Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Ebru Günay: l’unico obiettivo della Turchia in Siria è combattere i curdi e lasciarli senza status

“Se la Turchia è interessata a una soluzione e alla pace in Siria, tutto ciò che deve fare è ritirarsi dal territorio siriano e abbandonare il suo sostegno alle fazioni ad esso associate”, ha affermato Ebru Günay di HDP.

Ebru Günay portavoce del Partito democratico dei popoli (HDP) è intervenuta in una conferenza stampa ad Amed (Diyarbakir) sui continui attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e sulla speculazione su un riavvicinamento tra il presidente turco Tayyip Erdogan e il suo omologo siriano, Bashar al -Assad.

I punti salienti delle osservazioni di Günay sono i seguenti:

“Gli attacchi del governo turco alla Siria nord-orientale continuano e stiamo seguendo da vicino gli sviluppi in Siria. Per la prima volta dal 2011, il governo, che ha continuamente sostenuto e persino alimentato la guerra in Siria, parla di colloqui e dialoghi con Assad.

Come partito, siamo ovviamente favorevoli alla soluzione di tutti i problemi attraverso il dialogo e la negoziazione. Tuttavia, siamo anche consapevoli che l’obiettivo del governo non è proprio la negoziazione e il dialogo.

Oltre a giustificare questa proposta di dialogo, la reintroduzione di Assad come interlocutore in questa fase significa che il palazzo e le sue bande hanno perso la guerra in Siria. In altre parole il finale del film horror/avventura girato dal palazzo, “Il rovesciamento di Assad”, è ora diventato una commedia assurda.

Nel percorso iniziato con la promessa di pregare nella moschea omayyade di Damasco, il governo, che cerca di rafforzarsi con operazioni militari, soprattutto prima di ogni elezione, e che ha alle spalle l’opposizione immanente al sistema, ha portato milioni di profughi in Turchia. Questa è la situazione che la Turchia deve affrontare oggi.

Milioni di persone hanno pagato, e stanno ancora pagando, un prezzo altissimo per questo avventurismo e per i tentativi di conferire al regime della Ihvan [Fratellanza Musulmana] la supremazia in Siria. Tuttavia il regime del palazzo sembra non aver imparato nulla da questa devastazione, che ha colpito gran parte del Medio Oriente. Insiste su una politica intrattabile, perché un dialogo con Assad avverrà solo a spese dei curdi. Il regime del palazzo è alla ricerca di modi per portare a termine l’operazione di liquidazione dei curdi, cosa che ha prima tentato senza successo attraverso l’ISIS e poi invadendo il territorio siriano, questa volta collaborando con il regime di Assad sotto il nome di dialogo e negoziati o tramite consegnandoli ad Assad.

La politica della contrattazione e del ricatto

La Turchia non ha prospettive per una soluzione in Siria. Il suo unico obiettivo è combattere i curdi e lasciarli senza status. La cosa più importante che proporrà come condizione per il suo ritiro da tutti i territori che occupa e dove ha truppe leali di stanza è la privazione dei diritti dei curdi. Questa non è una politica di soluzione, ma una politica di contrattazione e ricatto. Innanzitutto dal punto di vista del regime siriano, la Turchia è un Paese che ha forze di occupazione in molte parti della Siria. Per il regime tutti i gruppi armati sostenuti dalla Turchia sono terroristi. Nonostante ciò, il Ministro degli Esteri Mevlüt Çavuşoğlu parla di riconciliazione tra il governo di Damasco e questi gruppi, che considera opposizione, ma che hanno commesso numerosi crimini contro l’umanità nelle aree che controllano. Lo fa senza spiegare se si ritireranno o meno dalle regioni in cui si trovano, e senza dare una valutazione sulla questione. La priorità della Turchia è sviluppare le relazioni con il regime di Assad per lasciare i curdi senza status.

La priorità della Turchia è sviluppare le relazioni con il regime di Assad per lasciare i curdi senza status. Ma ciò porterebbe a problemi. Sta cercando di sondare il terreno.

Un altro obiettivo è creare una zona cuscinetto in accordo con il regime siriano e insediarvi i profughi. Per quanto la Turchia parli di pace, la sua politica principale è destabilizzare la Siria e il Rojava e preparare il terreno per l’invasione e nuovi attacchi. Tutte le sue azioni e i suoi piani sono orientati a questo.

La Turchia deve ritrarsi dalla Siria

La politica migliore è lasciare la soluzione in Siria al popolo siriano. Se la Turchia prendesse una posizione del genere, sarebbe una soluzione. La contrattazione, il ricatto e una politica anticurda non sono orientati alla soluzione. Se la Turchia è interessata a una soluzione e alla pace in Siria, tutto ciò che deve fare è ritirarsi dal territorio siriano e abbandonare il suo sostegno alle fazioni ad esso associate. Il proseguimento del dialogo e dei negoziati da parte di un governo che è responsabile di effettuare quotidianamente attacchi mortali con droni e massacri di civili, saccheggi e modifica della struttura demografica può portare all’esacerbazione di questi crimini

È possibile una soluzione politica

In qualità di HDP abbiamo sostenuto e continueremo a sostenere negoziati diretti per una soluzione politica duratura in Siria senza interferenze da parte di potenze straniere.È possibile trovare una soluzione per tutti coloro che sono fuggiti dalla Siria, ad eccezione di coloro che hanno commesso crimini di guerra.

Dovrebbero poter tornare al loro paese d’origine in sicurezza. I criminali di guerra dovrebbero essere processati immediatamente nei loro paesi di origine e le loro organizzazioni dovrebbero essere sciolte per aprire la strada al disarmo regionale. Così come noi come HDP affrontiamo la questione curda in Turchia sulla base di una soluzione politica, siamo favorevoli a una soluzione politica e duratura in Siria attraverso i negoziati. Continueremo a difendere questa posizione di principio in ogni momento e in ogni luogo”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...