Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

HDP: le accuse di “guerra chimica” nel Kurdistan iracheno dovrebbero essere indagate

“Sottolineiamo ancora una volta che l’uso di armi chimiche è una violazione delle Convenzioni di Ginevra, che costituisce un crimine di guerra ed è un crimine contro l’umanità”, ha affermato il partito. Il Partito democratico dei popoli (HDP) ha invitato le istituzioni internazionali e il governo regionale del Kurdistan a indagare sulle accuse riguardanti l’uso di armi chimiche da parte della Turchia in Kurdistan.

“Ci sono gravi segnalazioni e accuse secondo cui la Turchia ha utilizzato agenti chimici nelle sue operazioni militari nei territori del governo regionale del Kurdistan in Iraq dal 2021, il che secondo il diritto internazionale costituisce un crimine di guerra”, lo ha affermato il Consiglio esecutivo del partito in una nota dichiarazione scritta (18 ottobre).

Alcune immagini recentemente pubblicate da alcuni media supportano tali accuse”, si legge nella dichiarazione, aggiungendo: “Sottolineiamo ancora una volta che l’uso di armi chimiche è una violazione delle Convenzioni di Ginevra e che costituisce un crimine di guerra ed è un crimine contro l’umanità. .

“Esortiamo la comunità democratica ad alzare la voce di fronte a tali sviluppi. Il governo dell’AKP-MHP insiste sulle sue politiche basate su mezzi militari e conflitti che causano ogni volta più crisi.

“Chiediamo alle istituzioni internazionali, in particolare all’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) e alle Nazioni Unite, di condurre un’indagine efficiente su questo tema. Sottolineiamo inoltre che il governo regionale del Kurdistan dovrebbe indagare su queste accuse sull’uso di sostanze chimiche armi e agenti nei loro territori.

“Vogliamo ricordare ancora una volta a tutte le parti che in passato non è stato possibile risolvere la questione curda con mezzi militari, e non sarà possibile risolverla con tali mezzi neanche in futuro. L’unica strada giusta per il popoli nel nostro Paese e nella nostra regione è dialogo e negoziato su basi democratiche”. (AEK/PE)

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...