Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Cemil Bayık: Non eseguiremo azioni militari a meno che lo Stato turco non ci attacchi

Il co-presidente del Consiglio esecutivo della KCK, Cemil Bayık, ha dichiarato: “Fermiamo le azioni militari in Turchia, nelle metropoli e nelle città. Abbiamo deciso di non agire a meno che lo Stato turco non ci attacchi”.

Il co-presidente del Consiglio esecutivo della KCK Cemil Bayık ha rilasciato un messaggio dopo il terremoto che ha ucciso decine di migliaia di persone e causato un grande disastro umanitario.

Cemal Bayık confermando un cessate il fuoco unilaterale, ha dichiarato: “Chiediamo a tutte le nostre forze che svolgono azioni militari di fermare tutte le azioni militari in Turchia, nelle metropoli e nelle città. Inoltre abbiamo deciso di non agire a meno che lo Stato turco non ci attacchi. La nostra decisione sarà valida fino a quando il dolore della nostra gente non sarà alleviato e le loro ferite non saranno guarite”.

Cemal Bayık ha sottolineato che la posizione dello Stato turco sarà decisiva nell’attuazione di queste decisioni.

Il co-presidente del Consiglio esecutivo del KCK, Cemil Bayık ha dichiarato: “Il nostro onorevole popolo. Il terremoto ha causato un grande disastro. La nostra gente si trova in condizioni molto difficili nel Bakur Kurdistan, nel Rojava, in Turchia e in Siria. In particolare, i popoli stanno soffrendo molto di più a causa della politica portata avanti dallo Stato turco invasore e assassino.

Il popolo curdo, il popolo turco, il popolo arabo e altri popoli stanno soffrendo molto.

Le esperienze della società ci hanno influenzato molto. Auguro la misericordia di Dio a coloro che hanno perso la vita e una pronta guarigione ai feriti. Ancora una volta le mie condoglianze alle famiglie di coloro che hanno perso la vita e a tutta la nostra gente. Sentiamo e viviamo il vostro dolore.

Sfortunatamente i terremoti accadono ovunque, in tutto il mondo. Ma la cosa importante è che molti paesi stanno adottando precauzioni contro i terremoti. Pertanto subiscono meno danni e perdite. Ma quando guardiamo alla Turchia, tali disastri si verificano perché non vengono adottati provvedimenti.

Tutte le risorse dovrebbero essere utilizzate per salvare le persone

Migliaia di persone sono ancora sotto le macerie. La nostra gente deve essere tirata fuori da sotto le macerie. Perché è inverno, c’è la neve, c’è la pioggia, fa freddo. Se non vengono salvati dalle macerie il prima possibile potrebbero morire di freddo.

Pertanto tutti dovrebbero mobilitare tutte le proprie risorse. Tutti dovrebbero mobilitarsi per salvare la nostra gente. Tutti, soprattutto le istituzioni democratiche, dovrebbero mobilitarsi.

Il governo AKP-MHP non ha adottato provvedimenti

La coalizione AKP-MHP è al potere. L’AKP è al potere da 20 anni amministrando lo Stato. Come è noto, il Bakur Kurdistan e la Turchia sono su una faglia. Quindi è un paese a rischio terremoti. Bisognava prendere precauzioni per tutto questo. Ma l’AKP non ha intrapreso alcuna azione. Non serve al pubblico.

Come è noto da anni in Turchia si riscuotono tasse per i terremoti. Ma nessuno sa che fine abbiano fatto quelle tasse. Lo Stato turco ha utilizzato tutti i suoi mezzi per massacrare il popolo curdo in Kurdistan, ha speso milioni di dollari per questo. Hanno sviluppato una guerra speciale, rafforzato i loro alleati, rafforzato i mercenari, sviluppato e rafforzato alcune istituzioni speciali di guerra. Hanno speso tutte le risorse della Turchia in tutto questo. Ecco perché non hanno dato niente al popolo turco, specialmente al popolo curdo. Durante il loro dominio, hanno sviluppato furto, corruzione e saccheggio e hanno reso i ricchi ancora più ricchi.

Hanno reso ogni giorno le persone più povere. Di conseguenza c’è un enorme divario tra loro e le persone. Sappiamo che molte volte hanno cambiato le leggi per gli appaltatori, per i loro mercenari, hanno approvato leggi. Hanno cambiato le leggi sulle offerte in modo che coloro che erano al loro servizio diventassero ancora più ricchi. I terremoti si verificano in molte parti del mondo. Ad esempio, ci sono grandi terremoti in Giappone. Vediamo che in questi terremoti gli edifici non crollano molto, le morti non si verificano molto. Perché? Poiché lo affrontano seriamente, adottano le loro precauzioni. Pertanto non c’è molto dolore quando si verifica un terremoto. Se lo Stato turco avesse assunto precauzioni come il Giappone, le sofferenze di oggi non sarebbero avvenute. Migliaia di edifici non sarebbero stati distrutti, città e villaggi non sarebbero crollati. Migliaia di persone non avrebbero perso la vita; non ci sarebbero stati feriti.

La Turchia sta investendo nella guerra

L’AKP-MHP ha raccolto molti soldi durante il suo governo. In particolare ogni anno raccolgono soldi per il terremoto, ma si vede che quei soldi non ci sono. A quanto pare hanno speso tutto per la guerra. Hanno speso miliardi di dollari per la guerra. Se quei soldi li avessero spesi per la gente, se li avessero spesi in misure antisismiche, se li avessero spesi per la salute e l’istruzione della gente, queste sofferenze oggi non ci sarebbero state.

Tutto il popolo della Turchia vivrebbe in prosperità. Se oggi alcuni sono diventati molto ricchi e le persone sono diventate ancora più povere, questo è il risultato della politica dell’AKP-MHP contro il popolo curdo. Perché vogliono massacrare il popolo curdo, per questo investono nella guerra tutte le risorse della Turchia.

L’AKP-MHP gestisce la Turchia come un’azienda e tratta le persone come un capo crudele. Non prendono alcun bisogno delle persone come base per agire, non agiscono mai con tale scopo. Pertanto il nostro popolo, il popolo turco, il popolo arabo, tutti i popoli che vivono in Turchia dovrebbero ritenerli responsabili di questo. Dovrebbero entrambi chiedere conto e aumentare la loro collaborazione reciproca. L’AKP-MHP ha dichiarato lo stato di emergenza. Il motivo per cui hanno dichiarato lo Stato di emergenza era di coprire il terremoto. Il governo vuole sopprimere il dolore e le grida della gente in modo che questi dolori e queste urla non raggiungano nessuno. Ha anche mobilitato la stampa in modo che nessuno potesse sentire cosa stava succedendo. Stanno sviluppando propaganda per ingannare i popoli e il mondo. Nascondono molte cose. Fanno sembrare che stiano aiutando le persone ovunque, ma queste sono bugie. I media indipendenti hanno rivelato tutte le loro bugie. Vogliono impedire gli aiuti inviati dalla gente nelle zone terremotate, vogliono impedire la cooperazione tra i popoli. Fanno sembrare che stiano aiutando le persone ovunque, ma queste sono bugie. I media indipendenti hanno rivelato tutte le loro bugie. Vogliono impedire gli aiuti inviati dalla gente nelle zone terremotate, vogliono impedire la cooperazione tra i popoli. Per mantenere il loro potere vogliono mettere al loro servizio gli aiuti inviati dai popoli e dal mondo. Pertanto il popolo curdo e i popoli della Turchia dovrebbero continuare a cooperare in ogni modo. Non dovrebbero lasciare che il governo si intrometta. A causa di questo disastro e della sofferenza vissuta dalla nostra gente, noi, l’esecutivo del movimento, abbiamo voluto valutare il processo e gli ultimi sviluppi e ottenere alcuni risultati su questa base.Perché rispettiamo i popoli e la vita umana. Ecco perché non vogliamo infliggere dolore su dolore. Abbiamo valutato la situazione umanamente, coscienziosamente e moralmente. Chiediamo a tutte le nostre forze impegnate in azioni militari di fermare le azioni militari in Turchia, nelle metropoli e nelle città. Ancora una volta, abbiamo deciso di non agire a meno che lo Stato turco non venga contro di noi e ci attacchi. La nostra decisione sarà valida fino a quando il dolore della nostra gente non sarà alleviato e le loro ferite non saranno guarite. Naturalmente anche l’atteggiamento dello Stato turco sarà decisivo nella nostra decisione”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...