Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Diyanet Taşdemir: Le prossime elezioni sono di importanza cruciale, soprattutto per le donne

La deputata di HDP di Agirî Diayet Taşdemir ha parlato delle elezioni che si terranno il 14 maggio e ha affermato che sono di fondamentale importanza per le donne perché, “dopo queste elezioni, il paese si evolverà in una democrazia o in una dittatura totale”. Diyanet Taşdemir, deputata del Partito del partito democratico dei popoli (HDP) di Agirî, hadiscusso con ANF delle elezioni che si terranno il 14 maggio. Diyanet ha affermato che le elezioni sono di importanza critica per il futuro del paese perché “dopo queste elezioni la Turchia evolverà in una democrazia o in una dittatura. Questa sarà un’elezione ancora più importante per le donne. Negli ultimi 21 anni il governo dell’AKP ha portato avanti politiche che rifiutano tutte le conquiste delle donne, cercando di oscurare la visibilità delle donne in tutte le sfere della vita, nella vita pubblica, nel modo in cui partecipano alla politica e all’interno della famiglia , e ha cercato di cancellare la soggettività delle donne nel loro insieme. C’è un governo dell’AKP che è piuttosto a disagio con la libertà delle donne, che sono soggetti nella vita sociale e possono prendere decisioni nella vita politica”. Ha aggiunto: “L’AKP cerca di respingere le donne usando la percezione sociale o la legge. Questo regime è un’alleanza maschile e misogina. Questo regime deve perdere affinché il futuro, la libertà e le conquiste delle donne siano protette e possano svilupparsi e affinché le donne possano vivere in un paese più democratico. Le donne sono vincolate a queste elezioni per la loro libertà. Sono consapevoli che il modo per tessere una vita più egualitaria è che questo regime perda».

Importanza della legge n.6284

Diyanet Taşdemir ha anche parlato della legge n. 6284, che è stata discussa dall’Alleanza popolare [l’alleanza AKP-MHP], e ha proseguito come segue: “La legge n. 6284 è una legge che protegge le donne dalla violenza. È una legge che impone responsabilità agli Stati in questo senso. È una legge che responsabilizza lo Stato nei casi di violenza contro le donne. Questa legge è stata a lungo nell’agenda dell’AKP. La stessa situazione si è verificata con la Convenzione di Istanbul. Il governo si è ritirato dall’oggi al domani dalla Convenzione e le donne sono state gravemente colpite da questa decisione. Ora, la legge 6284, una conquista del movimento delle donne è stata messa in discussione. Ma sulla strada per le elezioni, c’è stata una seria opposizione da parte delle donne. Sebbene ci siano voci diverse all’interno dell’AKP, c’è un punto di vista ideologico che sottrae completamente le donne alla protezione dello Stato e vuole eliminare la responsabilità dello Stato».

Le donne pagano il conto della crisi

Diyanet ha parlato di ciò che le donne hanno vissuto nella regione colpita dal terremoto e ha detto: “I bisogni delle donne nelle aree terremotate erano percepiti come poco importanti. Dopo il terremoto, abbiamo assistito a come, in tempi di crisi o calamità, ogni responsabilità sia lasciata sulle spalle delle donne. Le donne che hanno perso la famiglia o i parenti hanno dovuto svolgere compiti che erano responsabilità dello Stato per mantenere la vita.

Lo Stato ha lasciato le donne sole come se fosse il loro lavoro. Sono state lasciate a provvedere al bucato oltre che alla cucina, alla cura dei figli e ad occuparsi della psicologia della famiglia, per mantenere vive le relazioni sociali. Il disastro nelle regioni terremotate si è trasformato in una grave crisi e le donne hanno pagato il conto più pesante a causa dell’incuria dello Stato”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

I corpi dei membri di YJA-Star Leyla Gülcü, Şekirnaz Kaplan ed Emine Kaplan, che hanno perso la vita nel bombardamento nella zona rurale del...

Donne

La politica arrestata Ayla Akat Ata, nel suo messaggio del 25 novembre, ha dichiarato: “Abbiamo qualcosa da dire, sappiamo che possiamo cambiare, ci riusciremo...

Turchia

La polizia ha attaccato la manifestazione del 25 novembre a Şirnex e ha arrestato i giornalisti Zeynep Durgut, Ömer Akın e Rozerin Gültekin e...

Turchia

ANKARA – La Procura generale della Corte Suprema d’Appello ha chiesto che HEDEP, l’abbreviazione di Partito dell’uguaglianza e la democrazia dei popoli , venga...