Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Iniziative

Mihtat Sancar HDP: Şebnem Korur Fincancı è stata arrestata su ordine di Erdogan

Ci sono proteste in Turchia contro la detenzione di Şebnem Korur Fincancı. La scienziata forense, nata a Istanbul nel 1959, è presidente dell’Associazione medica turca (TTB) e membro del consiglio della Fondazione per i diritti umani in Turchia (TIHV).

Nel 2018 le è stato conferito il Premio per la pace dell’Assia. Sabato scorso ha parlato della situazione dei diritti umani in Turchia alla Conferenza delle persone interessate a Colonia. Allo stesso tempo, era in corso in Turchia una campagna diffamatoria contro la dottoressa perché si era pubblicamente espressa a favore di un’indagine sull’uso di armi chimiche da parte dell’esercito turco in Kurdistan.

Şebnem Korur Fincancı domenica è comunque tornata in Turchia. In precedenza aveva informato l’ufficio del procuratore capo di Ankara tramite il suo avvocato che era disposta a testimoniare nel procedimento penale avviato contro di lei per “insulto alla nazione turca”. Invece di essere convocata, Şebnem questa mattina è stata posta agli arresti nella sua casa di Istanbul.

TTB, il TIHV, le federazioni sindacali DISK e KESK e l’Associazione per i diritti umani (IHD) chiedono l’immediato rilascio di Şebnem . Manifestazioni di protesta si sono svolte in diverse città della Turchia, tra cui Istanbul e Amed (tr. Diyarbakir). Il co-presidente del Partito democratico dei popoli, Mithat Sancar, ha visitato la sede della TTB ad Ankara insieme ad altri parlamentari per esprimere solidarietà. Il segretario generale del TTB Vedat Bulut ha espresso la sua gratitudine per la visita e ha affermato: “Il sostegno di tutti coloro che contribuiscono al concetto di indipendenza, democrazia e libertà in Turchia e condividono questa lotta è importante per noi”.

Su ordine di Erdogan

Mithat Sancar ha sottolineato che Şebnem Fincancı è stata arrestata a causa di un ordine del presidente turco Recep Tayyip Erdogan alla magistratura: “Non era inaspettato, c’è stata una campagna di linciaggio contro di lei. Il Presidente della Repubblica si è espresso direttamente contro di lei. È andato anche oltre, ha istruito la magistratura e ha mobilitato la pubblica accusa. Şebnem era all’estero. Aveva annunciato che sarebbe tornata e giovedì avrebbe parlato al procuratore delle accuse. Ne è stata informata la Procura della Repubblica. Tuttavia oggi è stata detenuta. Dopo il suo arresto questa campagna di linciaggio è continuata con metodi di calunnia e propaganda nera. Le ragioni della detenzione della professoressa Fincancı e del suo linciaggio sono ovvie. Il TTB è un’organizzazione impegnata nei valori della medicina e nei principi dei diritti umani e sta combattendo una battaglia efficace in questo campo”.

Posizione senza compromessi contro la guerra

Şebnem Korur Fincancı è un’attivista e medico per i diritti umani che continua questa tradizione di lunga data della TTB senza compromessi,Mihtat Sancar ha proseguito: “È nostra amica e collega e aderisce rigorosamente ai principi etici della sua associazione. A causa dei suoi commenti sulle accuse di armi chimiche, che sono attualmente all’ordine del giorno, è stata presa di mira e detenuta nell’ambito della sua competenza professionale. La TTB ha seguito una linea che ha sempre rifiutato la guerra e la politica della guerra. Ha richiamato l’attenzione sui danni sociali e politici della guerra e ha condotto una campagna per la pace. Da una prospettiva universale questo è uno degli obiettivi principali di tutte le organizzazioni mediche. Se si considerano le organizzazioni ombrello e le organizzazioni nazionali dei medici di tutto il mondo, la difesa dei diritti umani e l’opposizione alla guerra si cristallizzano come i principi e gli obiettivi più importanti”. Da una prospettiva universale questo è uno degli obiettivi principali di tutte le organizzazioni mediche. Se si considerano le organizzazioni internazionali e le organizzazioni nazionali dei medici di tutto il mondo, la difesa dei diritti umani e l’opposizione alla guerra si cristallizzano come i principi e gli obiettivi più importanti”.

Şebnem è stata a lungo sotto costante attacco e minacciata a causa della sua ferma posizione contro la politica di guerra del governo,Mihtat Sancar ha continuato: “Se guardiamo tutti obiettivamente, possiamo vedere quanto sia profondo il danno che la politica di guerra ha causato in questo paese . Se guardiamo a tutti i criteri universali nel mondo, giungiamo alla stessa conclusione che le politiche di guerra sono anche un problema di salute pubblica. Ma poiché questo governo lega la sua esistenza alla politica di guerra, vuole intimidire e mettere a tacere con ogni mezzo l’opposizione che emerge in quest’ambito. Poiché mentre l’opposizione cresce nella politica di guerra, le fondamenta su cui poggia l’esistenza di questo governo si indeboliscono e crollano. Con esso le possibilità di sopravvivenza del governo scompaiono. Per questo la maggiore sensibilità di questo blocco dirigente è la crescita dell’opposizione alla guerra e il diffondersi della lotta contro la guerra. Con il diffondersi dell’opposizione alla politica di guerra, le strategie elettorali e le minacce di questo governo vanno nel vuoto. La TTB viena presa di mira e Şebnem Korur Fincancı viene criminalizzata proprio per questo motivo, perché riprende e continua questa tradizione nel modo più chiaro”. Mihtat ha sottolineato che la detenzione di ieri di undici giornalisti deve essere valutata nello stesso quadro e che la legge sulla censura approvata fa parte dello stesso piano: “L’intimidazione degli ambiti di opposizione, dei difensori dei diritti umani e della democrazia e della società sarà la principale politica di questo governo in vista delle elezioni. Abbiamo la responsabilità di organizzare la lotta più forte e più ampia contro queste politiche. In altre parole, abbiamo la responsabilità di continuare la lotta comune per i diritti umani, la democrazia e la pace in tutti i settori”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...