Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

La Corte europea per i diritti dell’uomo condanna la Turchia per aver violato i diritti degli accademici per la pace

Tre accademici erano stati licenziati dai loro incarichi e i loro passaporti erano stati revocati. Il loro diritto all’istruzione e al rispetto della propria vita privata sono stati violati, ha concluso la corte europea.

La Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) ha condannato la Turchia per aver violato i diritti di tre degli accademici licenziati e processati per aver firmato una dichiarazione del 2016 in cui criticava il governo per il conflitto nelle regioni a maggioranza curda del paese.

Alphan Telek, Edgar Şar e Zeynep Kıvılcım avevano presentato ricorso al tribunale dopo la revoca dei loro passaporti.

La corte europea ha stabilito che i loro diritti all’istruzione e al rispetto della vita privata sono stati violati.

La corte ha anche concluso che i decreti statutari, che costituivano la base legale per il licenziamento di quelli che sono noti come Accademici per la Pace, non si qualificano come leggi.

Secondo il verdetto la Turchia pagherà 12.000 euro a Telek e Şar e 10.750 euro a Kıvılcım.

Decreti statutari

In un tweet, l’avvocato Benan Molu ha anche osservato che il tribunale aveva concluso che i decreti statutari n. 675 e 686 non si qualificano come leggi.

Il verdetto del tribunale rileva inoltre che era chiaro che i ricorrenti, che erano accademici, avrebbero dovuto partecipare ad attività e studi accademici all’estero e che erano impegnati in tali studi.

Pertanto, ha concluso il tribunale, l’assenza di un passaporto valido ha influito in modo significativo sulla loro vita professionale e privata.

Stato di emergenza e illegalità

Le misure legali adottate durante lo stato di emergenza avrebbero dovuto essere in linea con il principio di legalità e il diritto a un’applicazione effettiva, aggiungendo che i tribunali locali non avevano adempiuto al loro dovere di addurre un motivo per la revoca dei passaporti.

Cosa è successo?

Durante il periodo dello stato di emergenza seguito al tentativo di colpo di stato del 2016, molti dipendenti pubblici sono stati licenziati con decreti statutari, con la revoca del passaporto.

Telek, Şar e Kıvılcım erano tra loro, i cui passaporti sono stati revocati ai sensi dei decreti statutari n. 675 e 686.

A quel tempo, Telek e Şar erano assistenti di ricerca presso l’Università tecnica di Yıldız, mentre Telek era anche ammesso come ricercatore presso l’Istituto di studi politici di Parigi. Şar è stato anche accettato per un dottorato di ricerca, corso presso l’Istituto Universitario Europeo di Firenze.

Kıvılcım era in Germania quando è stata licenziata dall’Università di Istanbul e il suo passaporto è stato revocato. Ha continuato i suoi studi accademici in Germania. Dopo che le loro domande contro la revoca dei passaporti sono state respinte, l’11 agosto 2017 hanno presentato ricorso alla CEDU.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...

Turchia

Il giornalista e scrittore turco Celal Başlangıç ​​è morto venerdì notte a causa di un cancro all’età di 68 anni. Il giornalista e scrittore...

Diritti umani

MÊRDÎN/İZMİR – 1 persona è stata arrestata durante le perquisiszioni domestiche a Nisêbîn (Nusaybin). A Izmir è stato arrestato Koray Kesik, direttore artistico del documentario...