Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Decine di suicidi nelle carceri turche, la situazione sta raggiungendo “livelli di crisi”

L’aumento dei tassi di incarcerazione negli ultimi anni ha esacerbato le condizioni di detenzione già al di sotto degli standard in Turchia, lo ha affermato venerdì l’Organizzazione mondiale contro la tortura in una nota informativa sulla situazione dei prigionieri.

Le parti vulnerabili della società, comprese le minoranze etniche, le donne, le persone LGBTI+, i minori e le persone con disabilità, vivono in condizioni particolarmente difficili, ha affermato il Comitato di controllo globale. Secondo i risultati dell’OMCT, almeno 57 morti nelle carceri turche sono state classificate come suicidio nel 2020. Anche aggressioni fisiche, percosse, perquisizioni, rifiuto di cure mediche e altre restrizioni arbitrarie sono in aumento, ha scoperto il gruppo.

Un altro problema importante è stato riscontrato nelle condizioni dei prigionieri malati cronici, in cui ai detenuti vengono negate diete adeguate e visite mediche regolari.

L’OMCT ha citato la situazione della politica curda Aysel Tuğluk, a cui sono state fornite relazioni consecutive dalle autorità in cui si afferma che potrebbe rimanere in prigione nonostante una diagnosi di demenza avanzata e le segnalazioni degli ospedali universitari che chiariscono che la mancanza di stimolazione in condizioni carcerarie sta portando a degenerazione accelerata delle sue funzioni di memoria.

Il gruppo ha scoperto che l’Istituto di medicina legale (ATK) emette referti medici sotto la pressione del governo, in particolare per i prigionieri politici. I prigionieri LGBTI+ affrontano costantemente il rischio di aggressioni fisiche e sessuali e hanno particolari difficoltà ad accedere all’assistenza sanitaria, hanno affermato. I prigionieri sono stati anche trasferiti frequentemente tra le carceri e contro la loro volontà. Diversi prigionieri transgender hanno fatto lo sciopero della fame negli ultimi anni per protestare contro i maltrattamenti subiti dalle autorità.

La Turchia è tra i primi tre paesi con una popolazione carceraria superiore a 300.000 secondo il rapporto annuale delle statistiche penali (SPACE) del Consiglio d’Europa per il 2021. Tra il 2011 e il 2021, il tasso di carcerazione nel paese è cresciuto dell’89%.

Oltre ai 314.502 detenuti in Turchia, ci sono altre 426.647 persone in libertà vigilata, portando il numero totale di cittadini privati della libertà a 741.149 nel paese di 84 milioni di persone.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...

Libertà per Öcalan

In una conferenza stampa tenutasi presso la sede del partito ad Ankara, la portavoce Ayşegül Doğan ha sottolineato le violazioni dei diritti umani nella...