Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

La società civile turca invita l’opposizione a resistere all’incursione in Siria

Personaggi della società civile in Turchia hanno invitato i partiti di opposizione a opporsi alle incursioni militari del presidente Recep Tayyip Erdoğan in Siria e Iraq.

Accademici, giornalisti, scrittori e attori in Turchia hanno esortato i partiti di opposizione del paese a opporsi a una possibile incursione in Siria in una dichiarazione scritta, intitolata “Non essere parte di questo crimine”, lo ha riferito l’agenzia stampa Mesopotamia (MA).

I 308 firmatari della dichiarazione hanno criticato la “tabella dei sei” – riferendosi a sei dei più influenti partiti di opposizione turchi – per non essersi opposti con forza agli appelli di Erdoğan per una nuova operazione militare nel nord della Siria.

Dal 2016 l’alleanza del Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP) e del Partito del movimento nazionale (MHP) al potere in Turchia ha lanciato una serie di incursioni militari contro le amministrazioni a guida curda nella Siria settentrionale e orientale.

Le forze turche occupano anche aree del Kurdistan iracheno, dove il mese scorso il bombardamento di un villaggio di Zakho ha ucciso nove civili. La dichiarazione scritta ha esortato i partiti di opposizione a prendere le distanze da quelli che hanno definito i crimini del governo AKP-MHP, “soprattutto le sue politiche di guerra”.

Ha aggiunto che i politici dell’opposizione dovrebbero smettere di “portare acqua” s Erdoğan e il leader dell’MHP Devlet Bahçeli, e invece “mostrare il coraggio di dire ad alta voce, pubblicamente e chiaramente no alla guerra in Siria e Iraq”, che mira all’annessione territoriale e alla manipolazione delle percezioni dell’opinione pubblica a casa.

Erdoğan ha fatto frequenti riferimenti durante i suoi interventi a una nuova operazione in Siria, sostenendo anche il caso di una nuova incursione nel paese durante un incontro con il presidente russo Vladimir Putin a luglio.

Il governo turco ha rinnovato la sua lotta contro i militanti curdi e le organizzazioni politiche dopo aver interrotto i colloqui di pace con il Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) nel 2015. Afferma che le operazioni militari in Iraq e Siria sono necessarie per sconfiggere i gruppi legati al PKK che stanno provando stabilire uno stato curdo al confine con la Turchia.

Ma i firmatari della dichiarazione di hanno definito la logica del governo per le operazioni militari una “fabbricazione”, descrivendole come una guerra contro “un popolo che sta lottando per difendere le proprie terre occupate”.

Nessuno in Turchia, a parte il governo e i suoi partner, può guadagnare dalla guerra, afferma la dichiarazione. Personaggi pubblici che resistono alle politiche militari dell’AKP hanno subito gravi conseguenze. Dopo la ripresa del conflitto con il PKK nel 2015, più di 1.000 studiosi hanno condannato le violenze in una lettera aperta pubblicata dalla piattaforma Accademici per la Pace. Da allora più di 600 firmatari hanno dovuto affrontare accuse legali.

ELENCO DEI FIRMATARI

I nomi che hanno firmato la dichiarazione sono i seguenti:

“A. Haluk Ünal, A. Tuncer Sümer, Abdo Yılmaz, Abdulğafur Doğru, Abdulhakim Daş, Abdulkerim Yakut, Abdullah Demirbaş, Abdülbaki Erdoğmuş, Adnan Gündoğan, Adnan Gürcan, Adnan Şanlı, Ahmet Aykaç, Ahmet Dumlu, Ahmet İnsel, Ahmet Kırım, Ahmet Tüzün, Ahmet Yıldırım, Akın Evren, Aksel Agan, Alaattin Yüksel, Alev Er, Ali Bilen, Ali Haydar Konca, Arif Mardin, Armağan Özel, Asiye Kolçak, Aslan Demir, Aslı Erdoğan, Asuman Bayrak, Atilla Keskin, Attila Durak, Ayetullah Aşiti, Ayhan Ergenç, Aysun Höbek, Ayşe Erzan, Ayşe Öncü, Ayşe Özen, Ayşe Sözeri Cemal, Ayşegül Devecioğlu, Ayşen Şahin, Ayten Gümüşel, Bahadır Altan, Baise Pirim, Banu Can, Barbaros Şansal, Barış Ulus, Baskın Oran, Beral Madra, Bilal Şadi Oğuz, Binnaz Toprak, Bumin Güneri, Bülend Tuna, Bülent Atamer, Bülent Bilmez, Bülent Erdem, Bülent Tekin, Cabbar Barış, Cahit Mete, Can Dündar, Cavit Kutaniş, Celal Temel, Cemal Satı, Cengiz Arın, Cihangir Balka, Cuma Çoşan, Çağlayan Üçpınar, Çetin Ali Nergis, Çetin Yılmaz, Dilşa Deniz, Doğan Özgüden, Doğan Özkan, Dursun Bulut, Elif Aytaç, Emine Uşaklıgil, Emre Kutlu, Emsal Orhan, Ender Seren, Enes Atila Pay, Erdal Karayazgan, Erdoğan Aydın, Erdoğan Bayram, Erdoğan Kahyaoğlu, Erol Özkoray, Esra Koç, Esra Mungan, Fatma Akdokur, Fatma Aytaç, Fatma Bostan Ünsal, Fatma Gök, Fatma Mefkure Budak, Faysal Sarıyıldız, Fehim Işık, Fehmi Tek, Ferhat Tunç, Fethiye Çetin, Fevzi Kömürcü, Feyha Karslı, Filiz Kardam, Firdevs Nazan Eroğlu, Fügen Kanadıkırık, Füsun Kaya, Gaye Boralıoğlu, Gençay Gürsoy, Gönül Ertör, Gülayşe Koçak, Gülden Önal, Gülnur Acar Savran, Gülnur Yılmaz , Gülser Kayır, Gürhan Ertür, Güven Yılmaz, Habib Bektaş, Hacer Ansal, Hacer Eren, Hadi Cin, Hakim Tokmak, Halil Aksoy, Halil Ergün, Halil İbrahim Yenigün, Halis Ertaş, Hamiyet Akkaya, Hanife Yüksel, Harun Toptan, Hasan Cemal, Hasan Ergül, Hasan Fehmi Nemli, Hasip Kaplan, Hayri İnönü, Hikmet Savaş Ektirici, Hüseyin Demirton, Hüseyin Yılmaz, Hüsnü Okçuoğlu, İbrahim Mutlu, İbrahim Yön, İhsan Direk, İlhan Çelik, İlter Sayın, İnci Tuğsavul, İshak Kocabıyık, İsmail Budak, İsmail Duygulu, İsmail Gönen, İsmet Hüsrevoğlu, Jini Güneş, Kadir Amaç, Kadir Bal, Kahraman Oğuz, Kemal Bilget, Kemal Pekgöz, Kemal Ulaş, Kemal Yüksel, Korkut Akın, Kuvvet Lordoğlu, Lale Mansur, Latif Şimşek, Lezgin Botan, Lütfiye Bozdağ, M. Emin Eren, M. İhsan Çevik, M. Kemal Parlak, M. Sait Yıldırım, M. Şirin Özel, Mahinur Şahbaz, Mazhar Zümrüt, Mehmet Ali Çoşkun, Mehmet Altun, Mehmet Aslan, Mehmet Hanifi Yangın, Mehmet Kuzu, Mehmet Naci Sürmeli, Mehmet Parlak, Mehmet Uğur, Mehmet Yücel, Melek Erman Köni, Melek Taylan, Melsa Ararat, Menderes İnanç, Meryem Koray, Metin Çakan, Metin V. Bayrak, Mevlut Ülgen, Mihail Vasiliadis, Mukaddes Çelik, Murat Çelikkan, Murat Utku, Murathan Mungan, Mustafa O. Sinemillioğlu, Mübetcel İlhan, Münir Korkmaz, N. Süleyman Özyalçın, Nafiz Özbek, Nazar Büyüm, Nazmi Algan, Nazmi Paylaşmış, Nebahat Akın, Necip Alişan Bekiranlı, Necmiye Alpay, Nefise Bazoğlu, Nergiz Ovacık, Nesrin Aslan, Nesrin Nas, Nesteren Davutoğlu, Neşe Erdilek, Nevzat Onaran, Nihat Bulut, Nihat Şahbaz, Nil Mutluer, Nilgün Doğançay, Nilgün Yurdalan, Nizamettin Acar, Nur Çiğdem Tezel, Nur Deriş, Nur Sürer, Nuray Tekin, Nurcan Baysal, Nurdan Şahin, Olcay Şimşek, Orhan Alkaya, Orhan Doğançay, Orhan Silier, Osman Kırımlı, Osman Okkan, Oya Akıncı, Oya Baydar, Oya Berk, Ömer Akat, Ömer Ceylan, Ömer Madra, Ragıp Zarakolu, Rahmi Yıldırım, Rakel Dink, Refet Ali Yalçın,Resul Sever, Reşo Son, Reyan Tuvi, Rıza Türmen, Ruhi Örmeci, Saadet Becerikli , Saadet Erkuş, Sabahat Yavuz, Sabahattin Diril, Saime Erkal, Sait Atalay, Salih Zeki Tombak, Salman Kaya, Savaş Erdoğan, Selahatttin Karavul, Sema Bulutsuz, Sema Gülez, Semir Özmen, Semra Eker, Semra Somersan, Sena Kaleli, Serdar Arat, Serdar Keskin, Serdar M. Değirmencioğlu, Serhat Bucak, Servet Demir, Sevgi Binbir, Sevil Peach, Sevim Cengizkan, Shleymun Rhawi, Sibel Yiğitalp, Suat Bozkuş, Suavi, Sultan Tekinarslan, Süleyman Eryılmaz, Süleyman Karataş, Şahika Yüksel, Şanar Yurdatapan, Şebnem Ungan, Şefika Gürbüz, Şenay Feyzioğlu, Şengün Kılıç, Şeref Yıldız, Şükrü Aslan, Şükrü Turhal, Tacettin Demir, Tahsin Yeşildere, Talat Kırış, Tarık Kayakan, Temel İskit, Toros Korkmaz, Tuna Altınel, Türkan Kentel, Ufuk Daşcan, Umut Anıl Özdoğan, Ülkü Schneider-Gürkan, Ümit Aktaş, Ümit Özdemir, Ünal Karasu, Vehbi Müjdecioğlu, Veysi Tokmak, Viki Çiprut, Yalçın Ergündoğan, Yaprak Zihnioğlu, Yasemin Bektaş, Yavuz Okçuoğlu, Yıldız Tekgönül, Zehra Kabasakal Arat, Zehra Şenoğuz, Zeki Oğuz, Zeki Uzun, Zekiye Güzin Tümer, Zeliha Karınca, Zeynep Atikkan, Zeynep Selimoğlu Akıncı, Ziya Halis.”

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Il Comitato esecutivo centrale del partito DEM ha avvertito che gli attacchi contro gli operatori della stampa libera in Turchia e in Europa sono...

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...