Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Co-sindaca deposta di Yenişehir condannata a sei anni e tre mesi di carcere

I sindaci di HDP democraticamente eletti e illegalmente deposti continuano ad essere perseguiti dalla magistratura turca, che si è trasformata in uno strumento del governo che conduce una guerra totale contro il popolo curdo.

Alle elezioni amministrative del 31 marzo 2019, la politica curda Belgin Diken è stata eletto co-sindaco del distretto Yenişehir di Amed (Diyarbakır) per HDP (Partito democratico dei popoli).

La sentenza definitiva del processo contro il politico curdo è stata annunciata durante un’udienza di martedì (oggi ndr), alla quale hanno partecipato la stessa Belgin Diken e il suo avvocato, Feride Laçin.

Mentre il pubblico ministero ribadiva la sua opinione chiedendo una pena detentiva, l’avvocato Feride Laçin ha presentato una difesa scritta al tribunale, in cui ha definito gli atti e le attività politiche della sua assistita come rientranti nell’ambito della libertà di pensiero e di espressione.

Il tribunale ha condannato Belgin Diken a sei anni e tre mesi di reclusione e si è pronunciata per la prosecuzione della misura giudiziaria a lei inflitta.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...