Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Undici giornalisti arrestati in sette città

L’operazione contro i giornalisti dell’agenzia stampa Mesopotamia e dell’agenzia di stampa femminile JinNews si fa più seria, con undici giornalisti che sarebbero stati arrestati. Undici giornalisti sono stati arrestati in operazioni simultanee ad Ankara, Istanbul, Van, Amed (Diyarbakır), Urfa, Mersin e Mardin. Gli arrestati sono il caporedattore dell’agenzia stampa Mesopotamia (MA), Diren Yurtsever, i corrispondenti di MA Deniz Nazlım, Selman Güzelyüz, Zemo Ağgöz, Berivan Altan, Hakan Yalçın, Emrullah Acar e Ceylan Şahinli, e le corrispondenti di JinNews Habibe Eren e Öznur Değer.

Ordine segreto

Sul fascicolo dell’indagine è stato imposto un ordine di segretezza. Non è chiaro di cosa siano accusati i giornalisti. L’indagine è condotta dalla Procura della Repubblica di Ankara. Tutti i detenuti nell’operazione odierna devono essere portati ad Ankara. Inoltre, la giornalista di JinNews Derya Ren è stata arrestata nella sua casa di Amed come parte di un altro caso.

Assalti e minacce

Gli arresti sono stati accompagnati da aggressioni e minacce. Le foto dei giornalisti assassinati negli anni ’90 sono state confiscate dalla redazione dell’agenzia di stampa Mesopotamya ad Ankara. La foto della giornalista curdo e ricercatrice di Jineolojî Nagihan Akarsel, assassinata il 4 ottobre dai servizi segreti turchi del Mit a Sulaymaniyah, è stata addirittura strappata dalla polizia.

Unità speciali di polizia hanno sfondato le porte delle case dei giornalisti con arieti e puntato fucili d’assalto contro di loro. La giornalista Berivan Altan e i suoi colleghi che erano stati detenuti con lei avevano le mani legate dietro la schiena e hanno dovuto aspettare a lungo sdraiati a pancia in giù.

È stato riferito che gli agenti di polizia si sono seduti sui giornalisti, li hanno spinti a terra, li hanno insultati e chiamati con il loro nome. Un agente di polizia ha minacciato Berivan Altan, dicendo: “So cosa ti farò, vedrai quando ce ne andremo”. Altri sono stati insultati e gli è stato chiesto se fossero turchi sotto la minaccia delle armi.

La stampa libera non si farà scoraggiare da questi attacchi

Le associazioni dei giornalisti protestano contro l’attacco alla libertà di stampa. L’Associazione dei giornalisti Dicle Fırat (DFG) ha dichiarato: “I giornalisti detenuti di MA e JinNews sono membri della nostra associazione. Sono stati detenuti durante un raid nelle loro case in mattinata. Anche l’ufficio di MA ad Ankara è stato perquisito come parte di questa operazione. Condanniamo questa operazione volta a mettere a tacere i giornalisti. La stampa libera non si farà scoraggiare da questi attacchi”.

Il sindacato stampa Basın-Iş, che è organizzato nella federazione sindacale della DISK ha dichiarato: “Il giornalismo non è un crimine rilasciate subito i nostri colleghi!”

La piattaforma delle donne giornaliste della Mesopotamia (MKGP) ha dichiarato: “La politica di intimidazione contro la stampa è un tentativo di reprimere le giornaliste. Lo abbiamo detto ieri e lo diciamo oggi: non si può mettere a tacere il giornalismo. Questa politica di repressione e intimidazione non raggiungerà il suo obiettivo. Non smetteremo di scrivere la verità. Togliete le mani dai giornalisti. La magistratura e gli arresti non faranno fare alle giornaliste nemmeno un passo indietro”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...