Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Negato il rilascio dal carcere per aver stretto la mano alle famiglie dei prigionieri

All’ex co-sindaca della municipalità di Ağrı, Mukaddes Kubilay, è stato negato il rilascio previsto a causa del suo “comportamento negativo” nel stringere la mano alle famiglie di altri prigionieri nella stanza delle visite della prigione. A Mukaddes Kubilay (67), esponente di HDP incarcerata, ex co-sindaca eletto di Ağrı ed ex sindaca di Doğubeyazıt, è stata negata la libertà vigilata per aver stretto la mano alle famiglie di altri prigionieri durante l’orario di visita.

Mukkaddes doveva essere rilasciata il 4 agosto, ma la sua famiglia ha appreso della decisione delle autorità di rinviarla solo di recente. Suo figlio era volato in Turchia dall’Europa per salutare sua madre, aspettandosi che fosse rilasciata dopo la sua lunga pena detentiva. L’amministrazione penitenziaria della prigione femminile chiusa di Sincan ad Ankara ha affermato che i saluti di Kubilay alle famiglie di altri detenuti durante le visite in prigione avevano “il potenziale per causare comportamenti negativi e la polarizzazione nella prigione”.

Parlando con Bianet, il suo avvocato Nuray Özdoğan ha dichiarato: “Le persone si salutano da decenni nelle sale visita delle carceri, ma nel 2022 è diventato un reato punibile”.

Ha spiegato che attualmente i tempi di rilascio dei prigionieri politici sono ritardati in base alle loro sanzioni disciplinari, ma che ciò non si applica nel caso di Kubilay poiché non è mai stata punita in tutto il suo periodo trascorso in prigione. Ha aggiunto che i prigionieri politici, piuttosto che quelli condannati per reati penali, sono i principali obiettivi di regole arbitrarie. Recentemente, queste regole i sono state utilizzate per prolungare la pena detentiva dei prigionieri politici. “Le date di rilascio di molti prigionieri sono ritardate a causa di queste piccole sanzioni disciplinari”, ha affermato.

La data nominata per la libertà vigilata da Kubilay era il 4 agosto 2022, ma il consiglio di amministrazione e di osservazione della prigione di Sincan ha dichiarato nella decisione dell’11 maggio che Kubilay “non aveva dimostrato rimorso per ciò che aveva fatto” e che “non aveva tagliato i legami con l’organizzazione”.

Un giudice di condanna ha respinto questa decisione a causa delle sue vaghe spiegazioni. Ma il 27 luglio, a seguito di un ricorso dell’accusa, il consiglio di un’Alta Corte di Ankara ha riaffermato la decisione, dichiarando che non sarebbe stata rilasciata alla data di rilascio della libertà vigilata.

Il 28 luglio, la Presidenza del Consiglio ha deciso che Kubilay “non era di buona condotta”. Il Collegio ha indicato la sua mancata partecipazione a un colloquio a cui era stata convocata come ulteriore motivo di questa decisione. “Se i prigionieri si rifiutano di rispondere a domande degradanti sulle loro convinzioni politiche in queste interviste illegali, vengono etichettati come “non di buona condotta”, ha dichiarato l’avvocato di Mukkades Kubilay.

Hanno anche affermato che Kubilay ha cantato slogan il 6 giugno 2022, anche se ciò non è stato dimostrato dalle registrazioni video che coprono ogni mossa dei prigionieri, e il suo avvocato ha spiegato che il canto di slogan potrebbe non essere motivo di punizione a meno che non violi la sicurezza della prigione, secondo una decisione della Corte Costituzionale.

Ha anche aggiunto che la decisione sulla libertà vigilata di Kubilay avrebbe dovuto essere determinata dalla Legge sulle pene detentive così com’era l’8 settembre 2015, data del suo reato, ma che in realtà era stata determinata da una versione modificata del 2020.

Perché Mukaddes Kubilay è stata arrestata?

Mukaddes Kubilay è stata detenuta durante un raid della polizia nella casa di sua figlia il 22 dicembre 2016 e formalmente incriminata il 26 dicembre. Il 1° marzo 2017, il governo ha nominato un fiduciario per la sua posizione di sindaco nella città di Ağrı, a maggioranza curda, vicino al confine iraniano. Il suo processo si è basato su eventi a cui aveva partecipato: comunicati stampa, funerali, eventi organizzati dal consiglio. I libri confiscati durante l’irruzione sono stati accettati anche come prova contro di lei, anche se non erano libri vietati e non era la sua casa ma quella di sua figlia.

Inoltre, è stata accettata anche una “dichiarazione segreta” di un testimone anonimo, durante un’audizione di cui né Kubilay né il suo avvocato erano stati informati. Il 16 febbraio 2018 è stata condannata a 8 anni, 6 mesi e 15 giorni di reclusione per “appartenenza a un’organizzazione terroristica armata” e “propaganda per un’organizzazione terroristica”. Questa pena è stato successivamente ridotto a 7 anni e 6 mesi da una revisione della Corte Suprema.

Chi è Mukaddes Kubilay?

Dal 1990, Kubilay è una politica attiva che promuove la pace e la fraternità tra i popoli turco e curdo. Nel 1999 è stata eletta prima donna sindaco della sua città natale di Doğubeyazıt, dove era molto popolare e ha servito fino al 2009.

Nel 2014 è stata nuovamente eletta co-sindaca di Ağrı.

Era ampiamente conosciuta per la sua promozione dei diritti delle donne e per il suo lavoro altamente produttivo, come la costruzione di un ospedale femminile e l’introduzione di condutture di acqua e un sistema fognario nella città. Era fermamente contraria alla corruzione e al nepotismo e ha aperto la sua porta di sindaco a tutti coloro che ne avevano bisogno, a qualsiasi ora del giorno e della notte.

È estremamente rispettata dai suoi sostenitori, dai suoi colleghi e dai suoi compagni di prigionia nel carcere di Ankara, dove ha scontato la pena insieme ad altre donne curde sindache e co-sindaci incarcerati.

Il figlio di Kubilay, Emre, si era recato in Turchia per incontrare sua madre dalla prigione, entusiasta di trascorrere del tempo con lei. “Mia madre è molto forte. Non è l’unica prigioniera politica a cui è successo. Sono così incredibilmente orgoglioso di lei e dei suoi colleghi politici curdi. Sono persone meravigliose e straordinarie il cui unico crimine è dire la verità e per questo sono imprigionate. Le autorità carcerarie, che hanno preso questa decisione, si incontreranno nuovamente a fine ottobre per rivedere nuovamente la data di rilascio. Saremo qui per incontrarla con amore, dignità e orgoglio qualunque sia il giorno che decideranno”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...