Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

L’ordine degli avvocati di Diyarbakır preso di mira per la dichiarazione di condanna della Turchia per l’omicidio di Zakho

L’ordine degli avvocati di Diyarbakır è diventato il bersaglio di esperti filo-governativi per una dichiarazione rilasciata sul massacro di Zakho che condanna l’esercito turco. Tuttavia è rimasto provocatorio affermando che non si inchineranno. L’ordine degli avvocati di Diyarbakır (Amed) nella Turchia sudorientale a maggioranza curda è diventato il bersaglio di giornali filo-governativi e utenti dei social media dopo aver rilasciato una dichiarazione sull’uccisione di nove civili nel distretto iracheno di Zakho (Zaxo).

” Civili, compresi i bambini, sono stati uccisi a Zakho a causa del bombardamento del TSK [forze armate turche]”, lo ha dichiarato mercoledì l’ordine degli avvocati di Diyarbakır.

“Proprio come a Roboski, i diritti umani non vengono rispettati quando si tratta di curdi”, si legge nella dichiarazione, riferendosi all’uccisione nel 2011 da parte dell’esercito turco di 34 abitanti di un villaggio curdo, compresi 19 bambini, nel villaggio di Roboski della città a maggioranza curda di Şırnak (Şırnex).

L’ordine offre le sue condoglianze alle famiglie di coloro che sono stati uccisi nell’attacco nel Kurdistan iracheno affermando: “L’associazione presenterà una denuncia penale e seguirà il processo giudiziario affinché i colpevoli siano assicurati alla giustizia”.

Tuttavia figure filogovernative e nazionaliste chiedono ora l’avvio di un’indagine sull’ordine, descrivendo la dichiarazione dell’ordine come “propaganda terroristica”.

Dopo migliaia di tweet offensivi e accusatori e un’intensa campagna diffamatoria, l’ordine ha rilasciato un’altra dichiarazione in cui afferma che non si piegherà alle minacce.

L’ordine degli avvocati di Diyarbakır ha difeso la superiorità del diritto sin dalla sua fondazione”Continuerà la lotta per i diritti, la legge e la giustizia indipendentemente dal prezzo che potrebbe pagare”. “L’associazione continuerà a difendere la pace dalla guerra e dalla violenza”, ha aggiunto.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...