Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Tornano gli anni ’90: ingressi vietati ai villaggi, embargo alimentare

Nei paesi ai piedi del monte Cudi, la gendarmeria limita agli abitanti di villaggio pane e cibo, mentre i cittadini possono entrare nelle loro case con un “foglio di permesso”. Mentre gli attacchi lanciati dalla Turchia alle regioni di Zap, Metina e Avaşîn della regione federata del Kurdistan il 17 aprile, in collaborazione con il KDP, sono proseguiti, dopo gli attacchi è stata lanciata anche un’operazione militare sul monte Judi a Şırnak. Nell’ambito dell’operazione lanciata contro il Monte Cudi il 30 aprile, si sono verificati violenti scontri e continua la mobilitazione nella regione.

A causa delle operazioni il 10 maggio sono stati vietati l’ingresso e l’uscita dai villaggi di Xinis, Şemga, Sorbitnê û Girêçolya nel distretto di Silopi, situato ai piedi del monte Cudi.

Mentre dei punti di ricerca sono stati allestiti agli ingressi di 4 villaggi, le persone possono recarsi nelle loro case e nei loro giardini ottenendo un “foglio di permesso” dalla stazione di polizia.

Gli abitanti del villaggio che non possono ottenere un modulo di autorizzazione dalla stazione di polizia non possono entrare nel villaggio in alcun modo. Anche gli ingressi ai villaggi Serêdehlê, Avgamasya Kevin e Şilerut di Şırnak, un altro versante del Monte Cudi, sono stati vietati il 15 maggio.

Sanzioni e restrizioni alimentari

Secondo le informazioni ricevute, molti cittadini sono stati multati di 2mila TL per aver violato il divieto annunciato nella regione. È stato appreso che i soldati hanno allestito punti di ricerca sulla strada per i villaggi di Serêdehlê, Avgamasya e Şilerût, ed è stato affermato che i cittadini che volevano andare nei loro vigneti, giardini e campi sono stati sottoposti a una scansione di informazione generale. (GBT). È stato riferito che sono state imposte restrizioni su cibo, cibo e bevande agli abitanti del villaggio che hanno ottenuto il permesso dal governatorato e sono entrati nei loro villaggi con un modulo di autorizzazione. Si è appreso che gli abitanti del villaggio che hanno acquistato più di un pane e cibo potevano passare dopo che il loro cibo era stato confiscato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...