Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Vado a lavorare in Parlamento per una Commissione sulla verità

Il figlio di Apê Musa, Dicle Anter, crede che gli omicidi non identificati siano la scatola nera della Turchia. 31 anni dopo l’assassinio del padre, eminente scrittore e giornalista curdo, sarà candidato alla carica di deputato.

Dicle Anter, figlio del giornalista e scrittore curdo Musa Anter (Apê Musa/Zio Musa) ucciso 31 anni fa, ha presentato richiesta al Partito della Sinistra Verde per essere candidato a membro del parlamento.

Dicle se sarà eletto lavorerà affinché gli omicidi non identificati vengano portati alla luce . Il figlio di Apê Musa ha spiegato perché si è candidato e cosa desidera fare in Parlamento.

Gli omicidi non identificati sono la scatola nera della Turchia

Dicle Anter ha proposte di ricerca e soluzioni per omicidi non identificati avvenuti in Turchia. Ha detto che lavorerà per istituire una Commissione per la verità nel caso in cui venga eletto.

Rivelare la verità su questi omicidi avrà un effetto diretto sul futuro della Turchia, ritiene Anter.

“Gli omicidi non identificati sono la scatola nera della Turchia. Quando saranno portati alla luce, la Turchia avrà un futuro molto diverso. Quando la luce farà luce sulle scatole nere, potremo compiere grandi passi nei campi della giustizia, della pace e della libertà”.

Il paese che sogna

Dicle Anter vuole vivere in un paese dove regni pace e amore. Ha descritto i suoi sogni per il futuro della Turchia:

“Sogno una società in cui le persone non si sparino a vicenda, non si sconvolgano a vicenda, possano parlarsi, cercare soluzioni attraverso il dialogo e non la violenza, e usare un linguaggio non polarizzante ma inclusivo”.

Anter ha detto: “Voglio una società in cui tutti abbiano più libertà, e che sia piena di amore. Perché dovremmo affrontare il male? In realtà le mie richieste sono molto semplici, ma quando si tratta della pratica, le persone hanno difficoltà”.

Chi era Musa Anter

 

 

Autore, giornalista e attivista. Assassinato nella città di Diyarbakır nel 1992.

Il 20 settembre 1992, Musa Anter ha partecipato al Festival della cultura e dell’arte a Diyarbakır, ha firmato i suoi libri. Un attacco armato ha avuto luogo contro Anter e suo nipote, il giornalista-scrittore Orhan Miroğlu nel quartiere di Cumhuriyet. Anter è morto e Miroğlu è stato ferito. L’attacco sarebbe stato condotto dall’Organizzazione dell’intelligence della gendarmeria e dell’organizzazione antiterrorismo (JİTEM), una controversa ala e agenzia di intelligence della gendarmeria.

Musa Anter fu preso in custodia per la prima volta durante la rivolta di Dersim del 1937-38 e poi per molte altre volte nella sua vita.

È stato tra i fondatori dei Focolari rivoluzionari della cultura orientale, del Partito Laburista del popolo, del Centro culturale della Mesopotamia e dell’Istituto di cultura curdo di Istanbul.

Dopo aver lasciato la Facoltà di Giurisprudenza al terzo anno, Musa Anter ha iniziato a scrivere per Şark Postası e Dicle Kaynağı. Fu imprigionato nel 1959 a causa della sua poesia curda “Qimil/Kımıl” pubblicata sul quotidiano İleri Yurt. Anter è stato anche condannato all’ergastolo nella causa nota come 49s. Fu arrestato nel 1963, mandato in esilio nel 1967 e imprigionato dopo i colpi di stato militari del 1971 e del 1980.

Nel corso della sua vita, Anter ha scritto per İleri Yurt, Dicle-Fırat, Barış Dünyası, Deng, Yön, Azadiye Welat, Yeni Ülke, Özgür Gündem, Rewşen e Tewlo. Ha anche pubblicato sette libri e un dizionario curdo-turco.

Nato a Mardin nel 1920, Musa Anter ha completato gli studi secondari e superiori ad Adana e ha studiato giurisprudenza all’Università di Istanbul.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Il Comitato esecutivo centrale del partito DEM ha avvertito che gli attacchi contro gli operatori della stampa libera in Turchia e in Europa sono...

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...