservatezza sul fascicolo del caso e ai detenuti non sarà consentito entrare in contatto con i propri avvocati per 24 ore.

Questa settimana le autorità turche hanno avviato una nuova fase di repressione contro organizzazioni e personalità curde e di sinistra, mentre il paese si dirige verso quelle che molti analisti definiscono “le elezioni più critiche della sua storia” del 14 maggio.

La nuova ondata di arresti è iniziata con un’operazione di polizia lanciata in 21 diverse province, in cui sono state arrestate e detenute 128 persone, tra cui politici curdi, giornalisti, avvocati impegnati nei preparativi per la sicurezza elettorale e membri di organizzazioni della società civile.

A partire da sabato, 48 detenuti sono stati posti in arresto cautelare dai tribunali, mentre 91 sono stati rilasciati. Gli arresti sono proseguiti sabato con una nuova operazione legata a un’inchiesta avviata nella capitale turca di Ankara. La polizia turca ha fatto irruzione in decine di abitazioni in un’operazione simultanea condotta in 15 province, per arrestare 54 sospetti, secondo la stampa filo governativa.

Dicle Müftüoğlu, co-presidente dell’Associazione dei giornalisti Dicle-Fırat, e Sedat Yılmaz, redattore dell’Agenzia Mesopotamia, sono tra gli arrestati di sabato.

Sabato la polizia di Istanbul ha arrestato anche sei giornalisti che stavano protestando contro le operazioni contro i loro colleghi. La folla riunita per la protesta, tra cui la deputata di HDP per İstanbul Züleyha Gülüm, è stata accerchiata dalle forze di sicurezza che sono intervenute violentemente contro i giornalisti che cantavano “La stampa libera non può essere messa a tacere”.

“Gli addetti alla stampa sono stati arrestati qui mentre cercavano di rilasciare una dichiarazione ai media per protestare contro le detenzioni contro la libertà di stampa. Coloro che vogliono mettere a tacere la gente e la stampa poco prima delle elezioni, hanno risposto ancora una volta arrestando delle persone. Ma dovrebbero sapere che né la stampa libera né coloro che lavorano per il futuro di questo Paese rinunceranno mai alla loro lotta», ha affermato Gülüm dopo gli interventi della polizia.

I sei giornalisti arrestati sabato dalla polizia sono stati rilasciati domenica mattina.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...