Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

L’Unione degli ordini degli avvocati turchi ha sporto denuncia penale elencando i responsabili

 L’Unione degli ordini degli avvocati turchi ha elencato le persone e le organizzazioni responsabili della distruzione di migliaia di edifici nei terremoti nel centro di Maraş e ha presentato una denuncia penale.

L’Unione degli ordini degli avvocati turchi (TBB) ha presentato una denuncia penale contro gli appaltatori degli edifici distrutti nel terremoto di Maraş e gli ufficiali amministrativi che hanno approvato i loro progetti e non hanno effettuato le ispezioni. Nella denuncia del TBB, si chiede che i responsabili da determinare fossero perseguiti ai sensi dell’articolo 81 del codice penale turco intitolato “Omicidio deliberato” e dell’articolo 83 intitolato “Uccisione deliberata attraverso comportamento negligente”.

Sono state elencate le persone e le organizzazioni responsabili

Nella denuncia del TBB, le persone e le organizzazioni responsabili sono state elencate come segue: “Appaltatori che costruiscono gli edifici; Il tecnico responsabile della preparazione di piani architettonici, statici e di tutti i tipi, progetti, disegni e calcoli degli edifici e della loro attuazione; funzionari tecnici e tutti i tipi di ispettori edilizi e persone correlate che lavorano dalla fase di costruzione; Funzionari che rilasciano permessi di occupazione e permessi di agibiltà agli edifici; funzionari che impartiscono loro ordini e istruzioni in merito; Comuni collegati, funzionari del ministero che non adempiono al proprio dovere di ispezione. Coloro che sono responsabili di danni crescenti a causa dell’avvio tardivo, incompleto o difettoso delle operazioni di ricerca e soccorso dopo il terremoto.

Sarà costituita una commissione

Le seguenti dichiarazioni sono state incluse nella dichiarazione del TBB: “Per garantire che un sano processo di indagine sia svolto in collaborazione con organizzazioni professionali con conoscenze tecniche e una commissione da costituire dai nostri volontari e colleghi esperti in tutte le procedure da svolgere , compreso il prelievo e l’esame di campioni in modo che le prove non vengano distrutte e bruciate, e che tutti i sospetti siano esaminati , che siano avviati sforzi per la determinazione della legge, e sia l’indagine che il processo giudiziario saranno seguiti efficacemente al fine di evitare l’impunità.

 

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...