Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Il partito islamista curdo pronto a unirsi all’alleanza di Erdoğan

Il presidente ha invitato l’HÜDA PAR alla sua alleanza. L’opposizione ha messo in dubbio le sue motivazioni dato lo scarso sostegno pubblico del partito e ha collegato il partito a Hezbollah, un gruppo armato responsabile dell’uccisione di centinaia di persone, inclusi giornalisti e politici, negli anni ’90.

Nel tentativo di espandere la sua alleanza in vista delle elezioni del 14 maggio, il partito al governo del presidente Recep Tayyip Erdoğan è entrato in contatto con il Partito della causa libera (HÜDA PAR), un partito islamista attivo principalmente nelle regioni del paese a popolazione prevalentemente curda.

I colloqui sarebbero iniziati all’inizio di gennaio, quando Erdoğan ha ospitato Zekeriya Yapıcıoğlu, capo dell’HÜDA PAR nel complesso presidenziale. Parlando ai giornalisti dopo la sua visita, Yapıcıoğlu aveva affermato che le elezioni erano tra gli argomenti che aveva discusso con il presidente, senza fornire ulteriori dettagli. Sabato, Yapıcıoğlu ha dichiarato, dopo un incontro con i dirigenti del partito, di aver deciso di sostenere Erdoğan nelle elezioni presidenziali. Due alti funzionari del Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP) di Erdoğan il 13 marzo hanno incontrato Yapıcıoğlu presso la sede di HÜDA PAR.

Dopo l’incontro, Yapıcıoğlu ha rivelato che Erdoğan aveva offerto loro di unirsi all’alleanza al potere nel loro incontro di gennaio. Mentre avevano già deciso di sostenerlo nelle elezioni presidenziali, i colloqui per le elezioni parlamentari erano ancora in corso, ha osservato.

“In linea di principio, non ci sono problemi ad agire insieme anche alle elezioni parlamentari. Ma i dettagli non sono ancora chiari”, ha rimarcato.

L’alleanza al potere comprende attualmente l’AKP, il Partito del movimento nazionalista (MHP) e il Partito della grande unità (BBP).

Il passato di HUDA PAR e le motivazioni di Erdogan

Mentre sia l’alleanza di governo che quella di opposizione sono alla ricerca di guadagni marginali in vista di quella che dovrebbe essere una gara serrata, la mossa HUDA PAR di Erdoğan è stata accolta con scetticismo dato il trascurabile sostegno popolare del partito.

Nelle precedenti elezioni del 2018, il partito ha ottenuto solo lo 0,3 per cento dei voti, senza alcuna indicazione che la sua popolarità da allora sia cambiata. I critici hanno anche collegato l’HUDA PAR a Hezbollah, noto anche come Hezbollah curdo, un gruppo che ha perpetrato centinaia di omicidi mirati negli anni ’90.

Faik Öztrak, un portavoce della principale opposizione, il Partito repubblicano del popolo (CHP), ha criticato il governo affermando: “Sono così preoccupati che faranno una coalizione con l’HUDA PAR”. Ha elencato alcuni degli omicidi perpetrati da Hezbollah, inclusi gli omicidi di Gaffar Okkan, l’allora capo della polizia provinciale di Diyarbakır, Konca Kuriş, un’autrice femminista musulmana, e Halit Güngen, una giornalista.

Mehmet Yula, un consigliere del CHP, ha affermato che Erdoğan si è avvicinato a HUDA PAR “in preda al panico”, anticipando l’approvazione del leader del CHP Kemal Kılıçdaroğlu nelle regioni curde. Kılıçdaroğlu correrà contro Erdoğan per la presidenza. Yula ha anche descritto HUDA PAR come il “ramo legale di Hezbollah”.

Meral Danış-Beştaş, vicepresidente del gruppo parlamentare del Partito democratico dei popoli (HDP) ha fatto osservazioni simili in una conferenza stampa in parlamento. “L’Alleanza popolare è in preda al panico, vanno ovunque possono”, ha affermato.

Cevat Öneş ex vice sottosegretario dell’agenzia di intelligence turca, ha affermato che l’opinione pubblica non dovrebbe chiudere un occhio sull’alleanza emergente tra l’AKP e l’HUDA PAR, descrivendo Hezbollah come “un’organizzazione con un passato oscuro”.

“Ci sono questioni in discussione. La questione della creazione di un clima di paura prima delle elezioni, la questione dell’aumento dell’oppressione in un clima di paura, la questione del tentativo di creare un clima di silenzio, dai media all’opinione pubblica, agli intellettuali. ..” ha dichiarato al giornalista Ezo Özer in un’intervista su YouTube.

“Seguo il dibattito. La questione dei rapporti con strutture che hanno un passato losco… La gente non deve chiudere gli occhi davanti a questi dibattiti”. HUDA PAR, tuttavia, nega qualsiasi legame con Hezbollah. Serkan Ramanlı, portavoce del partito, ha dichiarato: “Non siamo i predecessori di Hezbollah. Non difendiamo nessuno. Difendiamo noi stessi”.

“Non siamo disturbati dagli attacchi contro di noi. Al contrario, questi attacchi fanno sì che la nostra voce raggiunga la nostra gente”, ha dichiarato a Rudaw.

Hizbullah

Formatosi all’inizio degli anni ’80, Hezbollah ha acquisito notorietà all’inizio degli anni ’90, durante l’insurrezione armata del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK).

Le persone considerate associate al PKK erano l’obiettivo di Hezbollah nell’est e nel sud-est del paese principalmente popolato da curdi, poiché Hüseyin Velioğlu, fondatore di Hezbollah, considerava il gruppo “infedele” a causa delle sue opinioni marxiste. Nella prima metà degli anni ’90, Hezbollah ha ucciso centinaia di persone che considerava associate al PKK, inclusi giornalisti e politici. In questo periodo le forze di sicurezza hanno commesso anche migliaia di esecuzioni extragiudiziali nella regione.

Concentrandosi sulla soppressione dell’insurrezione del PKK il governo per lo più ha chiuso un occhio sugli omicidi e sui rapimenti di Hezbollah durante quel periodo. Per questo Hezbollah, che significa “il partito di Dio”, è stato soprannominato “Hizbulkontra” o “il partito della contro-guerriglia”.

Hezbollah ha rivendicato l’uccisione nel 1992 del deputato del Partito Democratico (DEP) Mehmet Sincar, uno dei primi deputati del movimento politico curdo che precede HDP. Solo l’assassino è stato condannato dopo l’omicidio e il caso contro gli altri imputati verrà archiviato per prescrizione entro quest’anno. I politici curdi citano ampiamente l’uccisione di Sincar come un esempio della cooperazione tra lo stato e Hezbollah.

Halit Güngen, il rappresentante di Diyarbakır della rivista Doğru 2000 rivelò per la prima volta Velioğlu come capo di Hezbollah nel 1992. È stato ucciso a colpi d’arma da fuoco nell’ufficio della rivista due giorni dopo la pubblicazione del rapporto. Nel suo rapporto, Güngen aveva rivelato che la polizia antisommossa di Diyarbakır aveva addestrato membri di Hezbollah. In un altro significativo assassinio, Hezbollah ha ucciso Konca Kuriş, un’autrice femminista musulmana, dopo averla rapita e torturata per settimane in una casa a Konya. Kuriş è scomparsa nel luglio 1998. Circa un anno dopo, Hezbollah ha rivendicato il suo rapimento e l’uccisione, descrivendola come “una sostenitrice del secolarismo e nemica dell’Islam”. Il suo corpo è stato trovato in una fossa poco profonda in una casa a Konya, una di quelle che erano conosciute come le “tombe” di Hezbollah. Era stata “interrogata” e torturata per settimane.

La repressione e il processo

Il giro di vite sugli Hezbollah coincide con la diminuzione delle esecuzioni extragiudiziali nelle regioni curde del Paese. Tra il 1996 e il 2000 centinaia di membri di Hezbollah sono stati arrestati.

Nel gennaio 2000, Velioğlu è stato ucciso in uno scontro armato con la polizia durante un’irruzione nella sua casa a Beykoz, Istanbul. Edip Gümüş e Cemal Tutar, conosciuti come il braccio destro di Velioğlu furono catturati vivi.

Il processo contro Hezbollah è iniziato nel maggio 2000 con 15 imputati. Nel dicembre 2009 il tribunale ha condannato 16 imputati, tra cui Tutar e Gümüş, all’ergastolo aggravato per l’uccisione di 165 persone. Altri quindici imputati sono stati condannati a pene detentive da un anno e mezzo a 14 anni. Sia Tutar che Gümüş hanno difeso le loro azioni durante il processo. Nel gennaio 2011 invece, sono stati rilasciati 23 condannati in virtù di un emendamento al codice di procedura penale che limita a 10 anni il periodo di arresto senza condanna. Altri dieci condannati sono stati rilasciati nel 2019. Attualmente nessuno dei condannati è dietro le sbarre. (V.K.)

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...