Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Appelli

Appello immediato per una No-Fly Zone per il Nord-Est della Siria/Rojava

Appello urgente alle Nazioni Unite, alla Coalizione globale contro l’ISIS, all’UE, al Consiglio d’Europa e alla Lega degli Stati arabi:

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha da tempo promesso di stabilire unilateralmente una cosiddetta “zona di sicurezza” all’interno del Nord-Est della Siria/Rojava, e le sue azioni hanno reso chiaro che il suo vero obiettivo è invadere, conquistare e ripulire etnicamente queste aree. Il 24 settembre 2019, Erdogan ha annunciato i suoi piani di invasione alla 74a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Chi
conosce l’autocrate e ha osservato le sue varie campagne di aggressione militare sa che la zona di sicurezza di Erdogan, che ha tracciato per il mondo, sarebbe una terra desolata con fosse comuni per i curdi e gli altri popoli della regione.

Con l’implicita approvazione della comunità internazionale, Erdogan continua ad attuare la sua strategia di pulizia etnica, come sta facendo oggi. Questa mattina l’esercito turco ha bombardato Kobanê, nel Nord-Est della Siria, sia dall’aria che da terra, questi attacchi seguono una serie di uccisioni di civili con i droni militari turchi nelle ultime settimane. L’obiettivo di Erdogan e dello Stato turco è chiaro: la pulizia etnica dei curdi. Inoltre, questi attacchi hanno preso di mira anche i cristiani siriaci della regione.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan regge una mappa mentre si rivolge alla 74ª sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite presso la sede dell’ONU a New York, New York, USA, 24 settembre 2019.
Le aree attaccate nel Nord-Est della Siria/Rojava sono tutte incluse nella cosiddetta “zona di sicurezza” sulla mappa che Erdogan ha mostrato all’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2019:

 

Kobanê: ll centro di Kobanê, i villaggi di Boban, Siftek, Selim e Asme, i villaggi occidentali di Kobanê al confine tra Turchia e Siria e il
villaggio di Sheikhler sul fiume Eufrate, di fronte alla città di Jarablus occupata dai turchi, sono stati tutti bombardati. Un bambino di
nome Abid Mohammed Haji (12 anni) è stato ucciso in questi attacchi.
Manbij: I villaggi di al-Jat e Masi, a nord di Manbij, sono stati attaccati con mortai da una base occupata dai turchi a al- Tokhar al-Kabir.
Afrin (Efrin), Distretto di Sherawa: I villaggi di Bênê, Sonxanekê e Qinêtirê sono stati attaccati con obici più di 30 volte.
Girê Spî (Tel Abyad): I villaggi di Arida, Leqleqo, Sewan, Khirbet Beqer e Kopirlek sono stati bombardati e attaccati con armi
pesanti dall’esercito turco in collaborazione con l’ISIS.
Hasakah: Il distretto di Zirgan è stato attaccato e un bambino di nome Tamim Faisal Hamad (11 anni) è rimasto ferito.
Tel Temir: I villaggi di Gozeliyê, Tel Leben, Umm Khair, Til Tewîla Asûran e Selmase sono stati attaccati.
Tirbe Sipiyê: Sono state attaccate aree vicine all’Accademia delle Forze Siriache “Sutoro” nel villaggio di Rotan.

 

Consiglio esecutivo del KNK, 16 agosto 2022

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Comunicati

Erdogan: salvare la sconfitta in Turchia con la guerra nel Kurdistan meridionale Il 23 marzo, il KNK ha convocato un incontro straordinario con i...

Comunicati

Le elezioni locali del 31 marzo hanno portato alla vittoria delle masse democratiche in Kurdistan e in Turchia a favore dell’uguaglianza sociale e del...

Comunicati

Il Consiglio esecutivo del KNK, sottolineando i piani degli stati occupanti di compiere nuovi massacri come Halabja, ha invitato tutte le forze a non...

Comunicati

Questa mattina il regime iraniano ha giustiziato i prigionieri politici curdi Mohsen Mazloum, Mohammad Faramarzi, Vafa Azarbar e Pejman Fatehi. Con l’ultima ondata di...