Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Alleanza del lavoro e della libertà: la lotta comune sarà un passo verso la democratizzazione

İSTANBUL – Nella dichiarazione dell’Alleanza del lavoro e della Libertà, che dimostra la sua capacità di risolvere i problemi fondamentali della Turchia, in particolare la questione curda, si è posto l’accento su “La lotta comune sarà una marcia che porterà a passi verso la democratizzazione” .

L’alleanza ha annunciato all’opinione pubblica la dichiarazione che ha definito la “Road map” con l’evento tenuto presso il Centro Congressi di Haliç. Melis Akyürek del Partito dei Lavoratori della Turchia (TIP) e Levent Gökçek del Partito Laburista (EMEP) hanno letto la dichiarazione.

Terreno comune di lotta

La dichiarazione dell’Alleanza del lavoro e della libertà, che comprende il Partito democratico dei popoli, il Partito dei lavoratori di Turchia (TIP), il Partito Laburista (EMEP), il Partito del movimento laburista (EHP), la Federazione delle Assemblee Sociali (SMF) e il il Partito della libertà sociale (TOP), è la seguente: “L’alleanza a cui puntiamo per realizzare compiti economici e politici urgenti in questo straordinario processo che stiamo attraversando, è l’alleanza di tutte le masse sfruttate e oppresse del popolo. È la solidarietà e l’alleanza dei lavoratori, dei poveri, delle donne, dei giovani, della natura e dei difensori dei diritti umani. È un terreno di lotta comune, forte e determinato.

Una marcia sulla via della democratizzazione

È compito urgente del prossimo periodo fermare la distruzione creata dall’Alleanza popolare in molti settori, dall’economia alla politica, porre fine al governo uni personale, migliorare le condizioni di lavoro e di vita delle persone e garantire che un cambiamento e la trasformazione avvengano sulla base dei diritti e delle libertà democratiche. Affinché tutto questo cambiamento e questa trasformazione possano essere vissuti, è di grande importanza che le forze favorevoli al lavoro, alla pace e alla democrazia rafforzino e mantengano risolutamente la lotta comune e unita. Questa unità e questa lotta devono essere anche una forza decisiva ed efficace della nuova era. Questa è l’aspettativa e la richiesta della gente. La lotta comune da intraprendere, l’atteggiamento forte e determinato da assumere, il raggiungimento delle urgenti esigenze economiche del popolo e una marcia che consenta di compiere passi verso la democratizzazione. Le elezioni, una delle mete frequenti di questa marcia, hanno un significato critico per la Turchia. È una responsabilità indispensabile motivare il popolo a vincere le elezioni e ad adottare tutte le misure per la sicurezza elettorale sostenendo la lotta per il lavoro e la democrazia senza mettere solo nelle urne le speranze del popolo per il futuro, ma senza ignorare l’importanza dell’urna elettorale. In questo straordinario processo che stiamo attraversando, l’alleanza che a cui puntiamo per la realizzazione di urgenti compiti economici e politici è l’alleanza di tutte le masse sfruttate e oppresse del popolo. È la solidarietà e l’alleanza di lavoratori, operai, poveri, donne, giovani, difensori della natura e dei diritti umani. È un terreno di lotta comune, forte e determinato.

Le persone economiche possono vivere una vita decente

I programmi e le iniziative di questo governo si basano su una comprensione e pratiche politiche che danno la priorità agli interessi dell’imperialismo, della classe capitalista e delle proprie società e partecipazioni affiliate. Questo sistema di gare sleali e illegali, che fa crescere anche i suoi sostenitori, richiede un riesame legale. La privazione economica e sociale creata dalle politiche di sfruttamento e oppressione dei lavoratori e degli operai, dei contadini poveri, dei contadini e degli artigiani e delle fasce di popolazione oppresse è diventata la preoccupazione principale della società. L’adozione di misure concrete per risolvere problemi quali il costo della vita, i bassi salari, la disoccupazione, la povertà, la sussistenza e l’alloggio e il miglioramento delle condizioni di lavoro e di vita dei lavoratori, degli operai e delle masse oppresse è oggi il primo problema per tutti. Sulla base di questo fatto,

In tale contesto;

*La più grande necessità sociale è fermare l’aumento dei prezzi, aumentare i salari a un livello che possa essere al di sopra della soglia di fame e di povertà, vietare i licenziamenti, aumentare l’occupazione, abolire le tasse sui beni di consumo di base, riscuotere più tasse da coloro che guadagnano di più e perseguire un programma economico che eliminerà la povertà. .

*Risorse di bilancio: I primi passi sono quelli di mobilitare le persone per la sicurezza economica e il sostegno diretto al reddito, non per i palazzi, le guerre, i loro sostenitori e il pagamento dei debiti esteri.

*Fornire gratuitamente i bisogni primari come elettricità, gas naturale, acqua e internet a tutti coloro il cui reddito mensile è al di sotto della soglia di povertà, nell’ambito di un “programma per i diritti sociali”; È urgente cancellare completamente i debiti KYK, risolvere i problemi di coloro che non possono andare in pensione per età (EYT), degli insegnanti e di tutti i gruppi professionali che non sono nominati nel settore pubblico.

* Migliorare le condizioni di vita dei pensionati, cancellare i debiti dei contadini poveri, sostenere i commercianti le cui lamentele sono cresciute enormemente sono tra le prime cose da fare.

* Sono essenziali politiche che mettano fine alla povertà delle donne e garantiscano che siano uguali ed efficaci in tutti i settori della vita economica.

* L’uso del lavoro minorile di età inferiore ai 18 anni come lavoro retribuito dovrebbe essere vietato.

*L’”Accordo di riammissione” dovrebbe essere annullato. Per i rifugiati che vogliono tornare nella regione dovrebbe essere fornito un ambiente di pace sicuro, ai rifugiati che vogliono vivere insieme dovrebbe essere riconosciuto lo status di rifugiato e dovrebbero essere costruite le condizioni per vivere insieme.

Democrazia basata sulle persone

L’Amministrazione di un uomo solo, costituita sotto il nome di Sistema di governo presidenziale, ha reso inutilizzabili i diritti e le libertà democratiche, istituzionalizzato l’arbitrarietà, la tirannia, l’illegalità e l’ingiustizia, ha approfondito lo sfruttamento, l’oppressione e la situazione di stallo vissuta da questo paese e dai suoi popoli, e ha reso le pratiche fasciste parte della politica quotidiana. Pertanto, è uno dei nostri obiettivi primari quello di cambiare tutte le istituzioni, i meccanismi e le relazioni di dipendenza che sostengono e alimentano il sistema di un uomo solo. È urgente eliminare la soglia elettorale, garantire il più ampio uso dei diritti democratici e delle libertà politiche e istituire un sistema giudiziario democratico, imparziale e indipendente. Il nostro obiettivo è garantire la costruzione di una democrazia basata sulla reale sovranità del popolo su basi democratiche,

In tale contesto;

*Per l’amministrazione decentrata e democratica locale, la formazione di forti meccanismi di partecipazione del popolo, a seconda del trasferimento di autorità e risorse dal centro alle amministrazioni locali in alcune aree, il trasferimento dell’amministrazione agli eletti dal popolo e alle assemblee popolari locali, la fine del regime fiduciario,

* Garantire il diritto illimitato di tutti i lavoratori e lavoratori a sindacalizzarsi, tutti i tipi di scioperi (diritti, solidarietà, politici e generali) e contrattazione collettiva, 7 ore di lavoro quotidiano e divieto di serrata,

* Stabilire un secolarismo che includa democrazia, esigenze di uguaglianza di cittadinanza e libertà di pensiero, credo e coscienza per tutti i credenti e non credenti, assicurando l’uguaglianza del diritto di cittadinanza degli aleviti,

* Adottando come principio fondamentale il diritto alla cittadinanza paritaria basato sul rispetto delle diverse culture, identità, credenze e stili di vita,

* L’eliminazione dell’usurpazione dei diritti creata dai decreti statutari, la fine di ogni forma di discriminazione nel lavoro e negli incarichi nel settore pubblico sono misure urgenti da intraprendere per un ordine democratico basato sulla sovranità popolare.

* Sono urgentemente necessarie politiche di cooperazione a lungo termine tra i popoli a favore della pace nel paese, nella regione e nel mondo. Per questo dovrebbero essere presi come base i bisogni dei popoli, non gli interessi delle potenze imperialiste e dei loro collaboratori. Abbandonare le politiche espansionistiche basate sulla guerra e sul conflitto, il potere militare mostrato agli altri paesi, in particolare i nostri vicini; La realizzazione di una politica estera di principio e pacifica basata sulla parità di diritti è essenziale per una reale sovranità popolare.

Soluzione democratica della questione curda

Uno dei problemi fondamentali che la Turchia deve risolvere è la questione curda. Per una soluzione democratica e per la pace, dovrebbe esserci una politica costruttiva che tenga conto degli approcci e delle preoccupazioni di tutti i segmenti sociali del paese. Per la soluzione del problema curdo, che è direttamente correlato e intrecciato con la democratizzazione, è necessario adottare misure per una soluzione democratica e pacifica invece di una politica di negazione e repressione. È ovvio che, al posto delle politiche di guerra, delle armi e dei metodi di conflitto, il dialogo e le opzioni negoziali si sono storicamente imposti e sono attuali. Stabilire e rafforzare il terreno per il dialogo e la risoluzione; aprire la strada per conquistare il futuro dell’intera società attraverso metodi di negoziazione democratica; In tale contesto,

Giustizia, uguaglianza e libertà delle donne

* Devono essere fornite tutte le garanzie affinché le donne siano uguali e libere in tutti gli ambiti della vita sociale. È essenziale una lotta globale contro la violenza sistematica maschile contro le donne e il femminicidio, derivante dalla mentalità e dalle pratiche dominate dagli uomini.

*Il ripristino e l’attuazione della Convenzione di Istanbul e la rimozione di tutte le barriere politiche, amministrative, economiche e culturali all’uguaglianza di genere per le donne e le persone LGBTI+ sono i primi passi urgenti.

Uguaglianza e libertà per i giovani e i disabili

* Tutti gli ostacoli in campo economico, sociale e politico, soprattutto educativo e culturale, dovrebbero essere rimossi affinché i giovani possano esprimersi liberamente e vivere liberamente con un approccio rispettoso delle loro scelte di vita.

Tutela della natura e dei beni culturali

*Il capitalismo taglia l’albero se non può vendere la sua ombra. Il governo, che assicura l’approfondimento delle politiche neoliberiste nel Paese offre al capitale tutte le risorse naturali. Dichiarando l’emergenza contro la crisi climatica, tutti i progetti che causano una folle distruzione della natura e dell’ambiente per motivi di profitto e rendita, distruggono foreste, aree agricole, fiumi e sconvolgono l’equilibrio ecologico e sono al centro di crimini contro la natura, dovrebbero essere fermati.

*Un approccio incentrato sulla protezione della natura in tutte le politiche, in particolare nei settori dell’energia, dei trasporti, dell’urbanizzazione e dell’agricoltura, è sia urgente che obbligatorio. Il diritto di ogni essere vivente a vivere in un ecosistema sano dovrebbe essere tutelato da leggi efficaci.

* Va fermato il saccheggio di beni storici e culturali.

Appello alla lotta unità

È per tutte le istituzioni, organizzazioni e partiti, singoli cittadini, che pensano al futuro luminoso e democratico della Turchia. Assumiamoci la responsabilità insieme. Ricostruiamo il Paese trasformato in incendio nel II secolo della Repubblica, in modo libero e democratico, con la comprensione delle rivendicazioni comuni e la lotta insieme. I popoli della Turchia non sono condannati alla discriminazione, all’incitamento all’odio, alla polarizzazione e a una politica sovrana bloccata tra l’Alleanza popolare e l’Alleanza nazionale. Possiamo stabilire un ordine sociale dominato dal popolo sulla base dei valori del lavoro, della pace, della libertà e della democrazia. Raggiungere tutto questo è possibile con il potere trasformativo delle masse popolari oppresse e sfruttate. Invitiamo tutti a una lotta comune e unita in linea con questa comprensione e questa chiamata! Insieme ce la faremo”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...