Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Selahattin Demirtaş sul presunto uso di armi chimiche da parte della Turchia

In un messaggio inviato mercoledì dal carere, Selahattin Demirtaş, l’ex co-presidente del Partito democratico dei popoli (HDP), ha affrontato le accuse secondo le quali la Turchia avrebbe usato armi chimiche nel Kurdistan iracheno.

Selahattin Demirtaş ha invitato le autorità internazionali indipendenti a condurre un’indagine nella regione poiché il principale deputato dell’opposizione Sezgin Tanrıkulu (CHP) ha annunciato che avrebbe presentato un’interrogazione parlamentare sull’argomento.

Selahattin Demirtaş, ha invitato il parlamento e l’opposizione turca a non rimanere in silenzio sul presunto uso di armi chimiche da parte della Turchia contro i guerriglieri del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) nella regione del Kurdistan in Iraq. ” Farla passare sotto silenzio significa confermare il crimine”, lo ha affermato mercoledì tramite il suo account Twitter.

Sezgin Tanrıkulu, il principale membro del Comitato d’inchiesta sui diritti umani della Grande Assemblea nazionale turca (TBMM) e deputato del Partito repubblicano del popolo (CHP) ha annunciato che giovedì presenterà un’interrogazione parlamentare sull’accuratezza delle immagini che supportano le accuse.

Selahattin Demirtaş ha osservato che i suoi avvocati lo hanno informato del filmato pubblicato martedì dalle Forze di difesa del popolo (HPG), che mostra un gruppo di soldati turchi con un dispositivo presumibilmente per lanciare un ordigno chimico esplosivo. Il filmato mostra anche i guerriglieri vittime dei presunti attacchi chimici.

Dopo il rilascio del video, le HPG ha annunciato che 17 guerriglieri sono stati uccisi negli attacchi con armi chimiche dalla Turchia.

Lo stesso avvocato e difensore dei diritti umani, Demirtaş, ha suggerito che l’uso di armi chimiche è un crimine internazionale contro l’umanità. Ha dichiarato che una delegazione internazionale indipendente dovrebbe recarsi nella regione e indagare.

Affermando che il governo al potere AKP-MHP non ha limiti nella sua politica di guerra, l’eminente politico curdo imprigionato ha affermato: “Coloro che commettono un tale crimine saranno ritenuti responsabili davanti a un magistratura indipendente”.

la professoressa Şebnem Korur Fincancı, presidente dell’Associazione medica turca (TTB) e specialista in medicina legale, ha dichiarato in una trasmissione Medya Haber che dopo aver esaminato il filmato ha concluso che è stato utilizzato una sorta di gas chimico tossico che colpisce direttamente il sistema nervoso.

Il portavoce presidenziale İbrahim Kalın ha negato le accuse secondo cui le forze armate turche (TSK) avrebbero usato sostanze chimiche.

Demirtaş è imprigionato nella prigione di Edirne in Turchia dal 2016.

 

 

 

 

 

 

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...