Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

HDP: Questa operazione serve a confiscare le urne e la volontà della gente

Circa 150 membri dell’opposizione sono stati arrestati in Turchia alla vigilia delle elezioni presidenziali e parlamentari. HDP condanna l’operazione e afferma che la magistratura e la polizia sono intervenute nella campagna elettorale.

Il Comitato esecutivo del Partito democratico dei popoli (HDP) ha rilasciato questa mattina una dichiarazione sugli arresti di massa in Turchia, affermando: “Il governo AKP/MHP sta affrontando la più grande sconfitta elettorale della sua storia e continua ad attaccare il nostro partito, le organizzazioni della società civile, le dinamiche sociali e l’opposizione per panico e paura. Nell’attacco effettuato tramite la magistratura nelle ore mattutine in 21 province con centro a Diyarbakır [ku.Amed], più di 100 persone sono state arrestate, tra cui il nostro vice co-presidente Özlem Gündüz , il nostro compagno del Comitato esecutivo centrale (MYK) Mahfuz Güleryüz, altri membri del partito, giornalisti, avvocati e artisti”.

Un nuovo tentativo di golpe politico

Per quanto riguarda i retroscena dell’operazione, il comitato esecutivo di HDP ha dichiarato: “Noi e la società conosciamo il motivo di questo attacco, che è stato effettuato dal governo dell’AKP e dalla magistratura da esso guidata. Dal 2015 il governo ha cercato di prolungare la sua vita con colpi di stato politici, massacri, propaganda nera, metodi di guerra speciali, minacce, ricatti e ogni tipo di attacco.Con l’ondata di arresti di questa mattina ha lanciato un nuovo tentativo di golpe in vista delle elezioni del 14 maggio. L’operazione è diretta contro la volontà dell’elettorato e un’aperta intimidazione e minaccia alla società e alle sue preferenze politiche”.

La dichiarazione continua: “Non è un caso che gli avvocati che proteggeranno le urne e lotteranno contro l’illegalità, gli operatori dei media che informeranno l’opinione pubblica e i politici che combatteranno contro l’AKP sul campo vengano posti in detenzione contemporaneamente. Il partito al governo prima ha guidato le bande e la mafia che ha nutrito e cresciuto sul campo e le ha fatte minacciare la società in stile ISIS, e ora sta interferendo direttamente nelle elezioni attraverso la polizia e la magistratura. La magistratura e la polizia, che non hanno adottato provvedimenti contro le bande che minacciano apertamente decapitazioni nelle strade e fanno pressione sui nostri elettori con i loro figli, hanno interferito nella campagna elettorale di AKP e MHP”.

Il governo scomparirà dalla scena politica

“Il governo AKP/MHP, che diventa aggressivo quando perde e perde quando diventa aggressivo, non potrà sfuggire al destino che lo attende. La nostra gente e tutti i gruppi sociali la cui volontà è minacciata daranno la risposta più ampia a questi attacchi alle urne. L’AKP non sarà in grado di invertire il corso della storia con questa operazione, al contrario, scomparirà dalla scena politica con la volontà del popolo e non tornerà mai più”, si legge nel comunicato. “Chiediamo a tutti coloro che vogliono porre fine a questo ordine di minacce e ricatti, che mostrano la volontà di fare i conti con l’illegittimità praticata da anni, di prendere posizione aperta contro questi attacchi. Al posto di ogni persona arrestata, chiediamo a migliaia e decine di migliaia di persone di assumersi la responsabilità e partecipare alla campagna elettorale, proteggere le urne e lottare attivamente contro il golpe. Siamo qui e sicuramente vinceremo!”

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...