Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Il Partito della Sinistra Verde rilascia una dichiarazione finale: “La nostra missione è porre fine al regime di un solo uomo”

Di fronte alla chiusura HDP parteciperà alle elezioni sotto il Partito della Sinistra Verde. Il Partito della Sinistra Verde (Yeşil Sol) ha rilasciato una dichiarazione finale dopo la riunione dell’assemblea del partito di ieri (26 marzo).

“Gli oppressi, i democratici, i rivoluzionari, gli aleviti, i curdi, le donne e i giovani di questo paese hanno una possibilità storica di sbarazzarsi di questo regime individuale oppressivo e oppressivo e di fare un passo verso una repubblica democratica. Spetta a noi sfruttare questa opportunità e la sfrutteremo”, afferma la dichiarazione. “In queste elezioni milioni di nuovi elettori voteranno. I giovani hanno parole da dire e voti da esprimere.

Siamo determinati a fornire una base affinché possano esprimere queste parole e per esprimere le loro richieste per i loro diritti all’istruzione, alla casa, al trasporto e tutte le altre richieste.

“Faremo ogni sforzo per i diritti dei bambini che affrontano le conseguenze delle attuali politiche economiche come la malnutrizione, la privazione del diritto all’istruzione e che sono soggetti a violenze e abusi”.

Di fronte a un caso di chiusura, il Partito democratico dei popoli (HDP), il partito più popolare tra l’elettorato curdo del paese, ha deciso la scorsa settimana di partecipare alle elezioni del 14 maggio sotto il Partito della sinistra verde.

L’alleanza lavoro e libertà, che comprende la sinistra verde e diversi partiti di sinistra, ha annunciato il 22 marzo che non avrebbe schierato un candidato per le elezioni presidenziali in una decisione che aumenta le possibilità dell’opposizione contro la rielezione del presidente Recep Tayyip Erdoğan.

Crescente sentimento anti-LGBTI+

Menzionando le discussioni negli ambienti governativi su una possibile abolizione della legge n. 6284 sulla violenza contro le donne, il partito ha affermato: “Il governo, che si è ritirato dalla Convenzione di Istanbul, adesso con la sua alleanza mette in discussione la legge n. 6284.

“Saremo una voce crescente contro la sempre maggiore ostilità nei confronti delle persone LGBTI+, la neutralizzazione dei mezzi per combattere la violenza contro le donne e tutte le altre politiche sessiste. Creeremo una vasta organizzazione che porterà avanti la lotta per la libertà di tutti i popoli oppressi, in particolare del popolo curdo. Lotteremo per raggiungere una pace duratura contro le politiche di sicurezza e di guerra perseguite dal governo. “Uscire da queste elezioni con successo è importante non solo per la gente di questo Paese, ma anche per tutti i popoli della regione. Dobbiamo vincere per la pace nella regione, per il futuro dei popoli e delle persone che sono fuggite dalla guerra e sono diventate profughi. “La nostra missione per oggi è porre fine al regime di un solo uomo. È distruggere questo ordine oppressivo e monista e gettare le basi di una vita politica libertaria e democratica in cui tutti i tipi di esclusione e discriminazione siano eliminati”.

Demirtaş: si è formata un’alleanza talebana

Selahattin Demirtaş, l’ex co-leader dell’HDP incarcerato,dopo l’adesione di due partiti islamisti ha descritto l’alleanza al potere come “una sorta di alleanza talebana”.

Recentemente, il Nuovo partito del benessere (Yeniden Refah), che condivide le stesse radici islamiche con il Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP) di Erdoğan, e il Partito Causa Libera (HÜDA PAR), un gruppo islamista curdo, si sono uniti all’Alleanza popolare. Gli altri partiti dell’alleanza sono il Partito del movimento nazionale (MHP) e il suo ramo Partito della grande unità(BBP).

Con le nuove aggiunte l’Alleanza popolare è diventata “il blocco più di destra e più reazionario nella storia politica della Turchia”. Si è formata una sorta di alleanza talebana”, ha scritto in un articolo per il portale di notizie Artı Gerçek. “Soprattutto per le donne, questa potrebbe essere l’ultima elezione che vedranno mai. Perché l’Alleanza talebana si rimboccherà le maniche per usurpare i diritti delle donne”, ha scritto.

Il politico curdo ha invitato l’opposizione a mettere in guardia l’opinione pubblica ea sensibilizzarla sulle minacce e sui pericoli che l’alleanza potrebbe causare.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...