Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Libertà per Öcalan

Lo studio legale Asrin chiede la fine dell’ingiustizia e dell’illegalità a Imrali

Esattamente tre anni fa, il team legale di Abdullah Öcalan ha potuto visitare per l’ultima volta il suo cliente nell’isola prigione turca di Imrali. Per 17 mesi non c’è stato alcun segno di vita da Öcalan e dai suoi tre compagni di prigionia.

Lo studio legale Asrin, che rappresenta il fondatore del PKK Abdullah Öcalan, imprigionato nell’isola carceraria di Imrali dalla sua deportazione in Turchia nel febbraio 1999, ha rilasciato domenica una dichiarazione scritta, poiché il leader curdo non ha potuto esercitare il suo diritto di incontrare il suo consulente legale per esattamente tre anni. La dichiarazione ha sottolineato che il contatto con gli avvocati difensori è “uno dei diritti evidenti concessi a Öcalan dalla legge e dai principi generali del diritto”.

Pronti per una soluzione democratica alla questione curda

Secondo la dichiarazione, non ci sono stati contatti con Öcalan fino al 2 maggio 2019, dopo una visita del suo team legale a Imrali il 27 luglio 2011. Nel 2019 l’illegale divieto di contatto è stato brevemente allentato, preceduto da uno sciopero della fame avviato dalla deputata incarcerata di HDP Leyla Güven, a cui si unirono poi migliaia di prigionieri politici. Attraverso il suo appello, ha assicurato che lo sciopero della fame, che aveva raggiunto un punto molto pericoloso, fosse terminato. Ha dato messaggi per rassicurare l’opinione pubblica”, ha affermato lo Studio Legale Asin.

Non la legge, ma la volontà politica è decisiva a Imrali

La dichiarazione prosegue: “L’allora Ministro della Giustizia turco aveva dichiarato pubblicamente il 16 maggio 2019 che non c’erano più problemi legali con le visite degli avvocati al carcere dell’isola di Imrali. Tuttavia dall’ultima visita del 7 agosto 2019, tutte le richieste di visita sono state nuovamente respinte. Nei tre anni trascorsi fino ad oggi, non c’è stato un solo incontro con i nostri assistiti a Imrali.

Inoltre lo sciopero della fame contro l’isolamento in quel momento e la successiva dichiarazione del Ministro della Giustizia al riguardo dimostrano sufficientemente che non la legge ma la volontà politica è decisiva per Imrali.

Nuova regolamentazione nell’ordinamento giuridico turco

La dichiarazione afferma inoltre: “Dal 27 luglio 2011 fino al tentativo di colpo di stato del 15 luglio 2016, tutte le richieste di visite settimanali degli avvocati sono state respinte dalle autorità sulla base del fatto che condizioni meteorologiche avverse o un difetto della nave non consentivano la traversata. Immediatamente dopo la dichiarazione dello stato di emergenza a seguito del tentativo di colpo di stato del 15 luglio, il giudice dell’applicazione della legge di Bursa ha emesso il divieto per gli avvocati di visitare la prigione di Imrali come uno dei primi atti ufficiali. Dopo, con i decreti d’urgenza illegittimi, è stato emanato un decreto che ha spianato la strada alla messa al bando degli avvocati e si è cercato di dare alla situazione una patina ‘legale’. Questa è stata la prima volta nel sistema giudiziario turco che è stato introdotto un regolamento che limita il diritto delle persone a essere rappresentate da un consulente legale – nel caso di Imrali, è stato addirittura abolito del tutto nella pratica. Al fine di mostrare come il sistema di isolamento di Imrali influisca negativamente sull’attuale ordinamento giuridico, ricordiamo che la norma volta a vietare agli avvocati di agire come difensori dei propri assistiti, ma non il diritto all’avvocato per le persone fisiche, che era anche stato emanato nel 2004 ed è stato nuovamente diretto contro il nostro cliente Abdullah Öcalan. Immediatamente dopo l’entrata in vigore dell’articolo in questione, a 15 avvocati è stato vietato, per ordine del tribunale, di difendere Öcalan per un anno. In base a questo decreto, molti degli avvocati del signor Öcalan hanno continuato a essere banditi”.

Nessun segno di vita da Imrali per 17 mesi

“Il divieto di visita, imposto dopo il 15 luglio 2016 con il pretesto dello stato di emergenza, è stato poi prorogato ininterrottamente per sei mesi. Anche i compagni di prigionia di Öcalan Ömer Hayri Konar, Veysi Aktaş e Hamili Yıldırım, che sono rappresentati anche dall’Ufficio legale Asrin, ne sono stati colpiti, ma non hanno mai visto i loro avvocati difensori dal loro trasferimento a Imrali nel 2015. Non c’è stato alcun segno di vita dai prigionieri a Imrali per 17 mesi.

La dichiarazione dello studio legale Asrin conclude: “In quanto avvocati che hanno potuto incontrare solo uno dei loro clienti detenuti in condizioni di stretto isolamento in una prigione dell’isola cinque volte in undici anni e non hanno avuto loro notizie per 17 mesi, vorremmo chiedere all’opinione pubblica intera, in particolare agli ordini degli avvocati, alle organizzazioni legali e per i diritti umani: è una situazione che può essere accettata come normale? Può esserci una prigione come Imrali in un paese la cui costituzione dice che è uno stato di diritto, in cui nessun civile può entrare? Un buco nero nel sistema legale come il sistema di isolamento Imrali può essere accettato come normale? Per quanto tempo la società turca rimarrà in silenzio su questa ingiustizia senza precedenti su Imrali e per quanto tempo ignorerà i fatti? Ricordiamo che un ordinamento giuridico non può tollerare a lungo tali ‘eccezioni’, perché con il passare del tempo queste ‘eccezioni’ si diffondono in tutto il sistema e le rendono inutili. Questo è esattamente il quadro sociale, politico ed economico che vediamo oggi in Turchia. Affinché la pace sociale possa emergere e per noi raggiungere una vera democrazia istituzionalizzata e lo stato di diritto, ci aspettiamo che tutta l’opinione pubblica riconosca questa realtà e si opponga all’ingiustizia e all’illegalità. Chiediamo a tutti di essere sensibili all’isolamento disumano su Imrali”.

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Libertà per Öcalan

In un messaggio inviato tramite i suoi avvocati, Sebahat Tuncel ha dichiarato che inizierà lo sciopero della fame a partire da domani e che...

Libertà per Öcalan

Il gruppo parlamentare del partito DEM ha convocato una riunione d’emergenza della sottocommissione d’inchiesta sui diritti dei condannati e dei prigionieri della Commissione parlamentare...

Libertà per Öcalan

Affermando che le loro preoccupazioni nei confronti del leader del PKK Abdullah Öcalan sono aumentate dopo il terremoto di Gemlik, il deputato dell’HEDEP Ömer...

Libertà per Öcalan

In un’intervista dell’8 luglio, l’esponente del consiglio esecutivo dell’Unione delle comunità democratiche del Kurdistan (KCK) Sabri Ok ha dichiarato al canale televisivo curdo Sterk...