Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Mithat Sancar: Il governo cerca di mettere a tacere la società attaccando i giornalisti curdi

Il co-presidente di HDP Mithat Sancar ha affermato che la detenzione di massa di giornalisti curdi fa parte di un piano per mettere a tacere la stampa e la società dell’opposizione.

Mithat Sancar ha valutato gli attuali sviluppi durante la riunione del gruppo parlamentare del suo partito.

Mihtat ha anche affrontato la detenzione di undici giornalisti in un’operazione su larga scala ad Ankara, Istanbul, Van, Amed (Diyarbakır), Urfa, Mersin e Mardin. I detenuti sono il caporedattore della dell’agenzia stampa Mesopotamia (MA), Diren Yurtsever, i corrispondenti di MA Deniz Nazlım, Selman Güzelyüz, Zemo Ağgöz, Berivan Altan, Hakan Yalçın, Emrullah Acar e Ceylan Şahinli, e le corrispondenti di JinNews Habibe Eren e Öznur Değer.

“Questa mattina abbiamo assistito a una nuova ondata di arresti. L’obiettivo sono i giornalisti. Le abitazioni dei dipendenti dell’agenzia stampa Mesopotamia e dell’agenzia femminile JINNEWS sono stati perquisiti gli operatori della stampa libera, inclusi editori e reporter, sono stati detenuti ad Ankara, Istanbul, Van, Diyarbakir, Urfa e Mardin.

Durante i raid i poliziotti hanno puntato le pistole contro i giornalisti, li hanno ammanettati a terra dietro la schiena. L’operazione non è stata una sorpresa subito dopo l’introduzione della legge sulla censura. Fa parte di un piano per mettere a tacere la stampa e la società dell’opposizione. È un attacco al diritto all’informazione dell’opinione pubblica”, ha affermato.

“Abbiamo già affermato in precedenza che il governo continuerà con queste operazioni per mettere a tacere la società e intimidire l’opposizione con l’avvicinarsi delle elezioni. Ma abbiamo anche affermato che non sarebbero riusciti a eliminare la lotta per la verità. Questo governo è pro-colpo di stato, mette in scena colpi di stato contro la politica, la stampa, i lavoratori e coloro che cercano i loro diritti fondamentali. Può esistere una mentalità golpista più completa di questa? Tuttavia, nessuna mentalità e amministrazione golpista ha mai avuto successo. I colpi di stato hanno solo costretto le persone a pagare prezzi enormi e causato distruzione nel paese.

L’attuale governo dovrà affrontare un destino simile. È nostro dovere impedire che il governo causi danni a questo Paese. Abbiamo cercato di salvare il futuro dall’oscurità e di illuminarlo espandendo la lotta comune contro questo governo golpista. Stiamo intraprendendo questa strada insieme. Il numero di coloro che camminano insieme aumenterà e, con l’aumentare del numero, il successo arriverà sicuramente. Siate certi di questo”, ha concluso Mihtat Sancar.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...